Ampliare le innovazioni logistiche a sostegno della decarbonizzazione del trasporto merci in modo accessibile

15 Febbraio 2024
TITOLO  

Scaling up logistics innovations supporting freight transport decarbonisation in an affordable way

 

Ampliare le innovazioni logistiche a sostegno della decarbonizzazione del trasporto merci in modo accessibile

 

 

HORIZON-CL5-2024-D6-01-07

 

ENTE FINANZIATORE Commissione europea

Programma

Programma quadro Horizon Europe (HORIZON)

 

SETTORE DI RIFERIMENTO Trasporto
OBIETTIVI ED IMPATTO I progetti devono contribuire a tutti i seguenti risultati:

·         Riduzione delle emissioni di gas serra del 55% entro il 2030 nelle reti del progetto, senza ridurre le prestazioni complessive della catena logistica e tenendo conto di tutti i costi e le esternalità.

·         I guadagni in termini di efficienza operativa e impatto ambientale derivanti dall’implementazione di Physical Internet  sono chiaramente identificati, dimostrati e misurati.

·         Vengono sviluppati concetti logistici che accelerano la decarbonizzazione del trasporto merci e l’adozione di veicoli/navi a zero emissioni e della multimodalità.

Ambito di applicazione:

Sulla base dei progetti finanziati in precedenza e delle attività in corso (ad esempio, Connecting Europe Facility, progetti Horizon 2020 e Horizon Europe), garantendo la conformità con il quadro di condivisione dei dati perseguito dal Digital Transport and Logistics Forum (DTLF) e tenendo conto dello sviluppo dello spazio comune europeo dei dati sulla mobilità, le proposte piloteranno, dimostreranno e scaleranno soluzioni collaborative sistemiche riguardanti i nodi logistici, la connettività delle reti logistiche multimodali, i modelli di business e di governance. L’attenzione si concentrerà sull’interoperabilità digitale e fisica e sull’adozione di veicoli/navi a emissioni zero.

Le proposte dovranno ricercare e dimostrare in modo strutturato e sistematico tutti i seguenti punti:

·         Dimostrare almeno 10 processi, procedure e servizi standard aperti e funzionanti tra diversi nodi logistici che forniscono un accesso continuo agli utenti. Ci si aspetta che i processi, le procedure e i servizi abbiano una definizione di accesso aperto e che vengano affrontati gli aspetti di scalabilità.

·         Sviluppare e dimostrare ulteriormente la compatibilità e l’interoperabilità dell’intera gamma di unità di trasporto multimodali standardizzate (dai container alle scatole), anche tra i vari modi di trasporto.

·         Per ottenere una connettività scalabile delle reti logistiche multimodali, è necessario dimostrare modelli e processi, supportati dall’intelligenza artificiale, dall’Internet delle cose, ecc. che possano aumentare l’utilizzo di beni e risorse nelle reti dei fornitori di servizi logistici attuali in modo dinamico. Questi modelli dovrebbero anche considerare come aumentare l’adozione di veicoli/navi automatizzati e a emissioni zero e l’uso della ferrovia e delle vie navigabili interne attraverso soluzioni multimodali.

·         Dimostrare strumenti, tecnologie e processi per ottenere diversi tipi di compatibilità dei flussi (ad esempio attraverso scatole standard condivise) e soluzioni sincro-modali sulle reti dei fornitori di servizi logistici, coinvolgendo a tal fine spedizionieri e rivenditori.

·         Dimostrare i vantaggi (ad esempio, riduzione delle emissioni di gas serra rispetto all’aumento dei costi operativi) di posizioni di inventario decentrate nella rete logistica comune che consentono il trasporto multimodale a bassa velocità per (ri)posizionare i livelli di scorte e rispondere ai tempi di consegna a breve termine con posizioni di inventario più vicine ai consumatori (ad esempio, la piena visibilità delle posizioni di inventario nelle reti di vendita al dettaglio estesa ai fornitori e ai fornitori di servizi logistici).

·         Testare e dimostrare modelli e regole aziendali e di governance solidi (compresi i requisiti di modifica organizzativa) per la condivisione delle risorse tra le reti logistiche, per garantire l’efficienza operativa dei movimenti di merci indipendentemente dal modo, dalle operazioni nodali e dalle caratteristiche delle merci.

