Distacco dei lavoratori: migliorare la cooperazione amministrativa e l’accesso alle informazioni (argomento 1)

28 Febbraio 2023
Titolo Posting of workers: enhancing administrative cooperation and access to information (Topic 1)

Distacco dei lavoratori: migliorare la cooperazione amministrativa e l’accesso alle informazioni (argomento 1)

ESF-2023-POW-UDW-01

Ente finanziatore Commissione europea

Fondo sociale europeo+ (FSE)

Programma Occupazione e innovazione sociale (EaSI)

Settore di riferimento Affari sociali
Obiettivi ed impatto attesi Gli obiettivi specifici sono i seguenti: a) Sostenere e promuovere la cooperazione transfrontaliera e transnazionale e aumentare la fiducia reciproca tra le autorità pubbliche incaricate dell’attuazione della cooperazione amministrativa e dell’assistenza reciproca, nonché del monitoraggio del rispetto e dell’applicazione delle norme applicabili e delle parti interessate, compresa la promozione dell’uso del sistema di informazione del mercato interno (IMI) e la condivisione di esperienze e buone pratiche basate su dati concreti a tale riguardo; b) aumentare l’accessibilità, la trasparenza e la qualità delle informazioni riguardanti i termini e le condizioni di lavoro da rispettare e le pratiche esistenti negli Stati membri per monitorare e applicare le disposizioni della direttiva sul distacco dei lavoratori; c) promuovere la base di evidenza attraverso la raccolta e la valutazione di dati originali e l’analisi specifica del processo di distacco e delle condizioni di lavoro dei lavoratori distaccati, anche attraverso la collaborazione tra università di varie discipline, centri e istituti di ricerca e parti interessate, in particolare le parti sociali. Il presente invito contribuirà quindi ai seguenti principi del Pilastro europeo dei diritti sociali: 3. Pari opportunità; 5. Occupazione sicura e adattabile; 6. Salari; 7. Informazioni sulle condizioni di lavoro e protezione in caso di licenziamento; 8. Dialogo sociale e coinvolgimento dei lavoratori; 10. Ambiente di lavoro sano, sicuro e ben adattato e protezione dei dati; 12. Protezione sociale; 20. Accesso ai servizi essenziali. Accesso ai servizi essenziali.

 

Attività finanziabili (ambito di applicazione)

Per raggiungere l’obiettivo, il presente invito a presentare proposte intende finanziare iniziative di cooperazione transnazionale volte a sviluppare attività da parte di soggetti interessati coinvolti nel contesto del distacco con un impatto significativo e duraturo su lavoratori, aziende e amministrazioni. Le attività mirano a sostenere le autorità competenti negli Stati membri e le parti sociali nella cooperazione amministrativa, ad aumentare l’accesso alle informazioni essenziali per i lavoratori distaccati, a promuovere la base di evidenza attraverso la raccolta e la valutazione di dati e analisi originali. Possono essere cofinanziate le seguenti attività:

a) Cooperazione: sviluppo di nuovi scambi o miglioramento di quelli esistenti, revisioni paritetiche e/o programmi di formazione (ad esempio visite congiunte, ispezioni congiunte, brevi azioni di formazione) tra i funzionari delle autorità pubbliche competenti e/o tra le parti sociali e le parti interessate nel contesto del monitoraggio del rispetto e dell’applicazione delle norme applicabili in relazione ai lavoratori distaccati, e/o della cooperazione amministrativa e dell’assistenza reciproca, compreso l’uso del sistema di informazione del mercato interno (IMI).

b) Informazione: sviluppo e miglioramento di diversi moduli e formati informativi e/o consultivi per la raccolta e la diffusione di informazioni di qualità, di facile utilizzo e specifiche rivolte ai lavoratori e/o alle imprese in merito alle condizioni di lavoro applicabili ai lavoratori distaccati, compresa la prevenzione della povertà lavorativa dei lavoratori distaccati e della discriminazione basata sull’origine, nonché le procedure e le condizioni che devono essere rispettate dalle imprese nei diversi Stati membri, e altre informazioni pertinenti per il distacco dei lavoratori nel contesto della fornitura di servizi transfrontalieri.

c) Evidenza: sviluppo di progetti di ricerca congiunti sulle diverse dimensioni del distacco dei lavoratori nel contesto della fornitura di servizi transnazionali e diffusione dei risultati attraverso strategie di pubblicazione mirate, sia nel settore scientifico che nella stampa specializzata e generale.

