HORIZON-CL5-2023-D6-01-09: Porti marittimi sicuri e resilienti al clima

14 Aprile 2023
Titolo HORIZON-CL5-2023-D6-01-09: Climate resilient and safe maritime ports

HORIZON-CL5-2023-D6-01-09: Porti marittimi sicuri e resilienti al clima

Ente finanziatore Commissione europea

Programma Horizon Europe

Settore di riferimento Trasporti
Obiettivi ed impatto attesi I progetti devono contribuire a TUTTI i seguenti risultati (con una chiara base di riferimento per ogni caso d’uso):

 

▪       Garantire la resilienza delle infrastrutture di a) porti marittimi, b) infrastrutture di navigazione interna collegate c) infrastrutture terrestri dell’entroterra collegate, agli eventi meteorologici estremi assicurando almeno l’80% di operatività durante le interruzioni.

▪       Contribuire con un aumento di almeno il 20% del trasferimento modale dei collegamenti tra i porti e l’entroterra verso sistemi di trasporto a zero o basse emissioni.

▪       Garantire la sicurezza dell’accesso al porto e delle operazioni portuali evitando ulteriori incidenti come conseguenza delle perturbazioni causate dal cambiamento climatico.

▪       Ridurre al minimo l’impatto ambientale (ad esempio le emissioni, l’inquinamento del suolo/delle acque, il degrado degli ecosistemi e la frammentazione degli habitat e la perdita di biodiversità, come previsto dalla Strategia dell’UE per la biodiversità 2030) durante la costruzione, la manutenzione, il funzionamento e la dismissione dell’infrastruttura, andando oltre la legislazione ambientale dell’UE.

Presentare linee guida che descrivano le misure (strutturali, operative e istituzionali) per affrontare i rischi e i pericoli climatici e fornire indicazioni su come esaminare e valutare le opzioni.

 

Ambito di applicazione:

La ricerca è necessaria per limitare la vulnerabilità delle infrastrutture di trasporto ai cambiamenti climatici e ad altre perturbazioni naturali o causate dall’uomo. Per rendere le infrastrutture più resilienti ai cambiamenti climatici si dovrebbe puntare a migliorare la capacità della rete di infrastrutture di trasporto di resistere alle perturbazioni, di adattarsi ai cambiamenti delle condizioni in circostanze estreme e di mantenere le proprie prestazioni. L’obiettivo è rafforzare l’affidabilità delle infrastrutture, migliorarne le prestazioni in circostanze estreme e aumentare così la resilienza dell’intero sistema di trasporto.

 

I porti marittimi e le vie d’acqua di tutto il mondo stanno subendo aumenti della temperatura dell’aria e dell’acqua, l’innalzamento del livello del mare, cambiamenti nelle precipitazioni stagionali e nelle condizioni di vento e onde. In molti casi si verificano anche eventi estremi più frequenti e gravi, come tempeste, inondazioni improvvise, ondate di calore prolungate e siccità. Il cambiamento climatico rappresenta un rischio significativo per le attività, le operazioni, la sicurezza e le infrastrutture, e quindi per le economie locali, nazionali ed europee.

 

Gli eventi meteorologici estremi si ripercuotono sulle infrastrutture di trasporto e sulla loro gestione. Anche se le infrastrutture sono progettate per far fronte a varie sollecitazioni nel corso della loro vita, l’aumento della frequenza e della gravità degli eventi meteorologici estremi aumenterà il loro ritmo di deterioramento e la possibilità di incidenti che possono diventare più frequenti a causa delle condizioni meteorologiche avverse. I porti marittimi e le vie d’acqua interne collegate sono particolarmente esposti agli eventi meteorologici estremi e sono molto importanti per l’economia locale e globale, dal momento che quasi l’80% delle merci mondiali viene trasportato via nave.

I porti marittimi europei sono porte d’accesso ad altri continenti. Il 74% delle merci extra-UE viene spedito attraverso i porti. Sono importanti anche per il commercio intraeuropeo: il 37% del traffico merci intraeuropeo e 385 milioni di passeggeri passano dai porti ogni anno. Si prevede una crescita del 50% delle merci movimentate nei porti dell’UE entro il 2030.

