Pilotaggio di piattaforme Smart IoT emergenti e intelligenza decentralizzata (IA) HORIZON-CL4-2024-DATA-01-03

6 Dicembre 2023
Titolo Pilotaggio di piattaforme Smart IoT emergenti e intelligenza decentralizzata (IA)

HORIZON-CL4-2024-DATA-01-03

 

Piloting emerging Smart IoT Platforms and decentralized intelligence (IA)

HORIZON-CL4-2024-DATA-01-03

 

Ente finanziatore Commissione europea

Programma Horizon Europe

Settore di riferimento Digitalizzazione
Obiettivi ed impatto attesi I progetti devono contribuire ai seguenti risultati:

·       Implementazioni di paradigmi edge in ambienti reali che portano a tecnologie IoT e di edge computing di nuova generazione maturate e personalizzate da adottare in applicazioni e settori chiave.

·       Aprire la strada a una cooperazione industriale strategica nell’elaborazione dei dati, necessaria per supportare le future applicazioni iperdistribuite, attraverso la creazione di piattaforme aperte, accordi su architetture e standard comuni, fondamentali per la creazione di una catena di fornitura europea matura.

·       Piattaforme aperte alla base di un ecosistema edge emergente che comprende midcaps, PMI e start-up che promuovono soluzioni edge, che rappresentano uno spettro funzionale modulare di applicazioni e servizi eseguibili, fondamentali per stabilire una catena di fornitura europea matura in condizioni di mercato impegnative ed estremamente competitive.

·       Dimostrare la standardizzazione interdominio e l’up-scaling delle soluzioni per l’infrastruttura edge

Ambito di applicazione:

Le proposte devono essere finalizzate all’adozione e all’aumento di scala dei sistemi emergenti dell’Internet degli oggetti industriale intelligente e dell’edge computing guidati dall’UE in condizioni reali, nonché alla maturazione di tecnologie particolari come i sistemi meta-operativi per l’IoT e l’Edge, le tecnologie cognitive cloud e gli strumenti per l’intelligenza decentralizzata e lo swarm computing da adottare in applicazioni e settori chiave cruciali per la competitività e l’autonomia strategica aperta dell’Europa.

Tali sistemi devono essere mirati a creare valore nell’orchestrazione dell’elaborazione dei dati a più livelli con controllo e automazione ai margini, riducendo al minimo l’impronta energetica, stimolando i mercati multi-sided e promuovendo standard aperti per la virtualizzazione, l’interoperabilità e la condivisione sicura e affidabile dei dati tra i diversi attori della catena del valore, sia orizzontalmente che verticalmente, fornendo così un ambiente di capacità multipiattaforma e prevenendo gli effetti di lock-in per gli utenti. I progetti pilota devono implementare e dimostrare soluzioni mature, con l’integrazione di tecnologie quali sensori, attuatori, controllo distribuito, connettività, edge computing e ragionamento incorporato, per dimostrare la sicurezza, la resilienza e l’autonomia del sistema con una bassa latenza di elaborazione dei dati per l’analitica e l’inferenza dell’intelligenza artificiale e l’intelligenza decentralizzata ai margini. Per evitare soluzioni concorrenti e standard e strumenti frammentati, i progetti pilota dovrebbero convalidare le interfacce intersettoriali e gli standard comuni e promuovere accordi industriali intersettoriali su architetture, strumenti di progettazione e governance. Con l’adozione trasversale di questi progetti pilota si dimostreranno circoli di sviluppo più brevi e si accelererà l’adozione dell’infrastruttura edge attraverso l’uso condiviso tra i vari settori, in particolare attraverso la creazione di strumenti di gestione comuni e di architetture edge standardizzate.

L’obiettivo è lo sviluppo di sistemi che diventino piattaforme aperte alla base di un ecosistema edge emergente che includa midcap, PMI e start-up che promuovano soluzioni edge, che rappresentino uno spettro funzionale modulare di applicazioni e servizi eseguibili, fondamentali per stabilire una catena di approvvigionamento europea matura in condizioni di mercato difficili ed estremamente competitive.

Le azioni di innovazione sono utilizzate per personalizzare, esplorare i limiti, testare, ottimizzare e convalidare i sistemi europei emergenti di smart IoT e edge computing sotto i vincoli delle applicazioni industriali di massa, adottando un approccio a livello di sistema, dall’hardware dei dispositivi intelligenti ai sistemi operativi a livello di dispositivo e di sistema, al middleware e al software applicativo. I progetti pilota dovrebbero riguardare piattaforme intersettoriali in più di un dominio applicativo, strategico per la competitività europea, come le energie rinnovabili, gli edifici e la mobilità elettrica, l’agricoltura e/o l’automazione industriale, compresi aspetti strategici come il monitoraggio delle condizioni/la manutenzione predittiva e la logistica, o altri domini applicativi pertinenti.

