Assistenza allo sviluppo di progetti per investimenti in energia sostenibile

15 Giugno 2023
Titolo LIFE-2023-CET-PDA: Project Development Assistance for sustainable energy investments

Assistenza allo sviluppo di progetti per investimenti in energia sostenibile

Ente finanziatore Commissione europea

Programma Life

Settore di riferimento Ambiente
Obiettivi ed impatto attesi L’Assistenza allo sviluppo di progetti (PDA) offre assistenza tecnica agli sviluppatori di progetti pubblici e privati per realizzare investimenti in efficienza energetica e in energie rinnovabili di dimensioni ambiziose.

 

Mentre i temi di LIFE-CET, come LIFE-2023-CET-LOCAL o lo Strumento per le città europee, si concentrano rispettivamente sull’elaborazione di piani di transizione come i Piani d’azione per l’energia sostenibile e il clima (SECAP) o sull’elaborazione di concetti di investimento e sulla costruzione di pipeline di investimenti, il tema PDA mira a sostenere gli sviluppatori di progetti in tutta Europa per realizzare una pipeline di progetti energetici sostenibili altamente ambiziosi. I progetti devono sviluppare soluzioni replicabili che mobilitino capitali privati, combinino finanziamenti pubblici e privati, creino strumenti finanziari scalabili e a lungo termine e allo stesso tempo superino le barriere legali e strutturali. I progetti devono dimostrare un approccio innovativo, ad esempio nel miglioramento delle procedure di appalto esistenti, nell’aggregazione e nella strutturazione di progetti di investimento, nell’avanzamento dei confini del mercato o nel cambiamento delle strutture organizzative e normative.

 

I progetti PDA contribuiscono in modo significativo al raggiungimento degli obiettivi europei di Green Deal e contribuiranno ad aprire la strada a un sistema energetico pulito e decarbonizzato. Nei prossimi anni, si prevede che i progetti PDA contribuiranno in modo significativo ad accelerare la transizione verso l’energia pulita, come indicato nel piano REPowerEU per eliminare gradualmente la dipendenza dell’UE dalle importazioni di combustibili fossili, e a contribuire al piano di investimenti Green Deal, stimolando la domanda di mercato per le tecnologie Net-Zero e favorendone l’adozione. Una serie di soluzioni molto innovative per quanto riguarda il finanziamento e la mobilitazione degli investimenti sono state dimostrate nei precedenti progetti PDA di Horizon 2020, che hanno contribuito a spostare i confini del mercato e a dimostrare l’applicazione pratica di soluzioni ispirate. Tra gli esempi si possono citare lo sviluppo di un fondo di prestito rotativo che combina i finanziamenti del Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR), prestiti a basso interesse e finanziamenti di terzi attraverso società di servizi energetici (ESCO) per ristrutturare profondamente gli ospedali di una regione, lo sviluppo di un fondo di forfaiting che utilizza investimenti privati, o lo sviluppo di una gestione sostenibile del patrimonio immobiliare pubblico e i conseguenti investimenti in efficienza energetica nei beni comunali.

 

Si prevede che i progetti PDA continuino a mantenere i buoni risultati in termini di mobilitazione degli investimenti privati e di aumento dell’efficacia dei costi delle risorse di bilancio pubbliche nazionali e dell’Unione, sviluppando progetti pronti per essere finanziati e bancabili. In questo contesto, e ove pertinente, i progetti PDA dovrebbero avvalersi dei programmi UE esistenti[6] per l’attuazione dei futuri investimenti.

 

Ambito di applicazione:

L’assistenza allo sviluppo di progetti (PDA) sosterrà i promotori di progetti nella preparazione e nel lancio di pipeline di investimenti in progetti di energia sostenibile. Il tema del bando mira a sviluppare le competenze tecniche, economiche e legali dei promotori di progetto necessarie per il successo dello sviluppo e dell’attuazione dei progetti. I progetti dovranno dimostrare il loro valore aggiunto e portare al lancio di investimenti tangibili in energia sostenibile entro la durata del progetto.

 

Le proposte per i progetti PDA possono essere presentate da promotori di progetti pubblici o privati, come autorità pubbliche o loro raggruppamenti, operatori ed enti infrastrutturali pubblici/privati, agenzie per l’energia, società di servizi energetici, catene di vendita al dettaglio, grandi proprietari di immobili, servizi o industrie.