 

Gli operatori portuali e fluviali devono intervenire con urgenza per rafforzare la resilienza e adattarsi. In quanto strutture costiere, i porti marittimi e le vie navigabili interne collegate sono esposti alle mareggiate e all’innalzamento del livello del mare e sono vulnerabili alle inondazioni. Si prevede che i cambiamenti climatici avranno impatti più gravi nell’Europa settentrionale, dove si trovano i 20 porti marittimi più importanti d’Europa. In totale, 852 porti sono a rischio di inondazione nel 2080 e si prevede che il numero di porti marittimi esposti a livelli di inondazione superiori a 1 metro aumenterà dell’80% dal 2030 al 2080. Il numero di porti a rischio di inondazione dovrebbe aumentare di oltre il 50% dal 2030 al 2080. Questa tendenza è ancora più forte sulla costa del Mare del Nord, dove secondo il database GISCO si trovano oltre 500 porti con un traffico che rappresenta fino al 15% del trasporto merci mondiale (EUCC-D, 2013). In totale, 852 porti importanti devono affrontare il rischio di inondazione entro la fine del secolo.

 

Allo stesso tempo, quando ci si concentra su un’infrastruttura di trasporto resiliente e performante, l’impronta ambientale, il consumo di risorse e materiali, la frammentazione degli habitat e il degrado della biodiversità dovrebbero essere ridotti al minimo. L’obiettivo è un’infrastruttura intelligente, verde, sostenibile, resiliente al clima e rispettosa della biodiversità.

 

Le proposte dovranno sviluppare e convalidare nuove soluzioni per aumentare la resilienza, l’efficienza, l’intermodalità e la sicurezza del sistema di trasporto, per passeggeri e merci.

 

Le proposte dovranno riguardare tutti i seguenti punti:

 

Sviluppare soluzioni per garantire le prestazioni e la sicurezza di a) porti marittimi,

b) infrastrutture di navigazione interna collegate

c) infrastrutture terrestri dell’entroterra collegate, durante i periodi di eventi meteorologici estremi.

 

 

Sviluppare strategie che riducano al minimo la perdita di capacità delle infrastrutture durante gli eventi dirompenti, mettendo in sicurezza i beni infrastrutturali o fornendo la necessaria ridondanza o capacità di adattamento, evitando allo stesso tempo una progettazione eccessiva, inappropriata o irreversibile, basata sull’analisi della vulnerabilità e sulla valutazione del rischio.

Dimostrare soluzioni per interconnettere i sistemi di monitoraggio dello stato di salute delle infrastrutture, di gestione del traffico e di gestione delle emergenze per supportare un processo decisionale informato durante e dopo questi eventi, supportando anche la possibile ridistribuzione dei flussi di merci e passeggeri su infrastrutture complementari. Le soluzioni per il settore ferroviario devono essere armonizzate con i progetti del Programma ferroviario dell’UE che attuano l’area faro 5.

Basarsi su soluzioni innovative per la sorveglianza e la previsione degli effetti dei cambiamenti climatici, come i gemelli digitali Destination Earth, e per l’identificazione di punti infrastrutturali particolarmente vulnerabili ai cambiamenti climatici. Le proposte devono sviluppare strategie intermodali per aggiornare (anche fisicamente) le infrastrutture esistenti e ridurne la vulnerabilità, utilizzando materiali e tecniche di costruzione sostenibili.

Sviluppare modelli di governance nuovi e migliorati che consentano la cooperazione attraverso i confini istituzionali, modali e nazionali per far fronte a shock e interruzioni su larga scala.

Sviluppare procedure e metodologie standard per favorire l’attuazione di misure (strutturali, operative, istituzionali e sociali) per affrontare i rischi e i pericoli climatici. Includere almeno tre dimostrazioni pilota delle soluzioni proposte in ambiente operativo (minimo a TRL7) per tre porti marittimi con infrastrutture di navigazione interna collegate ai corridoi CEF. I progetti pilota devono selezionare le misure e le combinazioni di misure più efficaci e determinare come e quando possono essere implementate al meglio nel tempo, al variare delle condizioni.

