Promozione del vino sui mercati dei Paesi terzi

15 Agosto 2023
Titolo
OCM Vino – Promozione del vino sui mercati dei Paesi terzi – campagna 2023/2024
Ente finanziatoreRegione Lombardia
Obiettivi ed impatto attesiLa misura finanzia  progetti aventi ad oggetto una o più delle azioni di cui all’articolo 7 del Decreto del Ministro dell’Agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste n. 331843 del 26 giugno 2023 e più precisamente: a) azioni in materia di relazioni pubbliche, promozione e pubblicità, che mettano in rilievo gli elevati standard dei prodotti dell’Unione, in particolare in termini di qualità, sicurezza alimentare o ambiente;

b) partecipazione a manifestazioni, fiere ed esposizioni di importanza internazionale;

c) campagne di informazione, in particolare sui regimi di qualità relativi alle denominazioni di origine, alle indicazioni geografiche e alla produzione biologica vigenti nell’Unione;

d) studi di mercati nuovi o esistenti, necessari all’ampliamento e al consolidamento degli sbocchi di mercato;

e) studi per valutare i risultati delle attività di informazione e promozione.

 

 

Criteri di eleggibilitàPossono accedere ai benefici della misura “Promozione” i seguenti soggetti proponenti:

a. le organizzazioni professionali, purché abbiano tra i loro scopi la promozione dei prodotti agricoli;

b. le organizzazioni di produttori di vino, come definite dall’art. 152 del Regolamento (UE) 1308/2013;

c. le associazioni di organizzazioni di produttori di vino, come definite dall’art. 156 del Regolamento (UE) 1308/3013;

d. le organizzazioni interprofessionali, come definite dall’art. 157 del Regolamento (UE) 1308/3013;

e. i Consorzi di tutela, riconosciuti ai sensi dell’art. 41 della Legge 12 dicembre 2016 n. 238 e le loro associazioni e federazioni;

f. i produttori di vino, come definiti all’art. 2 del DM n. 331843 del 26 giugno 2023;

g. i soggetti pubblici, come definiti all’art. 2 del DM n. 331843 del 26 giugno 2023, con comprovata esperienza nel settore del vino e della promozione dei prodotti agricoli;

h. le associazioni temporanee di impresa e di scopo costituende o costituite dai soggetti di cui alle lettere a), b), c), d), e), f) e g) e i) che assicurino l’attuazione di un programma unitario;

i. i consorzi, le associazioni, le federazioni e le società cooperative, a condizione che tutti i partecipanti al progetto di promozione rientrino tra i soggetti proponenti di cui alle precedenti lett. a), e), f), e g);

j. le reti d’impresa, composte da soggetti di cui alla precedente lettera f).

2. I partecipanti ai soggetti di cui alle lett. j) e h), i), limitatamente ai Consorzi, alle associazioni e alle federazioni, devono partecipare ad almeno una delle azioni previste per ciascun Paese terzo o mercato del Paese terzo a cui il progetto è rivolto.

3. I soggetti pubblici di cui alla lettera g) partecipano ai progetti esclusivamente nell’ambito delle associazioni di cui alla lettera h), ma non contribuiscono con propri apporti finanziari e non possono essere il solo beneficiario.

4. Il soggetto proponente hanno adeguata disponibilità dei prodotti oggetto di promozione in termini di quantità, al fine di rispondere alla domanda del mercato a lungo termine.

5. A tal fine, i soggetti proponenti di cui alle lett. f), h), i) e j) del comma 1, art. 3 del DM n. 331843 del 26 giugno 2023, per poter presentare domanda di contributo, devono avere nella voce “totale di scarico del vino imbottigliato/confezionato” estratto dalla giacenza alla chiusura del 31 luglio 2022 del registro dematerializzato un quantitativo di vino imbottigliato/confezionato pari almeno a 50 hl.

6. Nel caso di soggetti proponenti di cui alle lett. h), i) e j) del comma 1, art. 3 del Decreto ministeriale, ciascun soggetto partecipante produttore di vino deve avere nella voce “totale di scarico del vino imbottigliato/confezionato” estratto dalla giacenza alla chiusura del 31 luglio 2022 del registro dematerializzato un quantitativo di vino imbottigliato/confezionato pari almeno a 50 hl.

7. I soggetti proponenti hanno accesso a sufficienti capacità tecniche per far fronte alle specifiche esigenze degli scambi con i Paesi Terzi e possiedono sufficienti risorse finanziarie per garantire la realizzazione quanto più efficace possibile nel progetto.

8. Il soggetto proponente o, in alternativa, ciascun soggetto partecipante, presenta una idonea referenza bancaria, rilasciata da un Istituto Bancario operante in uno dei Paesi dell’Unione europea, redatta conformemente all’allegato 3 del DD n. 385535 del 21 luglio 2023 attestante la sua solvibilità e solidità finanziaria, con riferimento alla realizzazione del progetto di promozione proposto.

9. Il soggetto proponente, o il soggetto incaricato dello svolgimento dei servizi di direzione tecnica e coordinamento del progetto, ha realizzato, anche senza il sostegno di cui all’art. 58, comma 2, par. 2, del Regolamento (UE) n. 2115/2021, nel triennio precedente alla presentazione del progetto, attività analoghe a quelle oggetto dello stesso.

Contributo finanziario

 

 

I progetti presentati ai sensi del presente Avviso per la campagna 2023/2024 sono finanziati con la quota regionale dei fondi assegnati alla misura “Promozione sui mercati dei paesi terzi”, che per la Regione Lombardia ammontano a € 2.883.342,00, a cui va sottratta la somma destinata a coprire i saldi degli anni precedenti, che risulta pertanto pari a € 2.655.827,79

 

L’importo del contributo a valere sui fondi comunitari è pari al massimo al 50% della spesa sostenuta per realizzare il progetto (art. 13 comma 1 del DM n. 331843/2023).

Il contributo massimo per progetto regionale e multiregionale è pari a € 600.000,00 per i progetti presentati dai soggetti di cui all’art. 3 comma 1 lettera e) del presente avviso e pari a € 400.000,00 per i progetti presentati dalle altre tipologie di soggetti proponenti. Tale massimale potrà essere aumentato in sede di redazione di graduatoria finale nel caso di quote di budget non utilizzate, da assegnare in ordine di graduatoria.

Per i progetti a valere sui fondi regionali, l’importo minimo per progetto è pari a € 100.000 e, qualora sia destinato a più di un Paese terzo, con un importo minimo di progetto non inferiore ad € 50.000 per Paese o non inferiore ad € 25.000 nel caso di Paese emergente;

Scadenza

 

18/09/2023 , ore 23:59
Ulteriori informazioni8a5b2421899607f40189bc0660217406 (regione.lombardia.it)

Servizio offerto da Tiziana Beghin, deputato al Parlamento europeo, membro non iscritto.

Disclaimer: Le opinioni espresse sono di responsabilità esclusiva dell’autore o degli autori e non riflettono necessariamente la posizione ufficiale del Parlamento europeo.

Hai bisogno di qualche informazione?

https://www.tizianabeghin.it/wp-content/uploads/2022/02/logo-320x145.png
© Copyright 2022 - Tiziana Beghin
Contatti
Parlamento europeo • Rue Wiertz 60, 1047 Bruxelles