Impegno e partecipazione dei cittadini

15 Marzo 2023
Titolo Citizens’ engagement and participation

Impegno e partecipazione dei cittadini

TOPIC ID: CERV-2023-CITIZENS-CIV

Ente finanziatore Commissione europea

Programma “Cittadini, uguaglianza, diritti e valori” (CERV)

Settore di riferimento Affari sociali
Obiettivi ed impatto attesi Obiettivo:

Promuovere la partecipazione e il contributo dei cittadini e delle associazioni rappresentative alla vita democratica e civile dell’Unione, facendo conoscere e scambiando pubblicamente le loro opinioni in tutti i settori dell’azione dell’Unione.

 

Ambito:

Il presente invito mira a sostenere progetti promossi da partenariati e reti transnazionali che coinvolgono direttamente i cittadini. Questi progetti riuniranno una serie di persone di diversa provenienza in attività direttamente collegate alle politiche dell’UE, dando loro l’opportunità di partecipare attivamente al processo di elaborazione delle politiche dell’UE e contribuendo così alla vita democratica e civica dell’Unione. I progetti incoraggeranno i cittadini, compresi i giovani, a comprendere il processo di elaborazione delle politiche, mostrando nella pratica come impegnarsi nella vita democratica dell’UE e consentendo loro di far conoscere e scambiare pubblicamente le proprie opinioni in tutti i settori di azione dell’Unione.

 

Il bando offre l’opportunità di coprire un’ampia gamma di settori politici e di contribuire alla promozione dei valori dell’UE, dello Stato di diritto, dei diritti fondamentali e della democrazia.

 

I progetti devono sostenere la partecipazione democratica, anche stimolando e organizzando riflessioni, dibattiti o altre attività. Dovrebbero inoltre proporre soluzioni pratiche che possano essere attuate attraverso la cooperazione o il coordinamento a livello europeo, sostenere la condivisione di buone pratiche e garantire un collegamento pratico con il processo di elaborazione delle politiche.

 

Pur mantenendo un approccio dal basso verso l’alto, ci si concentrerà in modo specifico sulle priorità delineate di seguito:

 

1. Promuovere la partecipazione democratica attraverso il dibattito sul futuro dell’Europa.

 

2. Coinvolgere i cittadini e le comunità nelle discussioni e nelle azioni relative al clima e all’ambiente.

 

3. Coinvolgere i cittadini e le comunità in discussioni e azioni relative alla solidarietà.

 

4. Contrastare la disinformazione e altre forme di interferenza nel dibattito democratico e promuovere l’alfabetizzazione mediatica.

 

Questo elenco di priorità non è esaustivo. I candidati possono affrontare altre priorità in tutti i settori di azione dell’Unione, purché siano in linea con l’obiettivo del bando di promuovere l’impegno e la partecipazione dei cittadini.

 

 

 

Impatto previsto:

·      Aumentare la consapevolezza dei cittadini sui diritti e sui valori dell’UE e aumentare il loro impegno nella società e nell’UE;

·      Consentire ai cittadini di approfondire la conoscenza delle istituzioni e delle politiche dell’UE e di comprendere meglio i risultati e i vantaggi dell’UE;

·      rafforzare la partecipazione democratica, con particolare attenzione all’inclusione dei giovani e degli anziani, delle donne in tutte le loro diversità, dei cittadini mobili dell’UE e delle persone con disabilità;

·      raggiungere i cittadini non attivi nella partecipazione civica nella loro vita quotidiana;

·      rendere possibile ai cittadini di comunicare le loro opinioni e preoccupazioni ai responsabili politici a tutti i livelli.

 

 

I progetti devono riunire persone provenienti da Paesi e contesti diversi in attività direttamente collegate alle politiche dell’UE.

I progetti devono offrire un’opportunità di partecipazione diretta al processo di elaborazione delle politiche e creare così le condizioni per un approccio dal basso verso l’alto e un processo di elaborazione delle politiche più inclusivo, promuovendo l’impegno civico e democratico.

 

I progetti dovranno

– abbiano partenariati diversificati, con il settore della società civile che svolga un ruolo di primo piano;

– includano diversi tipi di organizzazioni (ad esempio, organizzazioni senza scopo di lucro, comprese le organizzazioni della società civile, istituzioni educative, culturali o di ricerca, autorità pubbliche locali/regionali o università); e

– includano eventi come dibattiti, conferenze, seminari, campagne, workshop e attività culturali.

