Impianti di protezione con reti antigrandine

15 Gennaio 2024

 

Titolo
PSR 2014-2022. Op. 512 “Impianti di protezione con reti antigrandine”. Bando n. 5/2023

 

Ente finanziatore Regione Piemonte
Obiettivi ed impatto attesi L’azione sostiene i seguenti investimenti di prevenzione dei danni da avversità atmosferiche, calamità naturali ed eventi catastrofici di tipo abiotico così come definiti al punto 1, rispettivamente lettere a), b), c): • reti antigrandine. Essa ha lo scopo di sostenere la redditività e la competitività delle aziende agricole di fronte alle avversità atmosferiche e alle calamità naturali di tipo abiotico operando sulla prevenzione dei rischi al fine di consentire alle aziende di poter mantenere i livelli di qualità e di commercializzazione dei prodotti, permettendo il mantenimento delle quote e degli standard richiesti dal mercato, in particolare in presenza di accordi di filiera. L’operazione contribuisce principalmente ai fabbisogni F10 (Prevenire e ripristinare i danni connessi ai rischi climatici, sanitari e fitosanitari, ambientali e all’azione dei selvatici) e F15 (Migliorare la conservazione del sistema suolo) ed è collegata alla focus area 3B (Sostenere la prevenzione e la gestione dei rischi aziendali) del PSR 2014-2022.
Criteri di eleggibilità: Il presente bando è riservato a richiedenti in possesso dei requisiti di agricoltore in attività di cui all’articolo 9 del Regolamento (UE) n. 1307/2013, sia persone fisiche che persone giuridiche, singoli o associati. I requisiti necessari per l’ammissione al sostegno devono essere già posseduti all’atto della presentazione della domanda e devono permanere fino alla data di conclusione del vincolo di destinazione degli interventi. Per la presentazione della domanda è obbligatorio che l’azienda agricola sia precedentemente iscritta alla Anagrafe Agricola del Piemonte e abbia costituito il fascicolo aziendale come da D.L.gs 173/1998 e D.P.R. 503/1999. Non possono presentare domanda di sostegno coloro nei cui confronti sussistano condizioni che limitano o escludono, a norma di legge, la capacità di contrarre con la pubblica amministrazione, ovvero di percepire contributi, finanziamenti o mutui agevolati ed altre erogazioni dello stesso tipo, comunque denominate, concessi o erogati da parte dello Stato, di altri enti pubblici o delle Comunità europee, per lo svolgimento di attività imprenditoriali.
Contributo finanziario: La deliberazione della Giunta Regionale n. 21-8011 del 23 dicembre 2023 ha disposto che la dotazione finanziaria per l’attuazione del bando prevede 506.924,12 euro di spesa pubblica di cui:

• € 218.585,68 a carico del FEASR (43,12% del totale),

• € 201.836,91 a carico dello Stato (39,816% del totale);

• € 86.501,53 a carico della Regione Piemonte (17,064% del totale). Qualora si rendessero disponibili risorse finanziarie provenienti da economie, si potrà procedere a finanziare eventuali investimenti ritenuti IDONEI, ma non finanziabili per mancanza di risorse.

Scadenza: La domanda di sostegno deve essere presentata a partire dal giorno di approvazione del presente bando ed entro e non oltre le ore 23:59:59 del 30 aprile 2024 , pena la non ricevibilità della domanda stessa. Tale termine è la scadenza ultima per la presentazione mediante il sistema informatico
Ulteriori informazioni: DD A17_1205_2023 – Allegato.pdf (regione.piemonte.it)

Servizio offerto da Tiziana Beghin, deputato al Parlamento europeo, membro non iscritto.

Disclaimer: Le opinioni espresse sono di responsabilità esclusiva dell’autore o degli autori e non riflettono necessariamente la posizione ufficiale del Parlamento europeo

 

Hai bisogno di qualche informazione?

https://www.tizianabeghin.it/wp-content/uploads/2022/02/logo-320x145.png
© Copyright 2022 - Tiziana Beghin
Contatti
Parlamento europeo • Rue Wiertz 60, 1047 Bruxelles