LIFE-2023-CET-ENERCOMFACILITY: Facility per le Comunità Europee per l’Energia

15 Giugno 2023
Titolo LIFE-2023-CET-ENERCOMFACILITY: European Energy Communities Facility

LIFE-2023-CET-ENERCOMFACILITY: Facility per le Comunità Europee per l’Energia

Ente finanziatore Commissione europea

Programma Life

Settore di riferimento Energia
Obiettivi ed impatto attesi Nell’ambito di questo tema, sarà istituito e gestito uno “Strumento per le comunità energetiche europee” per fornire sostegno finanziario a terzi e servizi di supporto adeguati per le prime fasi dei progetti di comunità energetiche nell’UE.

 

Le comunità energetiche possono essere uno strumento efficace per attrarre investimenti privati nelle energie rinnovabili e nell’efficienza energetica, aumentare l’accettazione pubblica dei progetti di energia sostenibile e coinvolgere i cittadini nella realizzazione di una transizione energetica equa e pulita a livello locale. Data la rapidità e la portata della transizione energetica pulita e i vantaggi del coinvolgimento e della responsabilizzazione dei consumatori attraverso le comunità energetiche, è essenziale creare strumenti che aiutino un gran numero di progetti energetici comunitari a decollare e a contribuire agli obiettivi europei in materia di clima ed energia.

 

Con il pacchetto Energia pulita per tutti gli europei, l’UE ha introdotto le definizioni di comunità energetiche di cittadini e di comunità per le energie rinnovabili. Per entrambe, gli Stati membri sono chiamati a creare un quadro giuridico, normativo e politico che consenta alle comunità energetiche e agli altri attori di operare in condizioni di parità e di sostenere il loro sviluppo e la loro integrazione nel sistema energetico. Con il progredire del recepimento e dell’attuazione delle direttive in materia, un numero crescente di Stati membri sta sviluppando un sostegno su misura per i progetti delle comunità energetiche. Tuttavia, ci sono ampie zone dell’UE in cui questo sostegno è ancora scarso e la creazione di comunità energetiche si basa principalmente sul lavoro di volontari.

 

Le prime fasi dei progetti di energia sostenibile sviluppati dalle comunità energetiche richiedono uno sforzo significativo. Le comunità emergenti spesso faticano a sapere da dove cominciare quando si tratta degli aspetti tecnici e finanziari della creazione di un progetto di energia sostenibile e del finanziamento del lavoro chiave di pre-sviluppo (ad esempio, studi di fattibilità, permessi, accordi legali, ecc.) Spesso, infatti, questo lavoro è svolto da volontari con competenze limitate e/o finanziato dalla raccolta di fondi dei soci che, se il progetto fallisce, perdono l’investimento iniziale. Di conseguenza, molti progetti vengono abbandonati in fase iniziale a causa della mancanza di consulenza professionale e della difficoltà di reperire fondi per le prime fasi di sviluppo del progetto.

 

Per sostenere la crescita delle comunità energetiche e rendere i progetti meno dipendenti dal livello di reddito dei membri della comunità o dalla disponibilità di sostegno a livello locale, questo tema mira a creare una struttura in grado di fornire sostegno alle prime fasi dei progetti delle comunità energetiche. Tale supporto sarà concepito per ridurre il rischio della fase di pre-sviluppo e creare così un ponte tra l’idea del progetto e il lancio dell’investimento comunitario.

 

Inoltre, dato il numero crescente di comunità energetiche di successo, è necessario condividere efficacemente le migliori pratiche tra le regioni e creare opportunità di supporto tra pari. A tal fine, lo strumento potrebbe prendere spunto dal Repository delle Comunità energetiche europee e dal Rural Energy Community Advisory Hub (RECAH) e sviluppare ulteriormente alcuni dei loro risultati chiave.

 

Ambito di applicazione:

Lo strumento delle Comunità europee dell’energia dovrebbe offrire servizi di supporto, compreso il sostegno finanziario a terzi, per sviluppare piani aziendali per la crescita e l’implementazione di progetti di comunità energetiche sostenibili (riguardanti, ad esempio, l’efficienza energetica, il riscaldamento e il raffreddamento, la produzione e l’uso di energia rinnovabile, l’elettromobilità).

 

Il sostegno a beneficio diretto di terzi che intendono avviare progetti di comunità energetiche dovrebbe ammontare ad almeno il 70% del budget attraverso uno schema di sostegno che può comprendere due diverse fasi:

 

Prima fase: Pre-screening per verificare la fattibilità delle idee progettuali. Il pre-screening dovrebbe essere effettuato da una rete di esperti dedicati a livello nazionale[3] in grado di valutare la fattibilità dei progetti in base alle condizioni locali.

