Reti di dottorato MSCA 2023 ID ARGOMENTO: HORIZON-MSCA-2023-DN-01-01

30 Maggio 2023
Titolo MSCA Doctoral Networks 2023

TOPIC ID: HORIZON-MSCA-2023-DN-01-01

Reti di dottorato MSCA 2023

ID ARGOMENTO: HORIZON-MSCA-2023-DN-01-01

 

Ente finanziatore Commissione europea

Programma Horizon Europe

Settore di riferimento Ricerca e Innovazione
Obiettivi ed impatto attesi Le Reti dottorali MSCA attueranno programmi di dottorato, attraverso partenariati tra università, istituti di ricerca e infrastrutture di ricerca, imprese, comprese le PMI, e altri attori socio-economici di diversi Paesi europei e non solo. Le Reti dottorali MSCA sono aperte alla partecipazione di organizzazioni di Paesi terzi, al fine di promuovere partenariati internazionali strategici per la formazione e lo scambio di ricercatori.

 

Questi programmi di dottorato risponderanno a esigenze ben identificate in varie aree di R&I, esporranno i ricercatori ai settori accademici e non accademici e offriranno una formazione in competenze e abilità legate alla ricerca e trasferibili, rilevanti per l’innovazione e l’occupabilità a lungo termine (ad esempio, imprenditorialità, commercializzazione dei risultati, diritti di proprietà intellettuale, comunicazione). Le proposte di reti di dottorato possono riflettere i partenariati di ricerca esistenti o previsti tra le organizzazioni partecipanti.

 

La procedura di selezione dei dottorandi deve essere aperta, trasparente e basata sul merito, in linea con il Codice di condotta per l’assunzione di ricercatori. L’avviso di posto vacante (da pubblicizzare ampiamente a livello internazionale, anche sul sito web di EURAXESS) deve indicare se le tariffe pubblicate includono tutte le tasse e i contributi del datore di lavoro e del dipendente. Se possibile, deve essere pubblicato lo stipendio lordo (stipendio netto + tasse e contributi del dipendente).

 

Le reti di dottorato MSCA sono incoraggiate a portare a dottorati industriali o congiunti.

 

Dottorati industriali

 

Attraverso i dottorati industriali, i dottorandi usciranno dal mondo accademico e svilupperanno competenze nell’industria e nelle imprese grazie alla supervisione congiunta di organizzazioni accademiche e non accademiche, che possono avere sede nello stesso Stato membro dell’UE o in un Paese associato a Horizon Europe.

 

Dottorati congiunti

 

I dottorati congiunti rappresentano un tipo di collaborazione internazionale, intersettoriale e multidisciplinare altamente integrata nella formazione dottorale. Consentono di conseguire titoli di dottorato congiunti, doppi o multipli[3] riconosciuti in almeno due Stati membri dell’UE o Paesi associati a Orizzonte Europa.

 

Consiglio di supervisione

 

Ogni rete di dottorato MSCA deve avere un consiglio di supervisione chiaramente identificato che coordini le attività di formazione, ricerca e in particolare di supervisione a livello di rete, in linea con le Linee guida per la supervisione MSCA, stabilendo al contempo una comunicazione continua e uno scambio di buone pratiche tra le organizzazioni partecipanti per massimizzare i benefici della partnership.

 

Attività di formazione

 

Le reti dottorali MSCA devono sfruttare le complementarietà tra le organizzazioni partecipanti e promuovere la condivisione delle conoscenze e le attività di rete, ad esempio attraverso l’organizzazione di workshop e conferenze. Le attività di formazione proposte devono rispondere a esigenze ben identificate in varie aree di R&I, con riferimenti appropriati a campi interdisciplinari e multidisciplinari, e devono seguire i Principi dell’UE per una formazione dottorale innovativa[4]. Dovrebbero essere principalmente incentrate sullo sviluppo di nuove conoscenze scientifiche attraverso ricerche originali su progetti personalizzati.

 

I distacchi intersettoriali di ricercatori presso altre organizzazioni partecipanti, anche in Paesi terzi, sono incoraggiati se pertinenti, fattibili e vantaggiosi per i ricercatori e in linea con gli obiettivi del progetto. Ciò aumenterà l’occupabilità dei ricercatori al di fuori del mondo accademico.

