HORIZON-CL5-2024-D5-01-07: Accelerare l’aviazione a impatto climatico zero, riducendo al minimo le emissioni non di CO2

31 Ottobre 2023
Titolo HORIZON-CL5-2024-D5-01-07: Accelerare l’aviazione a impatto climatico zero, riducendo al minimo le emissioni non di CO2

 

HORIZON-CL5-2024-D5-01-07: Accelerating climate neutral aviation, minimising non CO2 emissions

Ente finanziatore Commissione europea

Programma Horizon Europe

Settore di riferimento Trasporti
Obiettivi ed impatto attesi I risultati del progetto devono essere incentrati sulla minimizzazione delle emissioni non CO2 dell’aviazione. I risultati del progetto dovrebbero contribuire ad almeno tre dei seguenti risultati attesi:

·       In primo luogo, aumentare ulteriormente la comprensione scientifica relativa all’impatto degli aerosol sulle nuvole e al contributo delle emissioni di NOx dell’aviazione al cambiamento climatico.

·       Indagare ulteriormente su come sostenere le potenziali misure politiche identificate nello studio dell’EASA.[1]e se sono proporzionate, fattibili e riducono l’impatto globale sul clima (emissioni di CO2 e non CO2).

·       Eseguire un’analisi dettagliata del rapporto ottimale tra costi e clima.

·       Eseguire la caratterizzazione delle emissioni di gas e particelle del motore, quando i dati sono incompleti o non disponibili.

·       Eseguire test di volo e dimostrare i benefici e i compromessi in termini di consumo di carburante per evitare le regioni sensibili al clima.

·       Effettuare ricerche sull’idrogeno e sui carburanti drop-in per l’aviazione con l’obiettivo di ridurre ulteriormente le emissioni non CO2.

·       Sviluppare un ulteriore software di supporto alle decisioni in tempo reale per le compagnie aeree e l’ATM, per prevedere la posizione e l’impatto sul riscaldamento globale della formazione di contrail e cirri contrail.

Ambito di applicazione:

Gli studi dell’UE dimostrano che circa il 50-75% dell’impatto climatico del trasporto aereo è causato da emissioni non CO2. A causa del loro carattere geografico locale, della loro dipendenza dai fenomeni atmosferici, della comprensione incompleta e dell’incertezza, nonché dei compromessi operativi, le emissioni non-CO2 sono state finora poco considerate dalle misure normative internazionali ed europee. Studi recenti dimostrano che sono possibili misure di mitigazione efficaci dal punto di vista dei costi, a condizione che azioni mirate di R&I e test di volo risolvano le ultime incertezze. Tuttavia, oggi come oggi, qualsiasi misura di mitigazione che aumenti le emissioni di CO2, anche a fronte di una riduzione netta dell’impatto complessivo sul riscaldamento climatico, introduce una complessa questione politica di mitigazione degli effetti climatici a breve termine rispetto a quelli a lungo termine.

Recenti attività di ricerca finanziate a livello europeo e nazionale (FP7-REACT4C, SESAR-FLyATM4E, ALARM, SINOPTICA, DLR-WeCARE, H2020-ACACIA, HE-BECOM) hanno caratterizzato meglio la formazione delle scie e hanno fornito maggiori informazioni sulle emissioni di NOx dell’aviazione e sulla formazione di ozono. Gli studi hanno anche dimostrato che se le operazioni degli aerei sono ottimizzate solo per l’uso del carburante, possono avere un maggiore impatto sul clima, poiché gli effetti non legati alla CO2 possono compensare la riduzione del riscaldamento dovuta al risparmio di CO2.

Evitare le regioni sensibili al clima ha un grande potenziale di riduzione dell’impatto climatico a costi relativamente bassi, senza causare un aumento significativo delle emissioni di CO2 che superano l’effetto climatico complessivo. L’integrazione dell’analisi dei dati e delle previsioni meteorologiche in strumenti software avanzati di supporto alle decisioni, in grado di prevedere in tempo reale la formazione di contrail e di proporre percorsi alternativi, è in linea con lo scopo di questo argomento. Questo argomento mira a integrare e fornire chiare linee guida operative supportate da test di volo convalidati. La caratterizzazione delle emissioni di gas e particelle dei motori, quando i dati sono incompleti o non disponibili, è in linea con lo scopo di questo argomento.