Seconda fase: Sostegno allo sviluppo di business plan per i progetti di comunità energetiche ritenuti validi a seguito del pre-screening. Le proposte dovrebbero istituire una struttura in grado di fornire sostegno finanziario a terzi sotto forma di “sovvenzioni forfettarie” per aiutare i progetti a sviluppare piani aziendali. Questi piani dovrebbero essere prodotti entro un periodo di tempo limitato e comprendere, tra l’altro: un’analisi tecnica del progetto o dei progetti di investimento previsti, uno studio delle considerazioni di pianificazione e delle opzioni di connessione alla rete, un’analisi legale, un’analisi della governance, una strategia di coinvolgimento e una chiara identificazione delle opzioni di finanziamento. La rete di esperti nazionali dovrebbe inoltre istituire degli helpdesk per fornire consulenze ad hoc ai richiedenti, contribuire alla promozione dello strumento, formare gli attori locali, sostenere le terze parti selezionate per il sostegno finanziario diretto nella contrattazione delle competenze necessarie per sviluppare i loro piani aziendali e garantire il controllo di qualità.

Le proposte devono illustrare il loro approccio per garantire che il processo e i criteri per l’assegnazione del sostegno finanziario a terzi siano conformi agli standard dell’UE in materia di trasparenza, parità di trattamento, conflitto di interessi e riservatezza.  In conformità con il Regolamento finanziario dell’UE, quando si progettano schemi per fornire sostegno finanziario a terzi, i richiedenti devono delineare:

 

▪       i diversi tipi di attività che possono ricevere tale sostegno finanziario.

▪       la definizione delle persone o delle categorie di persone che possono ricevere tale sostegno finanziario.

▪       i criteri di selezione dei beneficiari, compresi, tra l’altro, l’ambizione dell’impatto energetico, l’impatto potenziale nel contesto dell’energia comunitaria in un particolare Paese, la solidità del modello aziendale previsto e l’uso previsto dei potenziali profitti.

Il sostegno finanziario diretto proposto sarà destinato solo a terzi che sono conformi alla definizione di “Comunità per le energie rinnovabili” o “Comunità per l’energia dei cittadini” nella legislazione dell’UE o che stanno sviluppando strutture che mirano a qualificarsi come tali.

 

Lo strumento dovrebbe inoltre stabilire un quadro appropriato per il monitoraggio completo, l’analisi e la capitalizzazione dei risultati, che informeranno la progettazione delle future fasi potenziali dell’iniziativa, nonché lo sviluppo delle politiche.

 

I richiedenti devono mantenere ed espandere parti strategiche dell’eredità del Repository delle Comunità energetiche europee e del Rural Energy Communities Advisory Hub (RECAH), in particolare le reti di parti interessate create e la raccolta di dati per la valutazione d’impatto.

 

Lo strumento dovrà inoltre realizzare azioni di supporto per favorire la condivisione delle migliori pratiche e gli scambi peer to peer tra le comunità energetiche. In particolare, i richiedenti dovranno pianificare formazioni transnazionali e una serie di dialoghi strategici aperti in tutta Europa.

 

Lo strumento delle Comunità energetiche europee dovrebbe inoltre monitorare l’emergere di servizi di supporto allo sviluppo di progetti nei diversi Stati membri (sviluppo di capacità e assistenza tecnica) e, nella misura del possibile, sfruttare potenziali sinergie con questi. Può anche collaborare con altre iniziative pertinenti, come il Patto dei sindaci per il clima e l’energia, lo Strumento per le città dell’UE e lo Strumento per le isole europee, il Mercato delle città intelligenti e il Servizio di supporto per il rinnovamento guidato dai cittadini.

 

I candidati devono dimostrare una conoscenza approfondita della variegata tipologia di comunità energetiche nell’UE e delle loro esigenze e sfide, comprese le condizioni locali, regionali e nazionali. Devono dimostrare di possedere competenze tecniche relative all’attuazione di progetti di energia sostenibile (economiche, finanziarie, legali, tecniche) e la capacità di gestire un programma di sostegno finanziario su larga scala. I consorzi candidati devono dimostrare di essere in grado di mobilitare una massa critica di potenziali proponenti di comunità energetiche e di avere una strategia di sensibilizzazione solida e inclusiva verso diverse aree d’Europa, diversi settori e diverse strutture di governance.  Sarebbe utile anche un collegamento con le reti comunali e le strutture di supporto che lavorano su progetti di energia sostenibile.

 

Per le azioni a sostegno dell’esame e della valutazione dei quadri giuridici per le comunità energetiche, si rimanda all’argomento POLICY-LIFE-CET-2023.

.

 

Impatto previsto:

Le proposte devono presentare i risultati concreti che saranno forniti dalle attività e dimostrare come questi risultati contribuiranno agli impatti specifici del tema. Questa dimostrazione deve includere un’analisi dettagliata del punto di partenza e una serie di ipotesi ben documentate e stabilire chiari legami di causalità tra i risultati e gli impatti previsti.

 

Le proposte presentate nell’ambito di questo tema devono dimostrare come contribuiranno a:

 

▪       Sostenere lo sviluppo di comunità energetiche nei Paesi destinatari.

▪       Creare una rete di esperti e helpdesk nazionali che sia riconosciuta dalle comunità energetiche, che garantisca la qualità dei diversi livelli di supporto forniti e che integri le strutture di supporto nazionali.

