Missione Oceani e Acque e Missione A Soil Deal per l’Europa – Dimostrazione congiunta di approcci e soluzioni per affrontare l’inquinamento da nutrienti nel sistema paesaggio-fiume-mare nel bacino marino del Mediterraneo

28 Marzo 2023
Titolo Mission Ocean and Waters and Mission A Soil Deal for Europe – Joint demonstration of approaches and solutions to address nutrient pollution in the landscape-river-sea system in the Mediterranean sea basin

TOPIC ID: HORIZON-MISS-2023-OCEAN-SOIL-01-01

Missione Oceani e Acque e Missione A Soil Deal per l’Europa – Dimostrazione congiunta di approcci e soluzioni per affrontare l’inquinamento da nutrienti nel sistema paesaggio-fiume-mare nel bacino marino del Mediterraneo

Ente finanziatore Commissione europea

Programma Horizon Europe

Settore di riferimento Ambiente
Obiettivi ed impatto attesi Questo tema contribuisce all’attuazione del Green Deal europeo, della Strategia Farm to Fork, della Strategia per la Biodiversità per il 2030, della Strategia per il Suolo per il 2030, della Strategia per la Bioeconomia e del Piano d’Azione dell’Unione Europea: “Verso un inquinamento zero per aria, acqua e suolo”.

Si riferisce alla Missione “Un accordo sul suolo per l’Europa”, obiettivo specifico 4 – ridurre l’inquinamento del suolo e migliorare il ripristino, obiettivi T.4.2 – ridurre l’uso di fertilizzanti di almeno il 20% e T.4.3 – ridurre le perdite di nutrienti di almeno il 50%. Si riferisce all’obiettivo 2 della Missione Oceani e acque – prevenire, ridurre al minimo e rimediare all’inquinamento degli ecosistemi marini e d’acqua dolce, che si concentra sul bacino del Mar Mediterraneo. Contribuisce inoltre agli obiettivi della Direttiva quadro sulla strategia marina (MSFD) e della Direttiva quadro sulle acque (WFD) – anche in termini di buono stato ambientale e di ripristino degli ecosistemi acquatici – e della Direttiva sulla pianificazione dello spazio marino (MSPD).

 

I risultati del progetto dovrebbero contribuire a tutti i seguenti outcome attesi:

 

§  accelerazione dell’adozione di approcci integrati innovativi e riproducibili per prevenire, ridurre al minimo e risanare l’inquinamento del suolo e delle acque dovuto all’eccesso di nutrienti (in particolare azoto e fosforo) nel sistema paesaggio-fiume-bacino-mare e nelle acque di transizione nel bacino del Mar Mediterraneo;

§  accelerazione dell’adozione di approcci integrati innovativi e riproducibili per ridurre l’uso di fertilizzanti e per prevenire, minimizzare e rimediare all’inquinamento da nutrienti e ridurre l’eutrofizzazione degli oceani e delle acque interne;

§  basi per future attività dimostrative e di upscaling su approcci innovativi integrati per prevenire, minimizzare e rimediare all’inquinamento del suolo e delle acque da eccesso di nutrienti e per ridurre l’uso di fertilizzanti nelle “regioni associate”;

§  responsabilizzazione dei cittadini ad agire contro l’inquinamento dei suoli, delle acque e degli oceani.

 

 

Ambito di applicazione:

 

I suoli sono essenziali per tutti i processi vitali del nostro pianeta. Se sono sani e gestiti in modo sostenibile, forniscono molti benefici alle persone, alla natura e al clima. Tuttavia, il 60-70% dei suoli in Europa è in condizioni non salubri.

Una delle ragioni della scarsa salute del suolo in Europa è l’eccesso di nutrienti (soprattutto azoto e fosforo) dovuto a un eccesso di applicazioni di fertilizzanti. La presenza di nutrienti nel suolo in concentrazioni superiori al fabbisogno delle piante non solo ne riduce la capacità di fornire i servizi ecosistemici vitali, ma il deflusso dei nutrienti contamina le acque sotterranee, i corsi d’acqua, i fiumi, le zone umide, i laghi e i mari, aumentando il rischio di eutrofizzazione delle acque e degli oceani. Affrontare il problema dell’inquinamento da nutrienti è fondamentale per raggiungere gli obiettivi della Direttiva quadro sulle acque, in particolare per quanto riguarda le perdite di nutrienti in agricoltura.