I progetti pilota contribuiranno al lavoro di coerenza/cluster che sarà implementato dal CSA chiamato sotto WP2024-DATA-01-05, supportando le attività definite sotto “”Attività orizzontali””. Ciò richiede che essi contribuiscano a raggruppare i loro risultati di natura orizzontale (approccio all’interoperabilità, standard, sicurezza e approcci di governance, convalida dei modelli di business emergenti per un’infrastruttura IoT/edge emergente e sostenibilità, metodologie, metriche, ecc.) Dovrebbero essere esplorati i collegamenti con gli investimenti del RRF verso la prossima ondata di modernizzazione delle infrastrutture europee.

Le attività di ricerca multidisciplinari devono riguardare tutti i seguenti aspetti:

·       Le proposte presentate nell’ambito di questo tema devono includere un caso aziendale e una strategia di sfruttamento.

·       La ricerca dovrebbe basarsi sugli standard esistenti o contribuire alla standardizzazione. Si dovrebbe affrontare il tema dell’interoperabilità per la condivisione dei dati.

·       I progetti devono basarsi su progetti esistenti o cercare di collaborare con essi e sviluppare sinergie con altre iniziative, programmi di finanziamento e piattaforme europee, nazionali o regionali, come KDT JU, GAIA-X, ecc.

In questo argomento l’integrazione della dimensione di genere (analisi del sesso e del genere) nei contenuti della ricerca e dell’innovazione non è un requisito obbligatorio.

 

Criteri di eleggibilità Qualsiasi soggetto giuridico, indipendentemente dal suo luogo di stabilimento, compresi i soggetti giuridici di Paesi terzi non associati o di organizzazioni internazionali (comprese le organizzazioni internazionali di ricerca europee4 ) è ammesso a partecipare (indipendentemente dal fatto che sia ammissibile o meno al finanziamento), a condizione che siano state soddisfatte le condizioni stabilite dal regolamento Horizon Europe e qualsiasi altra condizione stabilita nel tema specifico del bando. Per “soggetto giuridico” si intende qualsiasi persona fisica o giuridica costituita e riconosciuta come tale ai sensi del diritto nazionale, del diritto dell’UE o del diritto internazionale, dotata di personalità giuridica e che può, agendo in nome proprio, esercitare diritti ed essere soggetta a obblighi, oppure un soggetto privo di personalità giuridica. I beneficiari e gli enti affiliati devono registrarsi nel Registro dei Partecipanti prima di presentare la domanda, per ottenere un codice di identificazione dei partecipanti (PIC) ed essere convalidati dal Servizio Centrale di Convalida prima di firmare la convenzione di sovvenzione. Per la convalida, durante la fase di preparazione della sovvenzione, verrà chiesto loro di caricare i documenti necessari che dimostrino il loro status giuridico e la loro origine. Un PIC convalidato non è un prerequisito per presentare una domanda.
Contributo finanziario

 

Contributo UE previsto per progetto

La Commissione ritiene che un contributo dell’UE compreso tra 20 e 25 milioni di euro consentirebbe di affrontare adeguatamente questi risultati. Tuttavia, ciò non preclude la presentazione e la selezione di una proposta che richieda importi diversi.

Bilancio indicativo

Il budget totale indicativo per il tema è di 45,00 milioni di euro.

Tipo di azione Azioni di innovazione

Scadenza

 

19 marzo 2024 17:00:00 ora di Bruxelles
Ulteriori informazioni wp-7-digital-industry-and-space_horizon-2023-2024_en.pdf (europa.eu)

Servizio offerto da Tiziana Beghin, deputato al Parlamento europeo, membro non iscritto.
disclaimer:
Le opinioni espresse sono di responsabilità esclusiva dell’autore o degli autori e non riflettono necessariamente la posizione ufficiale del Parlamento europeo.

Hai bisogno di qualche informazione?

https://www.tizianabeghin.it/wp-content/uploads/2022/02/logo-320x145.png
© Copyright 2022 - Tiziana Beghin
Contatti
Parlamento europeo • Rue Wiertz 60, 1047 Bruxelles