·         Testare e dimostrare le funzionalità e la pertinenza del quadro di condivisione dei dati, al fine di ottimizzare il sistema logistico, anche attraverso la creazione di un modello semantico appropriato e dei suoi componenti, come ad esempio i gemelli digitali con algoritmi specifici che consentono la pianificazione predittiva degli eventi logistici. Le sinergie per il settore ferroviario dovranno essere ricercate con i progetti del programma EU-Rail che attuano il tema trasversale sugli abilitatori digitali e l’area faro 5.

·         Sviluppare e dimostrare la scalabilità delle soluzioni proposte che forniscono meccanismi di accesso aperto e soglie basse al sistema delle reti logistiche. Considerare la realizzazione di modelli e strumenti di visualizzazione e simulazione per mostrare l’uso pratico dei modelli collaborativi per i vari tipi di stakeholder e i potenziali benefici basati su casi reali. Sviluppare azioni specifiche per incoraggiare, facilitare e garantire l’accesso delle PMI e degli operatori più piccoli.

·         Misurare e dimostrare i benefici in termini di utilizzo delle risorse, convenienza delle soluzioni proposte, capacità di produzione e impatto ambientale della collaborazione orizzontale su larga scala tra reti logistiche (sistema di reti logistiche).

Se i progetti utilizzano dati e servizi di osservazione della terra, posizionamento, navigazione e/o tempistica correlati basati su satelliti, i beneficiari devono descrivere se e come l’uso di Copernicus e/o Galileo/EGNOS sono incorporati nelle soluzioni proposte. Inoltre, se le attività proposte prevedono l’uso e/o lo sviluppo di sistemi e/o tecniche basate sull’intelligenza artificiale, la proposta deve descrivere la robustezza tecnica e sociale dei sistemi proposti.

Condizioni specifiche dell’argomento:

Si prevede che le attività raggiungano il TRL 7 entro la fine del progetto – si veda l’Allegato generale B.

 

CRITERI DI ELEGGIBILITÀ

 

 

Qualsiasi soggetto giuridico, indipendentemente dal suo luogo di stabilimento, compresi i soggetti giuridici di Paesi terzi non associati o di organizzazioni internazionali (comprese le organizzazioni internazionali di ricerca europee) può partecipare (indipendentemente dal fatto che sia idoneo o meno al finanziamento), a condizione che siano state soddisfatte le condizioni stabilite dal regolamento Horizon Europe e qualsiasi altra condizione stabilita nel tema specifico del bando. Per “soggetto giuridico” si intende qualsiasi persona fisica o giuridica costituita e riconosciuta come tale ai sensi del diritto nazionale, del diritto dell’UE o del diritto internazionale, dotata di personalità giuridica e che può, agendo in nome proprio, esercitare diritti ed essere soggetta a obblighi, oppure un soggetto privo di personalità giuridica.

I beneficiari e gli enti affiliati devono registrarsi nel Registro dei Partecipanti prima di presentare la domanda, per ottenere un codice di identificazione del partecipante (PIC) ed essere convalidati dal Servizio Centrale di Convalida prima di firmare la convenzione di sovvenzione. Per la convalida, durante la fase di preparazione della sovvenzione, verrà chiesto loro di caricare i documenti necessari che dimostrino il loro status giuridico e la loro origine. Un PIC convalidato non è un prerequisito per presentare una domanda.

CONTRIBUTO FINANZIARIO

 

 

Contributo UE previsto per progetto La Commissione ritiene che un contributo UE di circa 10 milioni di euro consentirebbe di affrontare adeguatamente questi risultati. Tuttavia, ciò non preclude la presentazione e la selezione di una proposta che richieda importi diversi. Budget indicativo Il budget totale indicativo per il tema è di 20,00 milioni di euro. Tipo di azione Azioni di innovazione
SCADENZA

 

05 settembre 2024 17:00:00 ora di Bruxelles
ULTERIORI INFORMAZIONI wp-8-clima-energia-e-mobilità_orizzonte-2023-2024_it.pdf (europa.eu)

 

Servizio offerto da Tiziana Beghin, deputato al Parlamento europeo, membro non iscritto.

Disclaimer: Le opinioni espresse sono di responsabilità esclusiva dell’autore o degli autori e non riflettono necessariamente la posizione ufficiale del Parlamento europeo

 

Hai bisogno di qualche informazione?

https://www.tizianabeghin.it/wp-content/uploads/2022/02/logo-320x145.png
© Copyright 2022 - Tiziana Beghin
Contatti
Parlamento europeo • Rue Wiertz 60, 1047 Bruxelles