Avviso per progetti dei Piani di intervento territoriali

31 Marzo 2024
Titolo Avviso per la presentazione delle proposte progettuali ai fini dell’elaborazione dei Piani di intervento per l’attuazione delle Strategie territoriali d’area omogenea
Ente finanziatore Regione Piemonte
Obiettivi ed impatto attesi  In data 7 dicembre 2023 è stato firmato, dal Presidente del Consiglio dei ministri e dal Presidente delle Giunta regionale del Piemonte, l’Accordo per la Coesione. Con tale Accordo le Parti si impegnano a sostenere un programma unitario di interventi sul territorio della Regione Piemonte, finalizzato allo sviluppo infrastrutturale, economico e sociale del territorio (art. 2 dell’Accordo). Nell’Allegato A1 dell’Accordo è delineato il programma degli interventi e le linee di azione. Nell’Allegato B2 “Piano finanziario di spesa per singolo intervento (solo quota FSC 2021-2027 ordinaria)” si riportano le risorse destinate per Area tematica e Linea di intervento

 

Le Aree tematiche dell’Accordo per la Coesione – con riferimento alle quali è possibile presentare le proposte sono le seguenti:

1 Digitalizzazione;

2 Competitività imprese;

3 Energia;

4 Ambiente e risorse naturali;

5 Cultura;

6 Trasporti e mobilità;

7 Riqualificazione urbana;

8 Sociale e salute;

9 Istruzione e formazione;

 

Ogni proposta progettuale (Scheda Progetto) deve essere riferita ad un solo ambito di intervento prevalente. Nel rispetto del principio dell’addizionalità/aggiuntività delle risorse FSC 2021-2027, ciascuna proposta deve riguardare interventi non oggetto di altro finanziamento riconducibile a Piani e Programmi cofinanziati a livello nazionale o comunitario e dovrà quindi poter essere riferito ad un CUP (acquisito o in acquisizione) originale, cioè non interessato da tali fonti di finanziamento

Criteri di eleggibilità Possono presentare le proposte progettuali (Schede Progetto) a valere sul presente Avviso i Comuni appartenenti alle Aree territoriali omogenee di cui all’Allegato A della Dgr. n. 1-8152 del 12 febbraio 2024 come modificato dalla D.G.R. 1-8297 del 18 marzo 2024 . I Comuni presentano le proposte singolarmente, eventualmente identificando quale attuatore un altro Comune della medesima Area Territoriale, una Unione di Comuni o una Unione Montana

 

Ciascun Comune potrà presentare un massimo di tre Schede progetto. Ciascun proponente può scegliere di presentare le tre eventuali Schede progetto su diverse aree tematiche prevalenti o sulla stessa. Sono ammissibili esclusivamente proposte (Schede Progetto) che riguardano spese di investimento (spese in conto capitale e per lavori e/o attrezzature).

 

Gli investimenti su beni immobili sono ammissibili solo se, alla data della presentazione della proposta progettuale, sussiste una delle seguenti situazioni

a) la proprietà, da parte dell’Ente proponente, del bene immobile interessato dall’intervento;

b) diritto reale o altra forma contrattuale in capo all’Ente proponente con riferimento al bene immobile interessato dall’intervento, purché possa garantire una durata residua del diritto/contratto pari o superiore a cinque anni a decorrere dall’ultimazione degli investimenti;

c) situazione che si sta evolvendo verso la proprietà o verso diritti reali o forme contrattuali aventi le caratteristiche di cui ai precedenti punti a) e b) e il perfezionamento dovrà realizzarsi entro la data di sottoscrizione del relativo Accordo di Programma;

d) interventi riguardanti beni immobili demaniali o di altri enti pubblici con cui sono attivate convenzioni, la cui durata risponde al requisito di cui al punto b).

 

Le proposte progettuali riguardanti beni immobili non aventi le caratteristiche sopra descritte saranno ritenute non ammissibili. La spesa per l’acquisto e/o l’esproprio di terreni è considerata ammissibile in misura non superiore al 10% del totale della spesa. Detta percentuale può essere superata solo a fronte di specifiche deroghe concesse dall’AR d’intesa con il RdA, ove inerente a operazioni per la tutela dell’ambiente, purché funzionale alle finalità dell’operazione in questione. La spesa per l’acquisto e/o l’esproprio di edifici è considerata ammissibile in misura non superiore al 50% del totale della spesa ammissibile, sempre che essa sia funzionale alle finalità dell’operazione in questione. La spesa è ammissibile a titolo indennitario qualora l’edificio debba essere acquisito per realizzare un’opera pubblica e sia necessaria la sua demolizione.

Contributo finanziario

 

Per le Strategie territoriali di area omogenea, l’Accordo prevede una dotazione finanziaria complessiva pari a € 115.500.000,00 di cui € 105.000.000,00 richiesti al FSC 2021-2027 e € 10.500.000,00 di cofinanziamento

 

l contributo richiesto per ciascuna proposta (Scheda Progetto) dovrà avere un valore minimo di € 50.000,00.

Le tre Schede progetto eventualmente proposte da ciascun Comune potranno essere di valore diverso nel rispetto dei massimali di seguito riportati:

·        una scheda intervento per un valore massimo di contributo di € 100.000,00;

·        una scheda intervento per un valore massimo di contributo di € 250.000,00;

·        una scheda intervento per un valore massimo di contributo di € 500.000,00.

Gli interventi dovranno in ogni caso assicurare un cofinanziamento minimo del 10% del contributo richiesto/ricevuto. Il co-finanziamento del 10% previsto per ciascun intervento può essere garantito a livello di area omogenea sul complessivo Piano degli interventi dell’area specificando che tali risorse debbano essere risorse proprie del soggetto beneficiario o altre risorse a esclusione di risorse europee, nazionali e regionali. Qualora gli interventi che garantiscono il raggiungimento del 10% a livello di area non fossero realizzati o finanziati in tutto o in parte, l’Ente beneficiario dovrà garantire comunque il cofinanziamento minimo del 10% anche ove non inizialmente previsto nella scheda.

Scadenza

 

15/07/2024 – 12:00
Ulteriori informazioni Allegato 1_Avviso 26.03.2024.pdf (regione.piemonte.it)

Servizio offerto da Tiziana Beghin, deputato al Parlamento europeo, membro non iscritto.

Disclaimer: Le opinioni espresse sono di responsabilità esclusiva dell’autore o degli autori e non riflettono necessariamente la posizione ufficiale del Parlamento europeo

Hai bisogno di qualche informazione?

https://www.tizianabeghin.it/wp-content/uploads/2022/02/logo-320x145.png
© Copyright 2022 - Tiziana Beghin
Contatti
Parlamento europeo • Rue Wiertz 60, 1047 Bruxelles