Invito a presentare proposte per sovvenzioni d’azione per promuovere la cooperazione giudiziaria in materia civile e penale

15 Dicembre 2023
Titolo  

Call for proposals for action grants to promote judicial cooperation in civil and criminal matters

JUST-2024-JCOO

 

 

Invito a presentare proposte per sovvenzioni d’azione per promuovere la cooperazione giudiziaria in materia civile e penale

JUST-2024-JCOO

Ente finanziatore Commissione europea

Programma Giustizia (JUST)

 

Settore di riferimento Giustizia
Obiettivi ed impatto attesi Obiettivi (risultato atteso) Facilitare e sostenere la cooperazione giudiziaria in materia civile e penale e promuovere lo Stato di diritto, l’indipendenza e l’imparzialità del sistema giudiziario, anche sostenendo gli sforzi per migliorare l’efficacia dei sistemi giudiziari nazionali e l’effettiva esecuzione delle decisioni. Temi e priorità (ambito) Le priorità per il 2024 sono quattro:

  1. Cooperazione giudiziaria in materia penale
  2. Sostegno agli Stati membri per la creazione e il rafforzamento di reti nazionali attive nel settore della cooperazione giudiziaria in materia civile e penale.
  3. Supporto agli Stati membri per il collegamento e lo scambio dei loro dati biometrici con il sistema centrale ECRIS-TCN.

 

 

Sebbene siano elencate diverse misure e iniziative, non è richiesto di includerle tutte in un singolo progetto. Sono molto apprezzati i progetti con un forte focus. Tutte le attività devono, sia in fase di progettazione che di attuazione, incorporare una prospettiva di uguaglianza di genere. Pertanto, i candidati sono tenuti a condurre e includere nella loro proposta un’analisi di genere, che tracci il potenziale impatto diverso del progetto e delle sue attività su donne e uomini, nonché su ragazze e ragazzi in tutta la loro diversità. In questo modo, gli effetti negativi involontari dell’intervento su entrambi i sessi dovrebbero essere evitati (approccio do no-harm). A tal fine, i richiedenti sono incoraggiati a consultare le domande chiave elencate sul sito web dell’EIGE quando conducono la loro analisi di genere. L’identificazione delle migliori pratiche, la raccolta dei dati, comprese le statistiche disaggregate per sesso, e la diffusione delle informazioni devono essere improntate a un approccio di genere.

Tutte le attività di comunicazione devono evitare la discriminazione, la vittimizzazione e gli stereotipi di donne e uomini. Le attività di apprendimento reciproco, analisi e formazione devono incorporare una prospettiva di uguaglianza di genere e promuovere una partecipazione equilibrata tra i sessi alle formazioni.

 

L’argomento riguarda le seguenti attività:

– facilitare la cooperazione tra le autorità e le agenzie competenti, gli operatori del diritto e/o i fornitori di servizi (comprese le reti multidisciplinari a livello internazionale, nazionale, regionale o locale);

– l’apprendimento reciproco, l’identificazione e lo scambio delle migliori pratiche, lo sviluppo di metodi di lavoro che possano essere trasferiti ad altri Paesi partecipanti;

– attività analitiche, tra cui raccolta di dati, statistiche, indagini, ricerche, ecc;

– scambio e fornitura di informazioni e sviluppo di strumenti informativi;

– sviluppo di capacità per i professionisti;

– attività di divulgazione e sensibilizzazione;

– Anche le attività di formazione possono essere finanziate nell’ambito di questo bando, purché siano di natura accessoria e non costituiscano lo scopo principale del progetto.

 

In linea di principio, le attività del progetto comprendono lavori di analisi, concezione, progettazione ed elaborazione, sviluppo di software IT, garanzia di qualità e relative misure ausiliarie necessarie per la creazione di nuovi sistemi IT, nonché l’espansione e l’adattamento delle soluzioni nazionali esistenti per raggiungere gli obiettivi della priorità 4. Sono ammissibili al finanziamento anche le attività relative alla gestione del progetto, alla comunicazione, alla promozione e alla divulgazione. Le attività nell’ambito di questo tema, in particolare quando riguardano lo sviluppo di software IT (priorità 1), terranno conto delle soluzioni esistenti, come i risultati del progetto e-CODEX, i blocchi di costruzione CEF e i vocabolari ISA2 Core. Le proposte che si concentrano sulla pratica sono considerate di maggiore impatto rispetto alle semplici proposte di ricerca. Allo stesso modo, le proposte che considerano nella loro progettazione e implementazione una prospettiva di genere sono ritenute di maggiore impatto.

