Politiche di protesta e culture di opposizione in democrazia

15 Ottobre 2023
Titolo Politiche di protesta e culture di opposizione in democrazia

HORIZON-CL2-2024-DEMOCRACY-01-01

 

Protest politics and cultures of opposition in democracy

HORIZON-CL2-2024-DEMOCRACY-01-01

 

Ente finanziatore Commissione europea

Programma Horizon Europe

Settore di riferimento Affari sociali
Obiettivi ed impatto attesi I progetti devono contribuire a tutti i seguenti risultati attesi:

·         Comprensione pratica del ruolo e dell’evoluzione di tutte le forme di opposizione (protesta, opposizione culturale, non conformità, sovversione, attivismo), delle loro diverse piattaforme (fisiche e online) e del loro impatto sulla democrazia, anche nel resistere all’ascesa di tendenze autoritarie e nell’abbattere regimi autoritari.

·         Raccomandazioni politiche basate su un’analisi approfondita del potenziale passaggio dalle strutture di partito tradizionali alla mobilitazione sociale e all’attivismo come mezzi per la partecipazione democratica, compresi i fattori che potrebbero svolgere un ruolo nella promozione di tali forme di politica.

·         Forme innovative di impegno costruttivo non conflittuale, che possono incanalare la mobilitazione sociale e comunitaria e la protesta derivante dalla mancanza/limitazione di canali per l’impegno civico democratico e l’azione politica collettiva.

·         Ricostruire la fiducia dei cittadini nell’impatto e nella validità dei processi elettorali a vari livelli.

Ambito di applicazione:

I cittadini si allontanano sempre più dalla politica tradizionale dei partiti e dal voto come mezzo per esprimere opinioni, valori e convinzioni politiche. D’altro canto, negli ultimi anni sono fiorite diverse forme di protesta politica, movimenti sociali e artistici e attivismo, sia offline che online. Infatti, l’indagine Eurobarometro sui giovani 2021 ha mostrato che la maggioranza dei giovani in Irlanda, Spagna e Belgio, tra gli altri, considera la partecipazione a forme di politica di strada uguale o più efficace del voto.

Le proposte di ricerca nell’ambito di questo tema dovrebbero analizzare ulteriormente il passaggio alla politica dell’azione collettiva e il suo impatto sulle democrazie europee, compreso il suo ruolo nel resistere all’ascesa di tendenze autoritarie e nell’abbattere regimi autoritari. Ciò potrebbe riferirsi a forme di azione politica collettiva sia online che offline, comprese le forme artistiche di protesta (arte audiovisiva, letteratura, musica, ecc.). Le proposte devono prendere in considerazione i fattori che favoriscono queste forme di politica (emotivi, di genere, socioeconomici, culturali, storici, generazionali, geopolitici, geografici, ecc. Ciò dovrebbe essere contestualizzato in uno studio storico del ruolo dei movimenti di protesta e del loro impatto sulla democrazia. Le proposte possono analizzare i movimenti locali, regionali, nazionali e transnazionali, la mobilitazione e la democrazia all’interno dell’Unione europea.

Le proposte dovrebbero considerare il rapporto tra (i) l’azione collettiva come modo per incanalare le rimostranze democratiche e (ii) i canali limitati per la partecipazione dei cittadini, analizzando quindi le implicazioni di un ulteriore sostegno dei cittadini alla democrazia combinato con l’insoddisfazione per gli attuali canali democratici (con particolare attenzione all’accessibilità e all’inclusione dei canali democratici come il voto per le persone vulnerabili, i cittadini mobili, i migranti, ecc.) Ciò potrebbe anche significare esplorare forme alternative auto-organizzate di partecipazione dei cittadini (come le assemblee) e altre forme innovative di impegno costruttivo non conflittuale.

Si dovrebbe anche affrontare la crescente sfiducia nei confronti dell'”utilità” del voto e dei processi elettorali. L’astensione dal voto come mezzo di protesta contro la percezione di una mancanza di opzioni e il modo in cui rimediare al disimpegno nei processi elettorali possono essere oggetto di particolare attenzione. Le proposte devono proporre percorsi concreti per ricostruire la fiducia dei cittadini nell’impatto e nella validità dei processi elettorali a vari livelli, da quello locale a quello europeo.