▪       Creare capacità in tutta Europa attraverso un efficace scambio di buone pratiche tra le comunità.

▪       Le proposte devono quantificare i risultati e gli impatti utilizzando gli indicatori previsti per il tema, quando sono rilevanti per le attività proposte. Dovranno inoltre proporre indicatori specifici per le attività proposte. Non ci si aspetta che le proposte affrontino tutti gli impatti e gli indicatori elencati. I risultati e gli impatti devono essere quantificati per la fine del progetto e per i 5 anni successivi.

 

Gli indicatori per questo tema includono:

 

▪       Numero di piani aziendali consegnati.

▪       Investimenti in energie rinnovabili ed efficienza energetica derivanti dall’attuazione dei piani aziendali (cumulativi, in milioni di euro).

▪       Numero e diversità delle comunità energetiche supportate per ogni tipo di sostegno proposto.

▪       Numero di comunità energetiche che hanno ricevuto il sostegno e che sono in funzione.

▪       Numero di cittadini impegnati nei progetti delle comunità energetiche.

▪       Generazione di energia rinnovabile attivata dal progetto (GWh/anno).

▪       Le proposte devono inoltre quantificare gli impatti relativi ai seguenti indicatori comuni per il sottoprogramma LIFE Transizione energetica pulita:

 

▪       Investimenti in energia sostenibile (efficienza energetica e fonti rinnovabili su piccola scala) innescati dal progetto (cumulativi, in milioni di euro) – coperti come indicatore specifico, vedi sopra.

▪       Risparmio di energia primaria innescato dal progetto (GWh/anno).

▪       Generazione di energia rinnovabile innescata dal progetto (GWh/anno) – coperto come indicatore specifico, vedi sopra.

▪       Riduzione delle emissioni di gas serra (in tCO2-eq/anno).

Criteri di eleggibilità Per essere ammissibili, i richiedenti (beneficiari ed enti affiliati) devono: – essere persone giuridiche (enti pubblici o privati) – essere stabiliti in uno dei Paesi ammissibili, ossia:

– Stati membri dell’UE (compresi i Paesi e territori d’oltremare (PTOM))

– Paesi non appartenenti all’UE (ad eccezione dei temi con restrizioni; vedi sotto):

– Paesi SEE elencati e Paesi associati al Programma LIFE o Paesi che sono in trattative in corso per un accordo di associazione e in cui l’accordo entra in vigore prima della firma della sovvenzione.

I beneficiari e gli enti affiliati devono registrarsi nel Registro dei Partecipanti – prima di presentare la proposta – e dovranno essere convalidati dal Servizio Centrale di Convalida (REA Validation). Per la convalida, sarà richiesto loro di caricare documenti che dimostrino lo status giuridico e l’origine. Altre entità possono partecipare in altri ruoli del consorzio, come partner associati, subappaltatori, terze parti che forniscono contributi in natura, ecc.

 

Le proposte devono essere presentate da almeno 3 richiedenti (beneficiari, non entità affiliate) di 3 diversi Paesi ammissibili.

 

 

 

Contributo finanziario

 

Il budget disponibile per la call è di 10 milioni di euro

 

 

La Commissione ritiene che le proposte che richiedono un contributo dell’UE fino a 10 milioni di euro consentano di affrontare in modo adeguato gli obiettivi specifici. Tuttavia, ciò non preclude la presentazione e la selezione di proposte che richiedano altri importi. Il sostegno a beneficio diretto di terzi che intendono avviare progetti di comunità energetiche dovrebbe ammontare ad almeno il 70% del budget.

 

La sovvenzione sarà una sovvenzione mista a costi effettivi basata sul budget (costi effettivi, con elementi di costo unitario e forfettario). Ciò significa che rimborserà SOLO alcuni tipi di costi (costi ammissibili) e i costi effettivamente sostenuti per il progetto (NON i costi preventivati). Per quanto riguarda i costi unitari e gli elementi forfettari, è possibile addebitare gli importi calcolati come spiegato nella Convenzione di sovvenzione. I costi saranno rimborsati al tasso di finanziamento stabilito nella Convenzione di sovvenzione (95%).

Le sovvenzioni NON possono produrre un profitto (cioè un’eccedenza delle entrate + sovvenzione UE rispetto ai costi). Le organizzazioni a scopo di lucro devono dichiarare le loro entrate e, se c’è un profitto, lo dedurremo dall’importo finale della sovvenzione.

Scadenza

 

16 November 2023 17:00:00 Brussels time
Ulteriori informazioni call-fiche_life-2023-cet_en.pdf (europa.eu)

Servizio offerto da Tiziana Beghin, deputato al Parlamento europeo, membro non iscritto.
disclaimer:
Le opinioni espresse sono di responsabilità esclusiva dell’autore o degli autori e non riflettono necessariamente la posizione ufficiale del Parlamento europeo.

Hai bisogno di qualche informazione?

https://www.tizianabeghin.it/wp-content/uploads/2022/02/logo-320x145.png
© Copyright 2022 - Tiziana Beghin
Contatti
Parlamento europeo • Rue Wiertz 60, 1047 Bruxelles