 

Di conseguenza, le proposte devono dimostrare innovazioni scalabili (tecnologiche, commerciali, sociali e di governance) nel sistema paesaggio-fiume-bacino marino, compresi gli ecosistemi costieri, nel bacino del Mar Mediterraneo, affrontando tutti i seguenti aspetti:

 

Prevenzione e riduzione a monte delle perdite di nutrienti (soprattutto azoto e fosforo) dal suolo e dell’inquinamento del suolo e delle acque dovuto all’eccesso di nutrienti, ad esempio attraverso la riduzione dell’uso di fertilizzanti tradizionali/minerali e/o la loro sostituzione sostenibile con fertilizzanti a base biologica, una migliore ritenzione dei nutrienti nel suolo e un rilascio più lento alle colture, una maggiore efficienza nell’uso dei nutrienti, la gestione integrata del paesaggio e del suolo, la riduzione delle perdite di nutrienti dalle comunità rurali e urbane;

Prevenzione dell’ingresso di nutrienti nei bacini idrografici e loro riduzione, ad esempio attraverso un migliore trattamento delle acque reflue, l’uso di filtri verdi e altre misure per ridurre il flusso di nutrienti attraverso il sistema fluviale e la prevenzione e riduzione del loro ingresso nell’estuario/mare;

Misure per ridurre/eliminare l’eccesso di nutrienti nell’estuario/mare per ridurre o eliminare il rischio di eutrofizzazione.

Le soluzioni proposte per la prevenzione, l’eliminazione e il risanamento dell’inquinamento non devono aumentare il livello di emissioni antropiche nell’aria o il rumore subacqueo, né comportare altri potenziali impatti ambientali. Le soluzioni proposte devono essere in linea con il regolamento UE sulla tassonomia e gli atti delegati.

 

Il consorzio deve svolgere attività di dimostrazione in 3 diversi Stati membri o Paesi associati del bacino del Mediterraneo, coinvolgendo e includendo nel consorzio partner di questi rispettivi Paesi. Le dimostrazioni devono essere effettuate a livello di unità territoriali, come un’area rurale, una comunità urbana, una regione, un bacino fluviale o un estuario, per dimostrare l’efficacia delle soluzioni dimostrate.

 

La dimostrazione delle soluzioni deve essere pienamente adattata alle condizioni locali di riduzione dell’uso di fertilizzanti e delle perdite di nutrienti dal suolo e deve avvenire in un contesto dimostrativo reale (ad esempio aziende agricole e/o foreste) con confini di sistema ben definiti. Le dimostrazioni dovrebbero coinvolgere anche gli utilizzatori effettivi delle soluzioni (ad esempio, proprietari di terreni, gestori del suolo, gestori delle acque, autorità di gestione fluviale, ecc.) Le proposte devono garantire una distribuzione regionale equilibrata dei siti dimostrativi, tenendo conto delle condizioni pedo-climatiche, topografiche, dei tipi di suolo, dei sistemi agricoli/forestali, dei regimi idrici del suolo, e includere tutti gli elementi rilevanti del sistema idrico (acque sotterranee, acque superficiali, corsi d’acqua e, se del caso, acque costiere ed estuariali).

 

In linea con l’approccio orientato all’impatto delle Missioni, le proposte devono lavorare e coinvolgere almeno cinque “regioni associate” per mostrare in altre aree geografiche la fattibilità, la replicabilità e il potenziale per l’upscaling delle soluzioni sviluppate nell’ambito dei progetti. I progetti finanziati devono garantire che le regioni associate siano situate in Stati membri/paesi associati diversi da quelli che fanno parte del consorzio del progetto. Le regioni situate in bacini marini europei diversi dal bacino del Mar Mediterraneo possono essere selezionate come regioni associate, in vista dell’estensione e della diffusione delle soluzioni dimostrate in altre aree.