 

Questo invito a presentare proposte sostiene attività che contribuiscono a promuovere la democrazia, l’inclusione e la partecipazione democratica nell’UE. Si tratta di attività che comprendono, ad esempio:

(i) la promozione dell’impegno sociale attraverso dibattiti, campagne, sensibilizzazione, conferenze, workshop, ecc. sui temi rilevanti per le priorità dell’invito e la creazione di un collegamento con l’agenda politica europea e il processo di elaborazione delle politiche;

(ii) la raccolta delle opinioni dei singoli individui attraverso un approccio dal basso verso l’alto (compreso l’uso dei social network, dei webinar, ecc. ) e l’alfabetizzazione mediatica;

(iii) promuovere gli scambi tra i cittadini dell’UE su argomenti legati all’UE per favorire una migliore comprensione delle diverse prospettive; e

(iv) identificare possibili soluzioni e raccomandazioni da sottoporre alle autorità politiche locali e ai responsabili delle decisioni.

 

Le attività che sostengono specifici partiti politici non saranno finanziate, a prescindere dalle motivazioni della candidatura o dagli obiettivi.

Criteri di eleggibilità Partecipanti ammissibili (Paesi ammissibili) Per essere ammissibili, i richiedenti (richiedenti principali (Coordinatore), co-richiedenti ed enti affiliati) devono:

 I candidati capofila (cioè il “Coordinatore”) devono essere persone giuridiche private senza scopo di lucro o università pubbliche

 I co-richiedenti devono essere persone giuridiche senza scopo di lucro (enti pubblici o privati) o un’organizzazione internazionale

 Essere formalmente stabiliti in uno dei Paesi ammissibili, cioè:

 Stati membri dell’UE (compresi i Paesi e gli Stati d’oltremare).

 Stati membri dell’UE (compresi i Paesi e territori d’oltremare (PTOM))

 Paesi non UE:

 Paesi associati al Programma CERV o Paesi che hanno in corso negoziati per un accordo di associazione e in cui l’accordo entra in vigore prima della firma della sovvenzione (elenco dei Paesi partecipanti)

 

Altre condizioni di ammissibilità

– Le attività devono svolgersi in uno qualsiasi dei Paesi ammissibili

– La sovvenzione UE richiesta non può essere inferiore a 75.000 euro

– Il progetto deve essere transnazionale;

– La domanda deve coinvolgere almeno due candidati (candidato principale e almeno un co-richiedente che non sia un’entità affiliata o un partner associato) di due diversi Paesi ammissibili

 

I beneficiari e le entità affiliate devono registrarsi nel Registro dei partecipanti – prima di presentare la proposta – e dovranno essere convalidati dal Servizio centrale di convalida (REA Validation). Per la convalida, sarà richiesto loro di caricare documenti che dimostrino lo status giuridico e l’origine.

 

Composizione del consorzio

Le proposte devono essere presentate da un consorzio composto da un minimo di 2 candidati (candidato principale e almeno un co-richiedente che non sia un’entità affiliata o un partner associato) provenienti da 2 diversi paesi ammissibili.

 

Durata

I progetti devono normalmente avere una durata compresa tra 12 e 24 mesi (sono possibili proroghe, se debitamente giustificate e attraverso una modifica).

Contributo finanziario

 

·      Il budget disponibile per l’invito è di 25 400 000 EUR.

·      Bilancio del progetto Importo minimo della sovvenzione: 75 000 EUR.

·      Importo massimo della sovvenzione: Nessun limite.

·      La sovvenzione sarà una sovvenzione forfettaria. Ciò significa che rimborserà un importo fisso,  basato su una somma forfettaria o su un finanziamento non legato ai costi

Scadenza

 

05 Settembre 2023 17:00:00 Brussels time
Ulteriori informazioni call-fiche_cerv-2023-citizens-civ_en.pdf (europa.eu)

Servizio offerto da Tiziana Beghin, deputato al Parlamento europeo, membro non iscritto.
disclaimer:
Le opinioni espresse sono di responsabilità esclusiva dell’autore o degli autori e non riflettono necessariamente la posizione ufficiale del Parlamento europeo.

Hai bisogno di qualche informazione?

https://www.tizianabeghin.it/wp-content/uploads/2022/02/logo-320x145.png
© Copyright 2022 - Tiziana Beghin
Contatti
Parlamento europeo • Rue Wiertz 60, 1047 Bruxelles