Criteri di eleggibilità I candidati principali, i co-candidati e gli enti affiliati devono rientrare in una delle seguenti categorie: – autorità pubbliche; – organizzazioni internazionali (con sede legale sia all’interno che all’esterno dei paesi ammissibili all’invito); – organizzazioni senza scopo di lucro (private o pubbliche); – centri/istituti di ricerca; – istituti di istruzione superiore (IIS); – organizzazioni della società civile (OSC); – organizzazioni delle parti sociali a livello europeo, nazionale o regionale (in applicazione dell’articolo 197, paragrafo 2, lettera c), del regolamento finanziario). (in applicazione dell’articolo 197, paragrafo 2, lettera c), del regolamento finanziario), sono ammissibili anche le organizzazioni delle parti sociali prive di personalità giuridica, purché siano soddisfatte le relative condizioni del regolamento finanziario.)

 

I soggetti affiliati possono partecipare alla composizione del consorzio e devono soddisfare i criteri di ammissibilità di tutti i candidati. I beneficiari e le entità affiliate devono registrarsi nel Registro dei Partecipanti – prima di presentare la proposta – e dovranno essere convalidati dal Servizio Centrale di Convalida (REA Validation). Per la convalida, sarà richiesto loro di caricare documenti che dimostrino lo status giuridico e l’origine. Altre entità possono partecipare in altri ruoli del consorzio, come partner associati, subappaltatori, terze parti che forniscono contributi in natura, ecc. Tutti i beneficiari che firmano la convenzione di sovvenzione con la Commissione devono partecipare attivamente all’attuazione dell’azione e impegnarsi finanziariamente (sostenendo i costi). Il modo in cui sono impegnati finanziariamente deve essere dettagliato nel bilancio del progetto della proposta.

 

Composizione del consorzio

 

Sono ammissibili solo i consorzi. Le proposte devono essere presentate da un consorzio di almeno 3 candidati (capofila e co-candidati; non entità affiliate) stabiliti e registrati in almeno tre diversi Stati membri dell’UE, ai sensi dell’art. 27 del Regolamento FSE+. I candidati principali e i co-richiedenti devono essere stabiliti negli Stati membri dell’UE e nei Paesi del SEE, ai sensi del Regolamento FSE+.

I co-richiedenti possono essere stabiliti anche nei Paesi candidati associati e nei potenziali candidati, in conformità al Regolamento FSE+.

I richiedenti possono partecipare con entità affiliate (ossia entità collegate a un beneficiario che partecipano all’azione con diritti e obblighi simili a quelli dei beneficiari, ma non firmano la sovvenzione e quindi non diventano essi stessi beneficiari).

Riceveranno una parte della sovvenzione e dovranno quindi rispettare tutte le condizioni del bando ed essere convalidati (proprio come i beneficiari); ma non contano ai fini dei criteri minimi di ammissibilità per la composizione del consorzio (se presenti). Le entità affiliate devono soddisfare i criteri di ammissibilità come tutti i candidati. Altre entità possono partecipare in altri ruoli del consorzio, come partner associati, subappaltatori, terze parti che forniscono contributi in natura. I partner associati devono avere sede in uno dei Paesi ammissibili indicati nel bando.

Contributo finanziario

 

L’ importo massimo della sovvenzione dovrebbe essere superiore a 350 000 euro per progetto, ma ciò non preclude la presentazione/selezione di proposte che richiedono importi diversi.

I candidati devono disporre di risorse stabili e sufficienti per attuare con successo i progetti e contribuire con la propria quota. Le organizzazioni che partecipano a più progetti devono avere una capacità sufficiente per realizzarli tutti.

I parametri della sovvenzione (importo massimo della sovvenzione, tasso di finanziamento, costi totali ammissibili, ecc.

 

La sovvenzione concessa può essere inferiore all’importo richiesto. La sovvenzione sarà una sovvenzione a costi effettivi misti basata sul bilancio (costi effettivi, con elementi di costo unitario e forfettario).

Ciò significa che verranno rimborsati SOLO alcuni tipi di costi (costi ammissibili) e i costi effettivamente sostenuti per il progetto (NON i costi preventivati). Per i costi unitari e gli elementi forfettari, è possibile addebitare gli importi calcolati come spiegato nella Convenzione di sovvenzione (cfr. art. 6 e allegati 2 e 2a). I costi saranno rimborsati al tasso di finanziamento stabilito nella Convenzione di sovvenzione (80%).

Scadenza

 

03 Maggio 2023  ore 17:00
Ulteriori informazioni call-fiche_esf-2023-pow-udw_en.pdf (europa.eu)

Servizio offerto da Tiziana Beghin, deputato al Parlamento europeo, membro non iscritto.
disclaimer:
Le opinioni espresse sono di responsabilità esclusiva dell’autore o degli autori e non riflettono necessariamente la posizione ufficiale del Parlamento europeo.

Hai bisogno di qualche informazione?

https://www.tizianabeghin.it/wp-content/uploads/2022/02/logo-320x145.png
© Copyright 2022 - Tiziana Beghin
Contatti
Parlamento europeo • Rue Wiertz 60, 1047 Bruxelles