Valutare l’impatto qualitativo e quantitativo delle misure proposte con una chiara base di riferimento per ogni dimostrazione pilota.

Le soluzioni infrastrutturali innovative devono contribuire a ridurre l’impronta ambientale, le risorse e il consumo di materiali. L’esplorazione di soluzioni basate sulla natura (NBS) rappresenta un’opportunità per creare infrastrutture di trasporto europee sostenibili e resistenti al clima in modo economicamente vantaggioso, producendo al contempo sostanziali co-benefici sociali, economici e ambientali. L’obiettivo è quello di realizzare infrastrutture intelligenti, verdi, sostenibili e resistenti al clima, pianificate in modo da massimizzare l’impatto positivo sulla crescita economica e ridurre al minimo l’impatto negativo sull’ambiente e il degrado significativo e duraturo degli ecosistemi, la frammentazione degli habitat o la perdita di biodiversità, promuovendo modalità di trasporto rispettose dell’ambiente e portando alla riduzione delle emissioni dei trasporti.

Se i progetti utilizzano dati e servizi di osservazione della terra, posizionamento, navigazione e/o tempistica correlati basati su satelliti, i beneficiari devono descrivere come l’uso di Copernicus e/o Galileo/EGNOS sia incorporato nelle soluzioni proposte.

 

Le proposte dovranno inoltre tenere conto dei risultati dei precedenti bandi sulla costruzione di infrastrutture resilienti e sull’edilizia sostenibile e dovranno recepire gli orientamenti dell’UE in materia di sviluppo e gestione delle infrastrutture di trasporto europee.

Criteri di eleggibilità Per essere ammissibili, i richiedenti (beneficiari ed enti affiliati) devono:

-essere soggetti giuridici (enti pubblici o privati) avere sede in uno dei Paesi ammissibili, ovvero Stati membri dell’UE (compresi i Paesi e territori d’oltremare (PTOM)) Paesi non UE:

– Paesi SEE elencati e Paesi associati o Paesi che hanno in corso negoziati per un accordo di associazione e in cui l’accordo entra in vigore prima della firma della sovvenzione (elenco dei Paesi partecipanti)

– Paesi in via di adesione,

I beneficiari e gli enti affiliati devono iscriversi al Registro dei partecipanti – prima di presentare la proposta – e dovranno essere convalidati dal Servizio centrale di convalida (REA Validation). Per la convalida, sarà loro richiesto di caricare documenti che dimostrino lo status giuridico e l’origine.

Condizioni di ammissibilità Le condizioni sono descritte nell’Allegato generale B. Si applicano le seguenti eccezioni: Se i progetti utilizzano dati e servizi di osservazione della terra, posizionamento, navigazione e/o tempistica correlati basati su satelliti, i beneficiari devono utilizzare Copernicus e/o Galileo/EGNOS (possono essere utilizzati anche altri dati e servizi).

 

Contributo finanziario

 

Contributo UE previsto per progetto La Commissione stima che un contributo UE di circa 7,00 milioni di euro consentirebbe di affrontare adeguatamente questi risultati. Tuttavia, ciò non preclude la presentazione e la selezione di una proposta che richieda importi diversi.

Budget indicativo Il budget totale indicativo per il tema è di 14,00 milioni di euro.

Tipo di azione Azioni di innovazione

Scadenza

 

05 Settembre 2023 17:00:00 Brussels time
Ulteriori informazioni wp-8-climate-energy-and-mobility_horizon-2023-2024_en.pdf (europa.eu)

pag. 467

Servizio offerto da Tiziana Beghin, deputato al Parlamento europeo, membro non iscritto.
disclaimer:
Le opinioni espresse sono di responsabilità esclusiva dell’autore o degli autori e non riflettono necessariamente la posizione ufficiale del Parlamento europeo.

Hai bisogno di qualche informazione?

https://www.tizianabeghin.it/wp-content/uploads/2022/02/logo-320x145.png
© Copyright 2022 - Tiziana Beghin
Contatti
Parlamento europeo • Rue Wiertz 60, 1047 Bruxelles