NOI VOGLIAMO UN’EUROPA DEMOCRATICA E ANTIFASCISTA

17 Gennaio 2024

Il dibattito che si è tenuto al Parlamento europeo mostra chiaramente le due diverse concezioni di Europa che si scontreranno alle prossime elezioni europee.

Da una parte c’è chi condanna con forza, come stiamo facendo noi del Movimento 5 Stelle e la stragrande maggioranza degli europarlamentari, i saluti fascisti in Italia e le pericolose idee sulla deportazione di cittadini che si diffondono in Germania.

Dall’altra c’è la destra che minimizza, oppure sta in silenzio.

Sono passati diversi giorni dalla commemorazione di Acca Larentia e ancora non sappiamo cosa pensi di quei saluti fascisti la Presidente del Consiglio italiano. Lei, che in passato twittava su tutto, oggi non trova il tempo per prendere le distanze da quei fanatici.

Giorgia Meloni nel 2008, da Ministro del governo Berlusconi, partecipò a quella stessa commemorazione. E anche se non faceva il saluto romano, sfilava davanti a croci celtiche accompagnata da personaggi del mondo neofascista.

Lo ricordiamo soprattutto alle nuove generazioni: il fascismo porta guerra, odio, discriminazione, esclusione sociale.

È questo il futuro che vogliamo per la nostra Unione europea? Io spero proprio di no, perché per essere europeisti bisogna essere anche antifascisti.

Hai bisogno di qualche informazione?

https://www.tizianabeghin.it/wp-content/uploads/2022/02/logo-320x145.png
© Copyright 2022 - Tiziana Beghin
Contatti
Parlamento europeo • Rue Wiertz 60, 1047 Bruxelles