Come seguito dello studio dell’EASA sugli impatti climatici non CO2 e per la standardizzazione in vista delle considerazioni sulla sicurezza e della futura certificazione, è necessario il coinvolgimento dell’EASA (ad esempio come parte del gruppo direttivo), nonché il coordinamento con i gruppi pertinenti dell’ICAO (CAEP).

Dovrebbero essere sfruttate anche le sinergie con SESAR3, in considerazione degli argomenti pertinenti del programma di lavoro biennale 2022-2023 dell’impresa comune SESAR3. Inoltre, si dovrebbe cercare una collaborazione internazionale per la ricerca e la gestione del traffico aereo (ad esempio, SESAR/NextGen).

Si possono prendere in considerazione anche sinergie con i Dimostratori del Cielo Digitale, compresi in particolare i voli per la dimostrazione di traiettorie verdi o dotati di sensori per la raccolta di dati per la valutazione dell’impatto non CO2 sull’aviazione. Infine, si dovrebbero cercare sinergie con Destination Earth.

Condizioni specifiche dell’argomento:

Si prevede che le attività raggiungano il TRL 2-4 entro la fine del progetto – si veda l’Allegato generale B.

 

Criteri di eleggibilità Per essere ammissibili, i richiedenti (beneficiari ed enti affiliati) devono:

-essere soggetti giuridici (enti pubblici o privati) avere sede in uno dei Paesi ammissibili, ovvero Stati membri dell’UE (compresi i Paesi e territori d’oltremare (PTOM)) Paesi non UE:

– Paesi SEE elencati e Paesi associati o Paesi che hanno in corso negoziati per un accordo di associazione e in cui l’accordo entra in vigore prima della firma della sovvenzione (elenco dei Paesi partecipanti)

– Paesi in via di adesione,

I beneficiari e gli enti affiliati devono iscriversi al Registro dei partecipanti – prima di presentare la proposta – e dovranno essere convalidati dal Servizio centrale di convalida (REA Validation). Per la convalida, sarà loro richiesto di caricare documenti che dimostrino lo status giuridico e l’origine.

 

 

Contributo finanziario

 

Contributo UE previsto per progetto

La Commissione ritiene che un contributo dell’UE compreso tra 4 e 5 milioni di euro consentirebbe di affrontare adeguatamente questi risultati. Tuttavia, ciò non preclude la presentazione e la selezione di una proposta che richieda importi diversi.

Bilancio indicativo Il bilancio indicativo totale per il tema è di 17,00 milioni di euro.

Tipo di azioni di ricerca e innovazione

Condizioni di ammissibilità Le condizioni sono descritte nell’Allegato generale B. Si applicano le seguenti eccezioni: Se i progetti utilizzano dati e servizi di osservazione della terra, posizionamento, navigazione e/o tempistica correlati basati su satelliti, i beneficiari devono utilizzare Copernicus e/o Galileo/EGNOS (possono essere utilizzati anche altri dati e servizi).

Scadenza

 

18 aprile 2024 17:00:00 ora di Bruxelles
Ulteriori informazioni wp-8-clima-energia-e-mobilità_orizzonte-2023-2024_it.pdf (europa.eu)

 

Servizio offerto da Tiziana Beghin, deputato al Parlamento europeo, membro non iscritto.
disclaimer:
Le opinioni espresse sono di responsabilità esclusiva dell’autore o degli autori e non riflettono necessariamente la posizione ufficiale del Parlamento europeo.

Hai bisogno di qualche informazione?

https://www.tizianabeghin.it/wp-content/uploads/2022/02/logo-320x145.png
© Copyright 2022 - Tiziana Beghin
Contatti
Parlamento europeo • Rue Wiertz 60, 1047 Bruxelles