Azioni di ricerca non tematica da parte di PMI e organizzazioni di ricerca EDF-2023-LS-RA-SMERO-NT

30 Settembre 2023
Titolo  

Azioni di ricerca non tematica da parte di PMI e organizzazioni di ricerca

EDF-2023-LS-RA-SMERO-NT

 

Non-thematic research actions by SMEs and research organisations

EDF-2023-LS-RA-SMERO-NT

 

Ente finanziatore Commissione europea

Fondo europeo per la difesa

 

Settore di riferimento SICUREZZA E DIFESA
Obiettivi ed impatto attesi Il tema dell’invito incoraggia il ruolo trainante delle PMI innovative e degli organismi di ricerca (RO) nel portare avanti la ricerca innovativa nel campo della difesa, eventualmente adattando tecnologie da applicazioni civili o affrontando la guerra ibrida.

Alle PMI beneficiarie di successo verrà offerto un servizio di Business Coaching, per ridurre i tempi di passaggio dei risultati alla fase successiva, ad esempio lo sviluppo.

Ambito di applicazione:

Le proposte devono riguardare tecnologie e soluzioni innovative per la difesa, comprese quelle che possono migliorare la prontezza, la schierabilità, l’affidabilità, la sicurezza e la sostenibilità delle forze nei compiti e nelle missioni di difesa, ad esempio in termini di operazioni, attrezzature, infrastrutture, soluzioni energetiche, sistemi di sorveglianza o soluzioni digitali.

Le proposte possono riguardare qualsiasi area di interesse per la difesa, come ad esempio, ma non solo, le seguenti:

  • applicazioni blockchain (ad esempio per l’identificazione di amici o nemici);
  • strumenti e applicazioni che migliorano lo screening dei talenti di cybersicurezza;
  • intelligenza artificiale e sistemi autonomi robotici;
  • controllo e gestione delle piattaforme navali del futuro;
  • controllo intelligente dei danni relativi alle future piattaforme navali;
  • gestione della firma navale;
  • soluzioni e interfacce di comunicazione subacquea sicure e affidabili (radiofrequenza, acustica, ottica o altro);
  • misurazione e monitoraggio dello stato fisiologico e cognitivo dei soldati;
  • soluzioni per il riciclaggio meccanico e chimico “verde” dei rifiuti dell’equipaggiamento individuale dei soldati (uniformi, elmetti, stivali, zaini, elementi in plastica, imbracature, ecc;)
  • concetti e tecnologie corrispondenti per garantire un riutilizzo sicuro dell’acqua durante l’intero ciclo idrico di un campo dispiegato o di un gruppo di combattimento dispiegato;
  • produzione di combustibile sintetico da rifiuti e biomassa per uso militare.

 

Requisiti funzionali

Il tema dell’invito è aperto a qualsiasi ricerca tecnologica per la difesa. Le proposte devono descrivere le funzionalità mirate e i mezzi previsti per misurare i progressi verso il raggiungimento di tali funzionalità.

Impatto previsto:

  • Soluzioni innovative e convenienti per applicazioni di difesa.
  • Concetti e approcci innovativi o inediti, nuovi promettenti miglioramenti tecnologici futuri o l’applicazione di tecnologie o concetti precedentemente non applicati nel settore della difesa.
  • Potenziamento della capacità di innovazione in tutta Europa attraverso il coinvolgimento delle PMI che possono fare la differenza in futuro.
  • Potenziale di creazione di mercati futuri per le PMI, soprattutto facilitando l’accesso delle PMI ai mercati della difesa e alle catene di approvvigionamento.
  • Contributo allo sviluppo degli ecosistemi tecnologici e di ricerca europei e al rafforzamento delle catene di approvvigionamento della difesa europea.

 

 

Criteri di eleggibilità Per essere ammissibili, i richiedenti (beneficiari ed enti affiliati) devono:

– essere persone giuridiche (enti pubblici o privati)

– essere stabilito in uno dei paesi ammissibili, ossia:

– Stati membri dell’UE (compresi i paesi e territori d’oltremare (PTOM))

– Paesi non appartenenti all’UE :

– paesi SEE elencati (“paesi associati al FES”, vedi elenco dei paesi partecipanti)

–  hanno la loro struttura di gestione esecutiva stabilita nei paesi ammissibili

– non devono essere soggetti al controllo di un paese terzo non associato o di un’entità di un paese terzo non associato (a meno che non siano in grado di fornire garanzie – si veda l’Allegato 2)

– approvati dallo Stato membro o dal paese associato al FES in cui sono stabiliti)

– essere piccole e medie imprese (PMI) ai sensi della Raccomandazione UE 2003/3617 o organismi di ricerca (cioè organizzazioni senza scopo di lucro che svolgono attività di ricerca e/o sviluppo tecnologico come obiettivo principale)

– il coordinatore deve essere una PMI.

I beneficiari e le entità affiliate devono registrarsi nel Registro dei Partecipanti – prima di presentare la proposta – e dovranno essere convalidati dal Servizio Centrale di Convalida (REA Validation). Per la convalida, sarà loro richiesto di caricare documenti che dimostrino lo status giuridico e l’origine.

