Favorire lo sviluppo socio-economico e la creazione di posti di lavoro nelle aree rurali e remote attraverso il turismo culturale

28 Dicembre 2022
Titolo HORIZON-CL2-2023-HERITAGE-01-05: Fostering socio-economic development and job creation in rural and remote areas through cultural tourism

Favorire lo sviluppo socio-economico e la creazione di posti di lavoro nelle aree rurali e remote attraverso il turismo culturale

Ente finanziatore Commissione europea

Programma Horizon Europe

Settore di riferimento Turismo
Obiettivi ed impatto attesi  

 

Ambito di applicazione:

 

Gran parte dei paesaggi culturali europei al di fuori dei territori urbani è rurale. Il turismo culturale e creativo, in quanto motore dello sviluppo sostenibile, potrebbe dare visibilità a questi paesaggi culturali rurali e avere un impatto positivo significativo sulla rivitalizzazione delle aree rurali e remote. Potrebbe portare benefici alle comunità locali, favorire lo sviluppo sostenibile, la creazione di posti di lavoro e l’inclusione sociale, promuovendo la storia e la cultura autoctona (con le sue tradizioni, le sue arti e i suoi mestieri), nonché la gastronomia e l’agricoltura locali.

Tuttavia, incrementare il turismo culturale e creativo nelle aree rurali e remote potrebbe non essere un compito facile, poiché richiede soluzioni politiche specifiche e diverse per affrontare le sfide e le specificità delle aree rurali e remote diversificate. I Paesi limitrofi incontrano sfide simili e problemi specifici, che gli attuali modelli di business del turismo culturale non sono in grado di affrontare. Inoltre, le somiglianze geografiche e culturali all’interno di ciascuna macroregione forniscono la base per la cooperazione e le strategie congiunte, che potrebbero contribuire a profilare ciascuna regione come destinazione di turismo culturale per i mercati chiave, ma il loro pieno potenziale innovativo non è ancora pienamente sfruttato. Pertanto, le proposte di ricerca nell’ambito di questo tema dovrebbero esplorare la ricerca e le soluzioni innovative per lo sviluppo sostenibile del turismo culturale e creativo nelle aree rurali e remote (comprese le aree ultraperiferiche) che mirano alla creazione di posti di lavoro e alla rigenerazione socio-economica, tenendo conto delle specificità di ciascuna regione e della diversità delle economie.

La ricerca dovrebbe innanzitutto esplorare e analizzare come il turismo culturale possa giovare alle aree rurali e remote, nonché affrontare le sfide e le esigenze del turismo culturale in queste aree. Considerando che la cooperazione transfrontaliera potrebbe aiutare le aree rurali e remote a promuovere la regione come destinazione attraente, la ricerca dovrebbe identificare le strategie transfrontaliere e macroregionali esistenti per il turismo culturale e analizzare il livello di cooperazione dei Paesi vicini all’UE e dei Paesi della stessa regione. I ricercatori dovranno esaminare se l’attuazione delle pratiche esistenti contribuisca o meno a uno sviluppo equilibrato del turismo culturale nelle regioni rurali e remote, nonché individuare gli ostacoli alla loro attuazione.

 

Le proposte dovranno fornire raccomandazioni con metodologie e buone pratiche per migliorare e sviluppare scenari transfrontalieri/macro regionali di politica del turismo culturale sostenibile per le aree rurali e remote che mirino a collegare le destinazioni più turistiche con quelle meno turistiche e remote e a promuovere un livello equilibrato di sviluppo socioeconomico. Sono benvenute le soluzioni che prevedono l’uso di tecnologie digitali per promuovere le destinazioni meno turistiche e remote. Le proposte devono garantire un equilibrio tra l’aumento del turismo culturale e la capacità dei siti e delle aree rurali. Dovrebbero essere sviluppati modelli imprenditoriali di turismo culturale e creativo che fungano da catalizzatori per la cooperazione tra le aree rurali/remoto di ogni regione.

 

Tali modelli dovrebbero mirare a creare nuove opportunità di lavoro, a promuovere la partecipazione dei cittadini locali al turismo culturale e ad aumentare l’inclusione sociale, promuovendo al contempo non solo il patrimonio naturale e storico, ma anche l’identità locale, le arti e i mestieri, coinvolgendo i turisti nel processo creativo. I modelli di business del turismo culturale e creativo e i processi di sviluppo degli insediamenti che tali modelli potrebbero includere dovrebbero considerare la protezione della natura e del patrimonio edilizio delle aree rurali e remote. Le proposte dovrebbero anche analizzare come questi modelli di business possano essere applicati al turismo culturale delle aree rurali e remote per sfruttarne appieno il potenziale. Le proposte possono anche prendere in considerazione la promozione dell’economia d’argento e del turismo d’argento, attraverso i modelli di business culturali e creativi proposti, e dovrebbero prendere in considerazione la possibilità di basarsi su progetti H2020 pertinenti. Infine, il tema dovrebbe contribuire alla Visione rurale a lungo termine dell’UE.

 

Risultati attesi:

– Aumentare la cooperazione macroregionale nel settore del turismo culturale per aiutare lo sviluppo socioeconomico delle aree rurali e remote.

– Sviluppare modelli di business di turismo culturale e turismo creativo per le aree rurali e remote per aumentare le opportunità di lavoro e gli investimenti sostenibili.

– Promuovere un turismo culturale e creativo inclusivo e sostenibile che favorisca l’inclusione e l’impegno sociale, che rispetti le esigenze delle comunità locali, il patrimonio e le capacità delle aree rurali e remote.

 

 

Criteri di eleggibilità Per essere ammissibili, i richiedenti (beneficiari ed enti affiliati) devono: essere persone giuridiche (enti pubblici o privati) avere sede in uno dei Paesi ammissibili, ovvero: Stati membri dell’UE (compresi i Paesi e territori d’oltremare (PTOM)) per tutti i temi Paesi SEE (Norvegia, Islanda, Liechtenstein) per tutti i temi.

I beneficiari e gli enti affiliati devono registrarsi nel Registro dei partecipanti – prima di presentare la proposta – e dovranno essere convalidati dal Servizio centrale di convalida (REA Validation). Per la convalida, sarà richiesto loro di caricare documenti che dimostrino lo status giuridico e l’origine.

 

Contributo finanziario

 

Contributo UE previsto per progetto La Commissione ritiene che un contributo UE compreso tra i 2  e 3 milioni di euro consentirebbe di affrontare adeguatamente questi risultati. Tuttavia, ciò non preclude la presentazione e la selezione di una proposta che richieda importi diversi.

Budget indicativo Il budget totale indicativo per il tema è di 9,00 milioni di euro.

Tipo di azione Azioni di ricerca e innovazione

 

 

 

Scadenza

 

14 marzo 2023 17:00:00 ora di Bruxelles
Ulteriori informazioni wp-5-culture-creativity-and-inclusive-society_horizon-2023-2024_en.pdf (europa.eu)

pag.70

Servizio offerto da Tiziana Beghin, deputato al Parlamento europeo, membro non iscritto.
disclaimer:
Le opinioni espresse sono di responsabilità esclusiva dell’autore o degli autori e non riflettono necessariamente la posizione ufficiale del Parlamento europeo.

Hai bisogno di qualche informazione?

https://www.tizianabeghin.it/wp-content/uploads/2022/02/logo-320x145.png
© Copyright 2022 - Tiziana Beghin
Contatti
Parlamento europeo • Rue Wiertz 60, 1047 Bruxelles