L’UE RIBADISCE L’OBBLIGO DI RICONOSCERE I FIGLI DI COPPIE OMOGENITORIALI

22 Marzo 2023

La Commissione europea, a nome del Commissario per la Giustizia Didier Reynders, ha risposto a una nostra interrogazione ponendo fine alle inutili e dannose polemiche di questi giorni sul caso del riconoscimento e dei diritti dei figli di coppie omogenitoriali.

La Commissione, infatti, ricorda che in “linea con la strategia per l’uguaglianza delle persone LGBTIQ 2020-2025” e in funzione del “continuo dialogo con gli Stati membri riguardo all’attuazione delle sentenze della Corte di giustizia dell’Unione europea”, è OBBLIGATORIO per gli Stati membri “riconoscere la filiazione di un minore con genitori dello stesso sesso ai fini dell’esercizio dei diritti conferiti dall’UE”.

Sono parole chiare, inequivocabili, che non possono che andare nella direzione indicata dal Movimento 5 Stelle, nel rispetto dei diritti civili e del riconoscimento dei diritti dei figli delle coppie omogenitoriali.

Lo spettacolo indecoroso a cui stiamo assistendo, ad opera di questo governo, merita di terminare e questa precisazione della Commissione europea ne è la giusta e sacrosanta parola finale.

Hai bisogno di qualche informazione?

https://www.tizianabeghin.it/wp-content/uploads/2022/02/logo-320x145.png
© Copyright 2022 - Tiziana Beghin
Contatti
Parlamento europeo • Rue Wiertz 60, 1047 Bruxelles