OCM Vino – Ristrutturazione e riconversione dei vigneti Campagna 2023/2024

15 Marzo 2023
Titolo OCM Vino – Ristrutturazione e riconversione dei vigneti

Campagna 2023/2024

Ente finanziatore Regione Liguria
Obiettivi ed impatto attesi La misura della “Ristrutturazione e riconversione dei vigneti” ha l’obiettivo di aumentare la competitività dei produttori di vino, attraverso il finanziamento di interventi per il rinnovamento degli impianti viticoli, nel rispetto delle norme che regolano il potenziale produttivo regionale. Il regime di sostegno comunitario alla “Ristrutturazione e riconversione dei vigneti” si applica ai vigneti che producono uva da vino sull’intero territorio regionale limitatamente alle zone delimitate ai disciplinari di produzione delle DOP e delle IGP della Liguria. Le opere di ristrutturazione e riconversione devono prevedere l’utilizzo delle varietà di vite, idonee alla coltivazione di uve da vino nella Regione Liguria, incluse tra quelle classificate a livello regionale elencate nella D.G.R. n. 685/2003 e successive modifiche ed integrazioni (Vitigni idonei alla coltivazione nella Regione Liguria) e previsti nei disciplinari di produzione delle DO e IG della Liguria.

Sono ammessi a finanziamento anche le ristrutturazioni o riconversioni varietali che prevedono il passaggio da DOP/DOC ad IGP/IGT. Gli interventi di ristrutturazione e/o riconversione dovranno pertanto perseguire una o più delle seguenti finalità:

• adeguare la produzione in termini di qualità e quantità alla domanda di mercato;

• ridurre i costi di produzione attraverso una progressiva sostituzione dei vigneti obsoleti con altri vigneti che consentano di ottenere materia prima di buona qualità a prezzi remunerativi e competitivi per il viticoltore;

• migliorare la qualità delle produzioni aumentando la percentuale regionale della produzione di vini a D.O.P./D.O.C. e I.G.P./I.G.T.;

• favorire la diffusione di vigneti atti alla produzione di “vini con indicazione geografica” e “denominazione di origine”;

• valorizzare la tipicità dei prodotti legati al territorio ed ai vitigni tradizionali di maggior pregio enologico o commerciale;

• diffondere le innovazioni nell’impianto e nella gestione dei vigneti;

Criteri di eleggibilità Sono beneficiari del premio per la ristrutturazione e la riconversione dei vigneti, previsto nella normativa comunitaria citata, le persone fisiche o giuridiche che conducono vigneti con varietà di uve da vino, in regola con le norme comunitarie, nazionali e regionali vigenti in materia di potenziale viticolo. Beneficiano, altresì, del premio coloro che detengono autorizzazioni al reimpianto dei vigneti valide, ad esclusione delle autorizzazioni per nuovi impianti di cui all’articolo 64 del regolamento.

I dati degli impianti da ristrutturare e le eventuali autorizzazioni da utilizzare devono risultare correttamente definiti e coerenti con i dati presenti nel Fascicolo aziendale dell’interessato e nello Schedario Viticolo. Rientrano tra i beneficiari sopra indicati i seguenti soggetti:

a) gli imprenditori agricoli singoli e associati;

b) le organizzazioni di produttori vitivinicoli riconosciuti ai sensi dell’articolo 157 del regolamento n.1308/2013;

c) le cooperative agricole;

d) le società di persone e di capitali esercitanti attività agricola;

e) Le persone fisiche e giuridiche che abbiano ricevuto un provvedimento di estirpo obbligatorio da parte dell’Autorità competente per motivi fitosanitari. f) I titolari di superficie vitata inserite negli elenchi dei vigneti eroici e storici.

Contributo finanziario

 

L’importo del sostegno ammissibile che si intende concedere non sarà superiore a:

o 3.000,00 euro di importo massimo, per ettaro e per il primo anno, per la compensazione delle perdite di reddito fino al 100% del valore del prodotto conseguenti all’attuazione della misura;

o 16.000,00 euro di importo massimo per ettaro per i costi di ristrutturazione e riconversione dei vigneti, nel limite del 50% dei costi effettivamente sostenuti e nel rispetto del prezzario regionale; tuttavia per le zone viticole che rispondono ad almeno uno dei seguenti requisiti, l’importo per ettaro viene elevato fino a un massimo di 22.000,00 euro:

●      sistemazione degli impianti viticoli su terrazze e gradoni;

●      altitudine superiore ai 500 metri sul mare con esclusione degli altopiani;

●      pendenza del terreno superiore al 30%;

Scadenza

 

31 Marzo 2023
Ulteriori informazioni Ristrutturazione e riconversione dei vigneti – Agriligurianet

Servizio offerto da Tiziana Beghin, deputato al Parlamento europeo, membro non iscritto.
disclaimer:
Le opinioni espresse sono di responsabilità esclusiva dell’autore o degli autori e non riflettono necessariamente la posizione ufficiale del Parlamento europeo.

Hai bisogno di qualche informazione?

https://www.tizianabeghin.it/wp-content/uploads/2022/02/logo-320x145.png
© Copyright 2022 - Tiziana Beghin
Contatti
Parlamento europeo • Rue Wiertz 60, 1047 Bruxelles