 

Le proposte devono dimostrare una chiara dimensione di vetrina nel fornire soluzioni replicabili per accelerare gli investimenti in energia sostenibile in tutta Europa, per quanto riguarda:

 

▪       l’innovazione organizzativa per la mobilitazione del programma di investimenti, come la creazione di unità di sviluppo dei progetti o l’istituzione di procedure di appalto efficienti per il raggruppamento e la messa in comune di beni (misti) su larga scala. Il focus geografico può essere a livello di quartiere, città o più ampio; e/o

▪       ingegneria finanziaria, con un’attenzione particolare all’incentivazione di maggiori livelli di investimento privato e a una migliore combinazione dei fondi esistenti. Ciò potrebbe includere contratti di rendimento energetico, strumenti finanziari, fondi misti, schemi innovativi di pagamento in bolletta e in tasse, schemi di finanziamento basati sulla comunità, ecc.

▪       Le proposte devono puntare a livelli ambiziosi di risparmio energetico e decarbonizzazione, come ristrutturazioni profonde, standard NZEB, edifici o quartieri a energia positiva e/o infrastrutture ad alta efficienza energetica.

 

Le proposte potrebbero riguardare settori quali:

 

Edifici

 

▪       Edifici residenziali esistenti, compresi i grandi operatori di edilizia sociale.

▪       Edifici non residenziali esistenti di proprietà pubblica o commerciale, comprese le strutture della difesa come i loro uffici, ospedali e accademie.

▪       Riscaldamento urbano

 

▪       Decarbonizzazione e modernizzazione delle reti di teleriscaldamento/raffreddamento esistenti, compresi gli investimenti relativi all’espansione dei sistemi esistenti.

▪       Infrastrutture

 

▪       Infrastrutture pubbliche esistenti, come i servizi idrici e fognari o l’illuminazione.

Aziende

 

▪       Miglioramento dell’efficienza energetica dell’industria e dei servizi, comprese le PMI, ad esempio attraverso facilitatori di mercato che sostengono progetti di investimento.

▪       Energie rinnovabili

 

▪       Generazione e stoccaggio di energie rinnovabili integrate negli edifici e altre energie rinnovabili su piccola scala.

▪       Produzione di energia rinnovabile, anche da parte di comunità energetiche e altre iniziative guidate dai cittadini.

Mobilità

 

▪       Infrastrutture di trasporto urbano pulite ed efficienti dal punto di vista energetico.

▪       Soluzioni di mobilità urbana a basse emissioni, compresa la conversione delle aree urbane per la mobilità dolce o il trasporto non motorizzato.

▪       Integrazione di infrastrutture di ricarica intelligenti negli edifici, compresi quelli multifamiliari.

▪       Per le azioni che supportano la creazione di piani di investimento sviluppati sulla base dei criteri di “teleriscaldamento e teleraffreddamento efficienti” come stabilito dalla Direttiva sull’efficienza energetica, si rimanda al topic LIFE-2023-CET-DHC.

 

Impatto previsto:

Le proposte devono presentare i risultati concreti che saranno forniti dalle attività e dimostrare come questi risultati contribuiranno agli impatti specifici del tema. Questa dimostrazione deve includere un’analisi dettagliata del punto di partenza e una serie di ipotesi ben documentate, e stabilire chiari legami di causalità tra i risultati e gli impatti previsti.

 

Le proposte devono quantificare i risultati e gli impatti utilizzando gli indicatori previsti per il tema, quando sono rilevanti per le attività proposte. Dovranno inoltre proporre indicatori specifici per le attività proposte. Non ci si aspetta che le proposte affrontino tutti gli impatti e gli indicatori elencati. I risultati e gli impatti devono essere quantificati per la fine del progetto e per i 5 anni successivi.

 

Gli indicatori per questo tema includono:

 

▪       Investimenti in energia sostenibile (efficienza energetica e fonti rinnovabili) innescati dal progetto (cumulativi, in milioni di euro).

▪       Risparmio di energia primaria innescato dal progetto (in GWh/anno).

▪       Generazione di energia rinnovabile innescata dal progetto (in GWh/anno).

▪       Riduzione delle emissioni di gas serra (in tCO2-eq/anno).