Un’attenzione particolare potrebbe essere rivolta alle generazioni più giovani, che hanno ampiamente partecipato alla formazione della sfera pubblica con il loro attivismo in movimenti come il Pride, i Venerdì del Futuro e le mobilitazioni femministe. Si potrebbe anche concentrare l’attenzione sull’influenza della violenza e dei movimenti estremisti, ad esempio sulle proteste contro le misure di sanità pubblica del COVID-19. Si potrebbe anche studiare come le reti sociali agiscano come fattore di aumento della resilienza della società e come mezzo di pressione per il cambiamento politico. Infine, si potrebbe esplorare anche il modo in cui i contesti educativi formali stanno integrando queste nuove manifestazioni nell’educazione alla cittadinanza. Poiché le nuove forme di partecipazione politica sono ancora molto basate sulle città, le proposte dovrebbero includere un focus specifico su come incanalare in modo costruttivo il malcontento dei giovani rurali.

Le proposte sono incoraggiate a fare uso di metodologie partecipative e ad attingere a una combinazione di metodi e letteratura.

Per raggiungere i risultati previsti, si incoraggia la cooperazione internazionale, in particolare con i Paesi della regione MENA.

Sono fortemente incoraggiati il raggruppamento e la cooperazione con altri progetti selezionati nell’ambito di questo tema e con altri progetti pertinenti.

Le proposte sono incoraggiate a collaborare con il Centro di competenza del CCR sulla democrazia partecipativa e deliberativa, in particolare per quanto riguarda le forme innovative di impegno costruttivo non conflittuale e il suo potenziale di trasformazione delle democrazie e dei sistemi democratici.

 

Criteri di eleggibilità Per essere ammissibili, i richiedenti (beneficiari ed enti affiliati) devono:

 

-essere soggetti giuridici (enti pubblici o privati) avere sede in uno dei Paesi ammissibili, ovvero Stati membri dell’UE (compresi i Paesi e territori d’oltremare (PTOM)) Paesi non UE:

 

– Paesi SEE elencati e Paesi associati o Paesi che hanno in corso negoziati per un accordo di associazione e in cui l’accordo entra in vigore prima della firma della sovvenzione (elenco dei Paesi partecipanti)

 

– Paesi in via di adesione,

 

I beneficiari e gli enti affiliati devono iscriversi al Registro dei partecipanti – prima di presentare la proposta – e dovranno essere convalidati dal Servizio centrale di convalida (REA Validation). Per la convalida, sarà loro richiesto di caricare documenti che dimostrino lo status giuridico e l’origine.

Si applicano le seguenti eccezioni: Il Centro comune di ricerca (CCR) può partecipare come membro del consorzio selezionato per il finanziamento.

Contributo finanziario

 

Contributo UE previsto per progetto

La Commissione ritiene che un contributo dell’UE compreso tra 2 e 3 milioni di euro consentirebbe di affrontare adeguatamente questi risultati. Tuttavia, ciò non preclude la presentazione e la selezione di una proposta che richieda importi diversi. Bilancio indicativo

Il budget totale indicativo per il tema è di 9,00 milioni di euro.

Tipo di azioni di ricerca e innovazione

 

Scadenza

 

07 febbraio 2024 17:00:00 ora di Bruxelles
Ulteriori informazioni wp-5-cultura-creatività-e-società-inclusive_orizzonte-2023-2024_it.pdf (europa.eu)

Servizio offerto da Tiziana Beghin, deputato al Parlamento europeo, membro non iscritto.

Disclaimer: Le opinioni espresse sono di responsabilità esclusiva dell’autore o degli autori e non riflettono necessariamente la posizione ufficiale del Parlamento europeo.

Hai bisogno di qualche informazione?

https://www.tizianabeghin.it/wp-content/uploads/2022/02/logo-320x145.png
© Copyright 2022 - Tiziana Beghin
Contatti
Parlamento europeo • Rue Wiertz 60, 1047 Bruxelles