 

Criteri di eleggibilità Le domande saranno considerate ammissibili solo se il loro contenuto corrisponde interamente (o almeno in parte) alla descrizione del tema per cui sono state presentate. Partecipanti ammissibili (Paesi ammissibili) Per essere ammissibili, i richiedenti (beneficiari ed enti affiliati) devono: – essere persone giuridiche (enti pubblici o privati) – avere sede in uno dei Paesi ammissibili, ossia: – Stati membri dell’UE (compresi i Paesi e territori d’oltremare (PTOM), esclusa la Danimarca).

– Paesi non appartenenti all’UE:

– paesi associati al Programma Giustizia o paesi che hanno in corso negoziati per un accordo di associazione e in cui l’accordo entra in vigore prima della firma della sovvenzione (elenco dei paesi partecipanti)

Inoltre, nell’ambito delle priorità 1 e 2:

a)    Le organizzazioni a scopo di lucro devono presentare domande in partenariato con enti pubblici o organizzazioni private senza scopo di lucro; b) i progetti devono essere transnazionali e coinvolgere organizzazioni di almeno due Paesi partecipanti.

 

Inoltre, nell’ambito della priorità 3:

a) Nel settore delle questioni civili e commerciali, la domanda deve essere presentata dai membri ufficialmente nominati della RGE in materia civile e commerciale, o dalle autorità nazionali, dai tribunali e dalle associazioni professionali che rappresentano i membri ufficialmente nominati della RGE in materia civile e commerciale;

b) In materia penale, la domanda deve essere presentata dalle autorità nazionali, dai tribunali, dalle procure e dalle associazioni professionali che li rappresentano;

c) Sarà accettata una sola domanda per Paese partecipante.

Non è necessario che i progetti abbiano un aspetto transnazionale. Inoltre, nell’ambito della priorità 4, i candidati devono:

a) sono le autorità nazionali responsabili dei sistemi che collegano le banche dati nazionali dei casellari giudiziari e delle impronte digitali al sistema centrale ECRISTCN.

b) Sarà accettata una sola domanda per Paese partecipante. Non è necessario che i progetti abbiano un aspetto transnazionale.

 

I beneficiari e le entità affiliate devono registrarsi nel Registro dei Partecipanti – prima di presentare la proposta – e dovranno essere convalidati dal Servizio Centrale di Convalida (REA Validation). Per la convalida, sarà richiesto loro di caricare documenti che dimostrino lo status giuridico e l’origine. Altre entità possono partecipare in altri ruoli del consorzio, come partner associati, subappaltatori, terze parti che forniscono contributi in natura, ecc.

 

Durata

Di norma, i progetti devono avere una durata compresa tra 12 e 24 mesi. Sono possibili proroghe, se debitamente giustificate e attraverso un emendamento.

Contributo finanziario

 

Il budget disponibile per l’invito è di 5 800 000 EUR.

 

Budget del progetto Per la priorità 1 (questioni civili) e la priorità 4 (ECRIS): la sovvenzione UE richiesta non può essere inferiore a 75 000 euro.

Non c’è un limite massimo. Per la priorità 2 (questioni penali) e la priorità 3 (EJN civile e penale):

I budget dei progetti devono essere compresi tra 75 000 e 350 000 euro per progetto.

La sovvenzione concessa può essere inferiore all’importo richiesto.

 

I parametri della sovvenzione (importo massimo della sovvenzione, tasso di finanziamento, costi totali ammissibili, ecc.) saranno stabiliti nella Convenzione di sovvenzione (Scheda tecnica, punto 3 e art. 5). Bilancio del progetto (importo massimo della sovvenzione)

La sovvenzione concessa può essere inferiore all’importo richiesto. La sovvenzione sarà una sovvenzione forfettaria. Ciò significa che rimborserà un importo fisso, basato su una somma forfettaria o su un finanziamento non legato ai costi. L’importo sarà fissato dall’autorità concedente sulla base del budget stimato del progetto e di un tasso di finanziamento del 90%.

Scadenza

 

18 aprile 2024 17:00:00 ora di Bruxelles
Ulteriori informazioni call-fiche_just-2024-jcoo_en.pdf (europa.eu)

 

Servizio offerto da Tiziana Beghin, deputato al Parlamento europeo, membro non iscritto.

Disclaimer: Le opinioni espresse sono di responsabilità esclusiva dell’autore o degli autori e non riflettono necessariamente la posizione ufficiale del Parlamento europeo

Hai bisogno di qualche informazione?

https://www.tizianabeghin.it/wp-content/uploads/2022/02/logo-320x145.png
© Copyright 2022 - Tiziana Beghin
Contatti
Parlamento europeo • Rue Wiertz 60, 1047 Bruxelles