▪       Numero di personale con maggiori competenze all’interno delle organizzazioni promotrici del progetto.

▪       Numero di organizzazioni con una maggiore capacità di realizzare investimenti e/o strutture organizzative.

Criteri di eleggibilità Per essere ammissibili, i richiedenti (beneficiari ed enti affiliati) devono: – essere persone giuridiche (enti pubblici o privati) – essere stabiliti in uno dei Paesi ammissibili, ossia:

– Stati membri dell’UE (compresi i Paesi e territori d’oltremare (PTOM))

– Paesi non appartenenti all’UE (ad eccezione dei temi con restrizioni; vedi sotto):

– Paesi SEE elencati e Paesi associati al Programma LIFE o Paesi che sono in trattative in corso per un accordo di associazione e in cui l’accordo entra in vigore prima della firma della sovvenzione.

I beneficiari e gli enti affiliati devono registrarsi nel Registro dei Partecipanti – prima di presentare la proposta – e dovranno essere convalidati dal Servizio Centrale di Convalida (REA Validation). Per la convalida, sarà richiesto loro di caricare documenti che dimostrino lo status giuridico e l’origine. Altre entità possono partecipare in altri ruoli del consorzio, come partner associati, subappaltatori, terze parti che forniscono contributi in natura, ecc.

 

 

Le proposte possono essere presentate da un unico candidato di un unico Paese ammissibile.

 

 

 

Contributo finanziario

 

Il budget disponibile per la call è di 7 milioni di euro

 

La Commissione ritiene che le proposte che richiedono un contributo dell’UE compreso tra 0,5 e 1,5 milioni di euro consentano di affrontare in modo adeguato gli obiettivi specifici. Tuttavia, ciò non preclude la presentazione e la selezione di proposte che richiedano altri importi.

 

Le proposte devono portare al lancio di un programma di investimenti in efficienza energetica e/o in energie rinnovabili, nonché alla fornitura di soluzioni di finanziamento scalabili per progetti di investimento in energia sostenibile, con particolare attenzione ai fondi del settore privato. Le proposte presentate nell’ambito di questo tema devono dimostrare che ogni milione di euro di sostegno dell’UE innescherà almeno 15 milioni di euro di investimenti in energia sostenibile sotto forma di contratti di lavoro o di investimento firmati. Nel caso in cui i progetti riguardino esclusivamente investimenti in edifici residenziali, gli investimenti attivati dovrebbero essere di almeno 10 milioni di euro per ogni milione di euro di sostegno dell’UE. Le proposte devono inoltre contribuire ad aumentare le competenze e le capacità di realizzare ulteriori investimenti in energia sostenibile.

 

 

La sovvenzione sarà una sovvenzione mista a costi effettivi basata sul budget (costi effettivi, con elementi di costo unitario e forfettario). Ciò significa che rimborserà SOLO alcuni tipi di costi (costi ammissibili) e i costi effettivamente sostenuti per il progetto (NON i costi preventivati). Per quanto riguarda i costi unitari e gli elementi forfettari, è possibile addebitare gli importi calcolati come spiegato nella Convenzione di sovvenzione. I costi saranno rimborsati al tasso di finanziamento stabilito nella Convenzione di sovvenzione (95%).

Le sovvenzioni NON possono produrre un profitto (cioè un’eccedenza delle entrate + sovvenzione UE rispetto ai costi). Le organizzazioni a scopo di lucro devono dichiarare le loro entrate e, se c’è un profitto, lo dedurremo dall’importo finale della sovvenzione.

Scadenza

 

16 November 2023 17:00:00 Brussels time
Ulteriori informazioni call-fiche_life-2023-cet_en.pdf (europa.eu)

Servizio offerto da Tiziana Beghin, deputato al Parlamento europeo, membro non iscritto.
disclaimer:
Le opinioni espresse sono di responsabilità esclusiva dell’autore o degli autori e non riflettono necessariamente la posizione ufficiale del Parlamento europeo.

Hai bisogno di qualche informazione?

https://www.tizianabeghin.it/wp-content/uploads/2022/02/logo-320x145.png
© Copyright 2022 - Tiziana Beghin
Contatti
Parlamento europeo • Rue Wiertz 60, 1047 Bruxelles