Misura a sostegno delle micro, piccole e medie imprese (PMI) lombarde nell’ottenimento di nuovi brevetti europei e internazionali

31 Dicembre 2023
Titolo Bando Brevetti 2023

Misura a sostegno delle micro, piccole e medie imprese (PMI) lombarde ivi compresi i liberi professionisti nell’ottenimento di nuovi brevetti europei e internazionali o estensioni degli stessi a livello europeo o internazionale relativamente a invenzioni industriali

Ente finanziatore Lombardia
Obiettivi ed impatto attesi La misura “Brevetti 2023” attivata da Regione Lombardia nell’ambito dell’Azione 1.1.4. “Sviluppo e tutela della capacità innovativa del sistema delle imprese”, Obiettivo specifico 1.1 “Sviluppare e rafforzare le capacità di ricerca e di innovazione e l’introduzione di tecnologie avanzate” dell’Asse 1 “Un’Europa più competitiva e intelligente” del Programma Regionale FESR 2021-2027 ha lo scopo di sostenere le micro, piccole e medie imprese (PMI) o liberi professionisti lombardi nell’ottenimento di nuovi brevetti europei e internazionali o estensioni degli stessi a livello europeo o internazionale relativamente a invenzioni industriali, al fine di promuovere la capacità innovativa del sistema economico lombardo tutelandone il patrimonio di proprietà intellettuale.

 

In particolare, gli interventi brevettuali dovranno avere ricadute in Lombardia ed essere esclusivamente relativi a invenzioni industriali che portino un valore aggiunto in almeno una delle 92 priorità che declinano le 27 macrotematiche della Strategia di Specializzazione intelligente per la Ricerca e l’Innovazione di Regione Lombardia – S3 2021-2027 di cui alla D.G.R. n. XI/4155 del 30 dicembre 2020, aggiornata con successiva D.G.R. n. 5688 del 15 dicembre 2021 “Approvazione dei Programmi di Lavoro Ricerca e Innovazione 2022-2023 e del primo Aggiornamento della Strategia di Specializzazione Intelligente S3 2021-2027 di Regione Lombardia”.

 

Gli interventi brevettuali dovranno essere:

a) nel caso di nuovi brevetti, depositati tramite presentazione di domanda diretta europea all’European Patent Office – EPO (ammissibile anche se finalizzato alla nuova procedura di convalida di brevetto europeo con effetto unitario entrato in vigore il 1° giugno 2023) o domanda diretta internazionale al World Intellectual Property Organization – WIPO;

b) nel caso di estensioni delle domande, presentate precedentemente all’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi (UiBM) e successivamente estese presso EPO o WIPO secondo la tempistica definita nell’art. B.2.a.

Criteri di eleggibilità Possono presentare domanda di partecipazione al presente bando i seguenti soggetti:

a) le imprese che, al momento della presentazione della domanda e sino alla data di concessione dell’agevolazione siano PMI, come definite all’Allegato I del Regolamento (UE) n. 651/2014 e s.m.i.; la variazione della dimensione d’impresa a seguito della concessione dell’agevolazione ai sensi del successivo articolo C.3.e non costituisce variazione dei requisiti di ammissibilità. Le PMI devono essere regolarmente costituite, iscritte e dichiarate attive nel Registro delle Imprese al momento della presentazione della domanda; le imprese non residenti nel territorio italiano devono essere costituite secondo le norme del diritto civile e commerciale vigenti nello Stato di residenza e iscritte nel relativo Registro delle Imprese ove previsto.

b) i liberi professionisti che rientrano nella definizione di PMI dell’Allegato I del Regolamento (UE) n. 651/2014 e s.m.i. in forma singola o associata: i. la cui professione è organizzata in albi, ordini o collegi professionali, dotati di partita IVA; ii. non regolamentati di cui alla Legge n. 4/2013, anche in forma associata, dotati di partita IVA. I liberi professionisti iscritti al Registro delle Imprese devono presentare domanda esclusivamente in qualità di PMI ai sensi della precedente lett. a).

 

I soggetti richiedenti, al momento della presentazione della domanda di partecipazione al bando, devono avere sede legale o operativa (per le PMI) o un domicilio professionale (nel caso di liberi professionisti) in Lombardia oppure si devono impegnare a costituire una sede legale o operativa o un domicilio professionale in Lombardia entro i termini per la presentazione della rendicontazione finale di cui ai successivi artt. C.4.b e C.4.c

 

Ai sensi dell’art. 65 del Regolamento (UE) n. 2021/1060, presso questa sede si devono svolgere le attività inerenti all’intervento brevettuale (deposito di nuovo brevetto o sua estensione) di cui al successivo art. B.2.a. L’erogazione del contributo è subordinata alla verifica del requisito della sede legale o sede operativa (nel caso di PMI) o del domicilio professionale (nel caso di liberi professionisti) sul territorio di Regione Lombardia, presso le quali sono svolte le attività di progetto.

Ogni soggetto richiedente, identificato da un univoco codice fiscale, può presentare una o più domande di partecipazione, riferita/e ad una o più delle tipologie di progetti finanziabili previste al successivo art. B.2.a (nuovo brevetto europeo, estensione brevetto europeo, nuovo brevetto internazionale ed estensione brevetto internazionale) nel rispetto del massimale “de minimis” di cui all’art. B.1.c del presente bando e delle condizioni stabilite al predetto articolo B.2.a.

 

Un soggetto richiedente che si qualifichi come PMI iscritta al Registro Imprese non può presentare progetti riconducibili alla qualifica di libero professionista e viceversa. In caso di presentazione da parte dello stesso soggetto richiedente di una domanda come PMI regolarmente iscritta al Registro Imprese e di una domanda come libero professionista qualificatosi come non iscritto al Registro Imprese, quest’ultima domanda è dichiarata irricevibile in fase di verifica di ammissibilità delle domande.

Contributo finanziario

 

La dotazione finanziaria del bando è pari a € 2.500.000,00 (duemilionicinquecentomila/00) in base a quanto previsto dalla D.G.R. n. 986/ 2023. La dotazione potrà essere aumentata, qualora si rendessero disponibili ulteriori risorse con successivi provvedimenti

 

L’agevolazione si configura come contributo a fondo perduto, nella forma di una somma forfettaria, pari ai seguenti importi:

 

Scadenza

 

26/07/2024 , ore 12:00
Ulteriori informazioni Bandi | Bandi e Servizi (regione.lombardia.it)

Servizio offerto da Tiziana Beghin, deputato al Parlamento europeo, membro non iscritto.

Disclaimer: Le opinioni espresse sono di responsabilità esclusiva dell’autore o degli autori e non riflettono necessariamente la posizione ufficiale del Parlamento europeo

 

 

 

 

Hai bisogno di qualche informazione?

https://www.tizianabeghin.it/wp-content/uploads/2022/02/logo-320x145.png
© Copyright 2022 - Tiziana Beghin
Contatti
Parlamento europeo • Rue Wiertz 60, 1047 Bruxelles