HORIZON-CL4-2024-TWIN-TRANSITION-01-05: Tecnologie/soluzioni a sostegno della circolarità per la produzione (Partenariato Made in Europe) (RIA

15 Novembre 2023
Titolo HORIZON-CL4-2024-TWIN-TRANSITION-01-05: Tecnologie/soluzioni a sostegno della circolarità per la produzione (Partenariato Made in Europe) (RIA

HORIZON-CL4-2024-TWIN-TRANSITION-01-05: Technologies/solutions to support circularity for manufacturing (Made in Europe Partnership) (RIA

Ente finanziatore Commissione europea

Programma Horizon Europe

 

Settore di riferimento Industria
Obiettivi ed impatto attesi L’industria manifatturiera dovrebbe beneficiare dei seguenti risultati:

·       Valutare l’impatto ambientale dei propri prodotti, compreso il flusso dei prodotti dopo il loro utilizzo per ridurre gli sprechi di prodotti e materie prime con il supporto delle tecnologie digitali;

·       Raggiungere una considerevole riduzione netta dell’impatto ambientale attraverso l’uso di un software innovativo di modellazione e simulazione che consente il monitoraggio del trasporto e della produzione, favorendo in ultima analisi la decarbonizzazione dell’industria manifatturiera;

·       Facilitare lo sviluppo e l’adozione di strumenti/piattaforme digitali, come il Passaporto digitale dei prodotti dell’UE, per aumentare la tracciabilità e la caratterizzazione di materiali e prodotti (ad esempio presso le infrastrutture di ricerca analitica), comprese l’impronta e la qualità ambientale;

·       Verranno eliminate le barriere che ostacolano l’adozione degli strumenti digitali da parte del mercato e la forza lavoro sarà potenziata grazie a nuove competenze.

Ambito di applicazione:

L’industria manifatturiera svolge un ruolo chiave nel raggiungimento del duplice obiettivo di transizione attraverso il potenziamento della circolarità, la facilitazione della decarbonizzazione e il miglioramento della competitività. Un’ampia gamma di tecnologie digitali e di strumenti di ingegneria può essere impiegata per raggiungere la circolarità sistemica dei produttori europei.

La condivisione dei dati tra i settori e lungo l’intera catena del valore, così come l’uso di dati esterni sull’impatto ambientale, come i dati LCA, faciliterebbero il riciclaggio e la rigenerazione, modellando e monitorando il ciclo di vita di prodotti e componenti. Tale condivisione di dati consentirebbe una migliore comprensione dell’impronta ambientale, compresa l’impronta di CO2 , di prodotti e componenti. Per raggiungere questo obiettivo, è necessario creare fiducia garantendo lo scambio e l’interoperabilità dei dati tra i settori industriali e le parti interessate, concentrandosi anche su aspetti quali la qualità dei dati, la sicurezza informatica, l’affidabilità e l’accessibilità. L’imminente quadro di riferimento per i prodotti sostenibili (SPI), annunciato come parte del Piano d’azione per l’economia circolare 2.0 nel 2020, propone il passaporto digitale dei prodotti per registrare, elaborare e condividere elettronicamente le informazioni relative ai prodotti tra le aziende della catena di fornitura, le autorità e i consumatori, pertanto i produttori dovrebbero essere preparati alla sua attuazione.

La transizione verso la produzione circolare richiede una nuova mentalità e competenze. Tutti i miglioramenti tecnologici del processo di produzione dovrebbero sempre supportare l’aspetto umano, al fine di recepire tali miglioramenti attraverso la riqualificazione e l’aggiornamento della forza lavoro del settore manifatturiero. La forza lavoro deve essere coinvolta nella realizzazione degli approcci circolari e delle nuove tecnologie di produzione.

