AGRICOLTORI ABBANDONATI DA MELONI CHE PENSA ALLE CAVALLETTE

1 Febbraio 2024

In queste ore, davanti al Parlamento europeo e alle altre istituzione UE, è in corso una protesta degli agricoltori provenienti da tutta Europa.

E anche l’Italia ha le sue grandi colpe: il governo Meloni usa l’arma di distrazione di massa della lotta alle cavallette e agli insetti, come se davvero i problemi del mondo fossero questi, e ignora la crisi del settore agricolo europeo.

Da tempo come Movimento 5 Stelle denunciamo politiche commerciali che sacrificano l’agricoltura per altri interessi dell’UE, in primis industriali. Abbiamo votato contro il CETA, che ha favorito un’importazione selvaggia di grano canadese a basso costo, e ci siamo sempre opposti all’accordo UE-Mercosur, che avrebbe penalizzato pesantemente il nostro settore ortofrutticolo.

Ci chiediamo invece cosa stia facendo il governo Meloni.

Ricordiamo che la protesta degli agricoltori è nata in Polonia, dove la sospensione dei dazi doganali sui prodotti agroalimentari dell’Ucraina ha messo in serie difficoltà la competitività del settore locale. Nel giro di un anno, secondo i dati della Commissione europea, le importazioni dall’Ucraina sono praticamente raddoppiate e questo non può non avere conseguenze sul mercato interno.

Giorgia Meloni inoltre è una sostenitrice acritica dell’ingresso dell’Ucraina nell’UE, ma ha mai pensato alle conseguenze che questo potrebbe avere sul settore agricolo italiano ed europeo? L’estensione all’Ucraina della PAC, per esempio, farebbe scendere i trasferimenti ai nostri agricoltori almeno del 20%, un salasso per chi già adesso non arriva alla fine del mese perché deve fare i conti con un sistema che li penalizza.

La protesta degli agricoltori sia un monito per riportare sulla terra certi politici.

Hai bisogno di qualche informazione?

https://www.tizianabeghin.it/wp-content/uploads/2022/02/logo-320x145.png
© Copyright 2022 - Tiziana Beghin
Contatti
Parlamento europeo • Rue Wiertz 60, 1047 Bruxelles