 

I consorzi devono raggiungere in modo proattivo le regioni associate per consentire loro di seguire da vicino il progetto e le sue attività di dimostrazione. I progetti devono condividere costantemente i risultati e le conoscenze con le regioni associate e possono fornire loro assistenza tecnica per costruire capacità e implementare soluzioni per ridurre l’uso di fertilizzanti e per prevenire, minimizzare e rimediare all’inquinamento del suolo e delle acque dovuto all’eccesso di nutrienti nel loro territorio. L’assistenza tecnica alle regioni associate può comprendere la consulenza per la preparazione di tabelle di marcia, piani e progetti per la riduzione dell’uso di fertilizzanti e per la prevenzione, la minimizzazione e il risanamento dell’inquinamento da eccesso di nutrienti, per affrontare eventuali ostacoli e dimostrare la fattibilità dell’attuazione di approcci innovativi integrati.

 

Le proposte devono:

 

§  Garantire il coinvolgimento di diverse parti interessate con competenze complementari nelle diverse fasi del progetto e tenere conto delle esigenze delle parti interessate e degli utenti;

§  basarsi sulle conoscenze e sulle soluzioni esistenti e sostenere la diffusione di soluzioni di successo, anche al di fuori dell’UE, progettate e sviluppate nell’ambito di progetti finanziati da programmi europei e nazionali attuali e precedenti, in particolare dai programmi quadro dell’Unione europea per la ricerca e l’innovazione (come Horizon 2020);

§  Includere attività di formazione e comunicazione dedicate che si svolgano nei siti dimostrativi, per la diffusione e l’adozione accelerata da parte di altri potenziali utenti degli approcci dimostrati nel progetto, nonché per l’impegno dei cittadini e il miglioramento della conoscenza del suolo, dell’acqua e degli oceani (compresi i servizi di consulenza);

§  Includere un meccanismo e risorse per stabilire collegamenti con la Piattaforma di supporto all’attuazione della Missione Oceani e Acque e con la Piattaforma di attuazione della Missione Un accordo sul suolo per l’Europa; se opportuno, anche collegamenti con le iniziative pertinenti di altre Missioni.

§  Includere compiti dedicati e risorse adeguate per le misure di coordinamento, la creazione di reti e le attività congiunte con altri progetti pertinenti finanziati nell’ambito di Horizon 2020 e Horizon Europe, e in particolare con l’altro progetto finanziato nell’ambito di questo tema. Queste misure di coordinamento, networking e attività congiunte potrebbero, ad esempio, comportare l’organizzazione e la partecipazione a workshop congiunti, lo scambio di conoscenze, lo sviluppo coordinato e l’adozione di buone pratiche o attività di comunicazione congiunte.

§  Collaborare con l’Osservatorio europeo del suolo del CCR, in particolare per quanto riguarda l’interoperabilità, la sostenibilità e la longevità dei dati e delle conoscenze.

§  sostenere il sistema di conoscenze sugli oceani e sull’acqua, in particolare contribuendo alla creazione di conoscenze e alla raccolta di dati.

§  Potenzialmente, i progetti finanziati nell’ambito di questo tema potrebbero collaborare con i futuri Living Labs e Lighthouses creati nell’ambito di bandi dedicati alla Missione A Soil Deal for Europe e operanti nel settore della riduzione dell’uso di fertilizzanti e dell’inquinamento del suolo da eccesso di nutrienti. Inoltre, i siti per la dimostrazione di soluzioni per la riduzione dell’uso di fertilizzanti e per la riduzione delle perdite di nutrienti dal suolo, creati nell’ambito dei progetti finanziati nell’ambito di questo tema, potrebbero essi stessi essere considerati come Fari ai sensi della Missione A Soil Deal per l’Europa, se soddisfano i criteri stabiliti nel Piano di implementazione di tale Missione.