Le proposte devono riguardare tutti i seguenti aspetti:

·       Sviluppare nuovi approcci di intelligenza artificiale per prevedere l’impatto ambientale, considerando anche la quantità e lo stato dei prodotti dopo il loro utilizzo;

·       Sviluppare software di simulazione e modellazione innovativi o basati su soluzioni esistenti che favoriscano nuove capacità produttive in vista di una progettazione più efficiente e sostenibile dei prodotti. Questo processo di ottimizzazione dovrebbe considerare le varie fasi della catena del valore, con particolare attenzione all’impatto ambientale. Si devono considerare gli impatti ecologici aggiuntivi derivanti dall’uso del software di modellazione o simulazione;

·       Sviluppare piattaforme/strumenti digitali basati sulle architetture di interoperabilità esistenti (come l’Asset Administration Shell), che consentiranno ai produttori di attuare l’iniziativa del passaporto digitale dei prodotti. Le proposte dovrebbero concentrarsi sulla raccolta di dati rilevanti, sulla tracciabilità dei materiali e dei prodotti, sui protocolli di certificazione per materiali e componenti riutilizzati in modo sicuro tra i vari settori;

·       Migliorare il coinvolgimento umano nello sviluppo degli aspetti della circolarità e delle nuove tecnologie.

Si possono stabilire collegamenti con i casi rilevanti che emergono dal progetto CSA HORIZON-CL4-2023-RESILIENCE-01-39.

La cooperazione internazionale è incoraggiata, soprattutto con Giappone, Corea del Sud, Stati Uniti, Canada e Australia.

Le proposte presentate nell’ambito di questo tema devono includere un caso aziendale e una strategia di sfruttamento, come indicato nell’introduzione a questa Destinazione.

 

Criteri di eleggibilità Qualsiasi soggetto giuridico, indipendentemente dal suo luogo di stabilimento, compresi i soggetti giuridici di Paesi terzi non associati o di organizzazioni internazionali (comprese le organizzazioni internazionali di ricerca europee ) è ammesso a partecipare (indipendentemente dal fatto che sia ammissibile o meno al finanziamento), a condizione che siano state soddisfatte le condizioni stabilite dal regolamento Horizon Europe e qualsiasi altra condizione stabilita nel tema specifico del bando. Per “soggetto giuridico” si intende qualsiasi persona fisica o giuridica costituita e riconosciuta come tale ai sensi del diritto nazionale, del diritto dell’UE o del diritto internazionale, dotata di personalità giuridica e che può, agendo in nome proprio, esercitare diritti ed essere soggetta a obblighi, oppure un soggetto privo di personalità giuridica . I beneficiari e gli enti affiliati devono registrarsi nel Registro dei Partecipanti prima di presentare la domanda, per ottenere un codice di identificazione del partecipante (PIC) ed essere convalidati dal Servizio centrale di convalida prima di firmare la convenzione di sovvenzione. Per la convalida, durante la fase di preparazione della sovvenzione, verrà chiesto loro di caricare i documenti necessari che dimostrino il loro status giuridico e la loro origine. Un PIC convalidato non è un prerequisito per presentare una domanda.
Contributo finanziario

 

Contributo UE previsto per progetto

La Commissione ritiene che un contributo dell’UE compreso tra 10 e 15 milioni di euro consentirebbe di affrontare adeguatamente questi risultati. Tuttavia, ciò non preclude la presentazione e la selezione di una proposta che richieda importi diversi.

Bilancio indicativo

Il budget totale indicativo per il tema è di 30,00 milioni di euro.

Tipo di azioni di ricerca e innovazione

 

Il tasso di finanziamento è fino al 60% dei costi ammissibili, come modo per aumentare il contributo dell’industria a questo partenariato co-programmato. Questo tasso di finanziamento si applica sia ai membri che ai non membri del partenariato, ad eccezione delle persone giuridiche senza scopo di lucro, per le quali il tasso di finanziamento arriva al 100% dei costi totali ammissibili.

Scadenza

 

07 febbraio 2024 17:00:00 ora di Bruxelles
Ulteriori informazioni wp-7-digital-industry-and-space_horizon-2023-2024_en.pdf (europa.eu)

Servizio offerto da Tiziana Beghin, deputato al Parlamento europeo, membro non iscritto.
disclaimer:
Le opinioni espresse sono di responsabilità esclusiva dell’autore o degli autori e non riflettono necessariamente la posizione ufficiale del Parlamento europeo.

 

Hai bisogno di qualche informazione?

https://www.tizianabeghin.it/wp-content/uploads/2022/02/logo-320x145.png
© Copyright 2022 - Tiziana Beghin
Contatti
Parlamento europeo • Rue Wiertz 60, 1047 Bruxelles