 

 

Altre entità possono partecipare in altri ruoli, come partner associati, subappaltatori, terzi che forniscono contributi in natura, ecc. Si noti che, nel FES, anche i subappaltatori coinvolti nell’azione8 e i partner associati devono soddisfare le condizioni di stabilimento e controllo sopra elencate. I partner associati che non sono stabiliti in uno dei Paesi ammissibili (o che sono soggetti al controllo di un Paese terzo non associato o di un’entità di un Paese terzo non associato) possono tuttavia partecipare in via eccezionale se sono soddisfatte alcune condizioni (non contravvenire agli interessi di sicurezza e difesa dell’UE e degli Stati membri; coerenza con gli obiettivi del FES; risultati non soggetti a controllo o restrizione da parte di Paesi terzi non associati o entità di Paesi terzi non associati; nessun accesso non autorizzato a informazioni classificate; nessun potenziale effetto negativo sulla sicurezza dell’approvvigionamento di fattori di produzione critici per il progetto), previo accordo dell’autorità concedente e senza alcun finanziamento nell’ambito della sovvenzione.

 

Composizione del Consorzio Le proposte devono essere presentate entro:

– minimo 3 richiedenti indipendenti (beneficiari; non entità affiliate) da 3 diversi paesi ammissibili

–  i partner (beneficiari e soggetti affiliati) devono essere PMI ai sensi della Raccomandazione UE 2003/36113 o organismi di ricerca (cioè organizzazioni senza scopo di lucro che svolgono attività di ricerca e/o sviluppo tecnologico come obiettivo principale)

– il budget assegnato agli organismi di ricerca (in qualità di beneficiari ed enti affiliati) non può superare il 40% dell’importo totale della sovvenzione richiesta per il progetto

– il coordinatore deve essere una PMI

 

Inoltre, nel FES possono essere utilizzati solo infrastrutture, impianti, beni e risorse situati o detenuti in un Paese ammissibile. Altri beni, infrastrutture, impianti o risorse possono essere utilizzati solo eccezionalmente se sono soddisfatte determinate condizioni (non sono prontamente disponibili sostituti competitivi; non sono in contrasto con gli interessi di sicurezza e difesa dell’UE e degli Stati membri; sono coerenti con gli obiettivi del FES; i risultati non sono soggetti a controlli o restrizioni da parte di Paesi terzi non associati o di entità di Paesi terzi non associati), previo accordo dell’autorità concedente e senza alcun finanziamento nell’ambito della sovvenzione.

 

 

Durata del progetto:

– tra 12 e 48 mesi

I progetti di durata superiore possono essere accettati in casi debitamente giustificati. Sono possibili proroghe, se debitamente giustificate e attraverso un emendamento.

 

I candidati devono possedere il know-how, le qualifiche e le risorse necessarie per attuare con successo i progetti e contribuire con la loro quota (compresa una sufficiente esperienza in progetti di dimensioni e natura comparabili). Questa capacità sarà valutata insieme al criterio di assegnazione “Attuazione”, sulla base della competenza e dell’esperienza dei richiedenti e dei loro team di progetto, comprese le risorse operative (umane, tecniche e di altro tipo) o, eccezionalmente, le misure proposte per ottenerle entro l’inizio dell’attuazione del progetto.

Contributo finanziario

 

Budget del progetto (importo massimo della sovvenzione):

– non dovrebbe superare i 4 000 000 EUR

La sovvenzione sarà di tipo forfettario. Ciò significa che rimborserà un importo fisso, basato su una somma forfettaria o su un finanziamento non legato ai costi. L’importo sarà fissato dall’autorità concedente sulla base del budget stimato del progetto e dei tassi di finanziamento che dipendono dal tipo di attività e dai partecipanti.

 

 

I candidati devono disporre di risorse stabili e sufficienti per attuare con successo i progetti e contribuire con la loro quota. Le organizzazioni che partecipano a più progetti devono avere una capacità sufficiente per realizzarli tutti. La verifica della capacità finanziaria sarà effettuata sulla base dei documenti che vi verrà richiesto di caricare nel Registro dei partecipanti durante la preparazione della sovvenzione (ad esempio, conto economico e bilancio, piano aziendale, relazione di revisione contabile prodotta da un revisore esterno approvato, che certifichi i conti dell’ultimo esercizio chiuso, ecc.)

L’analisi si baserà su indicatori finanziari neutri, ma terrà conto anche di altri aspetti, come la dipendenza dai finanziamenti dell’UE e il deficit e le entrate degli anni precedenti.

Il controllo viene normalmente effettuato per tutti i beneficiari, ad eccezione di:

– enti pubblici (enti istituiti come enti pubblici ai sensi del diritto nazionale, comprese le autorità locali, regionali o nazionali) o organizzazioni internazionali- se l’importo della singola sovvenzione richiesta non supera i 60.000 euro.

 

 

Scadenza

 

Data di scadenza

22 novembre 2023 17:00:00 ora di Bruxelles

Ulteriori informazioni call-fiche_edf-2023-ls-ra-smero_it.pdf (europa.eu)

Servizio offerto da Tiziana Beghin, deputato al Parlamento europeo, membro non iscritto.
disclaimer:
Le opinioni espresse sono di responsabilità esclusiva dell’autore o degli autori e non riflettono necessariamente la posizione ufficiale del Parlamento europeo.

Hai bisogno di qualche informazione?

https://www.tizianabeghin.it/wp-content/uploads/2022/02/logo-320x145.png
© Copyright 2022 - Tiziana Beghin
Contatti
Parlamento europeo • Rue Wiertz 60, 1047 Bruxelles