 

Criteri di eleggibilità Condizioni di ammissibilità Le condizioni sono descritte nell’Allegato generale B.

Per essere ammissibili, i richiedenti (beneficiari ed enti affiliati) devono:

 

-essere soggetti giuridici (enti pubblici o privati) avere sede in uno dei Paesi ammissibili, ovvero Stati membri dell’UE (compresi i Paesi e territori d’oltremare (PTOM)) Paesi non UE:

 

– Paesi SEE elencati e Paesi associati o Paesi che hanno in corso negoziati per un accordo di associazione e in cui l’accordo entra in vigore prima della firma della sovvenzione (elenco dei Paesi partecipanti)

 

– Paesi in via di adesione

 

I beneficiari e gli enti affiliati devono iscriversi al Registro dei partecipanti – prima di presentare la proposta – e dovranno essere convalidati dal Servizio centrale di convalida (REA Validation). Per la convalida, sarà loro richiesto di caricare documenti che dimostrino lo status giuridico e l’origine.

 

 

Si applicano le seguenti eccezioni:

§  Il Centro comune di ricerca (CCR) può partecipare come membro del consorzio selezionato per il finanziamento.

§  Si applicano i seguenti criteri di ammissibilità aggiuntivi: Oltre alle condizioni di ammissibilità standard, il consorzio deve svolgere attività di dimostrazione in 3 diversi Stati membri o Paesi associati del bacino del Mediterraneo, coinvolgendo e includendo nel consorzio partner di questi rispettivi Paesi.

§  Se i progetti utilizzano dati e servizi di osservazione della terra, posizionamento, navigazione e/o tempistica correlati basati su satelliti, i beneficiari devono utilizzare Copernicus e/o Galileo/EGNOS (possono essere utilizzati anche altri dati e servizi).

§  Si prevede che le attività di livello di preparazione tecnologica raggiungano il TRL 6-7 entro la fine del progetto – si veda l’Allegato generale B.

§  I beneficiari saranno soggetti ai seguenti obblighi aggiuntivi in materia di pratiche di scienza aperta: Se i progetti raccolgono dati in situ e osservazioni marine, i beneficiari devono renderli apertamente disponibili attraverso la rete europea di osservazione e dati marini (EMODnet), sulla base dei principi FAIR (reperibili, accessibili, interoperabili, riutilizzabili).

Contributo finanziario

 

Contributo UE previsto per progetto La Commissione stima che un contributo UE di circa 8,00 milioni di euro consentirebbe di affrontare adeguatamente questi risultati. Tuttavia, ciò non preclude la presentazione e la selezione di una proposta che richieda importi diversi.

Il budget totale indicativo per il tema è di 16,00 milioni di euro.

Tipo di azione Azioni di innovazione

 

Come meccanismo per fornire trasferimento di conoscenze e assistenza tecnica alle regioni associate, i progetti selezionati possono fornire sostegno a terzi sotto forma di sovvenzioni. L’importo massimo previsto per il sostegno finanziario a terzi è di 100.000 euro per ciascun terzo per l’intera durata dell’azione. Le proposte devono delineare il processo di selezione delle terze parti a cui verrà concesso il sostegno finanziario sulla base di principi di trasparenza, obiettività ed equità. Una regione associata potrà beneficiare del sostegno finanziario a terzi previsto da questo tema solo una volta.

Scadenza

 

20 Settembre 2023 17:00:00 Brussels time
Ulteriori informazioni wp-12-missions_horizon-2023-2024_en.pdf (europa.eu)

Servizio offerto da Tiziana Beghin, deputato al Parlamento europeo, membro non iscritto.
disclaimer:
Le opinioni espresse sono di responsabilità esclusiva dell’autore o degli autori e non riflettono necessariamente la posizione ufficiale del Parlamento europeo.

Hai bisogno di qualche informazione?

https://www.tizianabeghin.it/wp-content/uploads/2022/02/logo-320x145.png
© Copyright 2022 - Tiziana Beghin
Contatti
Parlamento europeo • Rue Wiertz 60, 1047 Bruxelles