 

Le reti di dottorato dovrebbero sviluppare moduli di formazione sostanziali, anche digitali, che affrontino le abilità e le competenze chiave trasferibili comuni a tutti i settori e promuovano la cultura della scienza aperta, l’innovazione e l’imprenditorialità, nonché la buona condotta scientifica, come l’integrità della ricerca. In particolare, le reti dottorali dovrebbero preparare adeguatamente i dottorandi a una maggiore collaborazione nella ricerca e alla condivisione delle informazioni resa possibile dalle nuove tecnologie (digitali) (ad esempio, strumenti collaborativi, apertura dell’accesso alle pubblicazioni e ad altri risultati della ricerca, compresi i dati, gestione FAIR dei dati, impegno sociale e citizen science, ecc.)

 

Supervisione

 

Particolare attenzione è rivolta alla qualità della supervisione e del tutoraggio, nonché all’orientamento professionale. La supervisione congiunta dei ricercatori è obbligatoria per i dottorati industriali e congiunti.

 

Piano di sviluppo della carriera

 

Un piano di sviluppo della carriera deve essere stabilito congiuntamente dal supervisore e da ciascun dottorando assunto. In caso di supervisione congiunta, tale piano deve essere stabilito coinvolgendo tutti i supervisori. Oltre agli obiettivi di ricerca, questo piano comprende le esigenze di formazione e di carriera del ricercatore, tra cui la formazione sulle competenze trasferibili, l’insegnamento, la pianificazione delle pubblicazioni e la partecipazione a conferenze ed eventi volti ad aprire la scienza e la ricerca ai cittadini. Il piano, stabilito all’inizio dell’assunzione, deve essere rivisto (e aggiornato se necessario) entro 18 mesi.

 

Si prevede che i risultati del progetto contribuiscano ai seguenti esiti:

 

Per i dottorandi sostenuti

 

●      Nuove capacità e competenze di ricerca e trasferibili, che portano a un miglioramento dell’occupabilità e delle prospettive di carriera all’interno e all’esterno del mondo accademico;

●      Nuove conoscenze che consentano di convertire le idee in prodotti e servizi, se del caso;

●      Miglioramento delle capacità di rete e di comunicazione con i colleghi scienziati e con il pubblico in generale, che aumenterà e amplierà l’impatto della ricerca e dell’innovazione.

●      Per le organizzazioni partecipanti

 

●      Miglioramento della qualità, della pertinenza e della sostenibilità dei programmi di formazione dottorale e delle modalità di supervisione;

●      Maggiore cooperazione e trasferimento di conoscenze tra settori e discipline;

●      Maggiore integrazione delle attività di formazione e ricerca tra le organizzazioni partecipanti;

●      Potenziamento della capacità di R&I;

●      Aumento dell’internazionalizzazione e dell’attrattività;

●      Feedback regolare dei risultati della ricerca nell’insegnamento e nella formazione presso le organizzazioni partecipanti.

 

Criteri di eleggibilità I ricercatori sostenuti devono essere dottorandi, cioè non già in possesso di un titolo di dottorato alla data dell’assunzione.

I ricercatori devono essere iscritti a un programma di dottorato che porti al conseguimento di un titolo di dottorato in almeno uno Stato membro dell’UE o in un Paese associato a Orizzonte Europa, e per i dottorati congiunti in almeno due.

I ricercatori assunti possono essere di qualsiasi nazionalità e devono rispettare la seguente regola di mobilità: non devono aver risieduto o svolto la loro attività principale (lavoro, studi, ecc.) nel Paese del beneficiario dell’assunzione per più di 12 mesi nei 36 mesi immediatamente precedenti la data di assunzione.

Per le “Organizzazioni internazionali di ricerca europee” (IERO), le “organizzazioni internazionali” o le entità create in base al diritto dell’Unione, i ricercatori non devono aver trascorso più di 12 mesi nei 36 mesi immediatamente precedenti l’assunzione presso la stessa organizzazione che ha effettuato la nomina.

Non sono presi in considerazione il servizio nazionale obbligatorio, i soggiorni brevi come le vacanze e il tempo trascorso dal ricercatore nell’ambito di una procedura per l’ottenimento dello status di rifugiato ai sensi della Convenzione di Ginevra –

I distacchi sono ammissibili fino a un terzo dei mesi effettivi trascorsi nell’attuazione delle attività di formazione alla ricerca previste dall’azione. Questa limitazione non si applica ai dottorati industriali e ai dottorati congiunti.

– Nel caso dei dottorati industriali, i dottorandi devono trascorrere almeno il 50% della durata della borsa nel settore non accademico.

Contributo finanziario

 

Contributo UE previsto per progetto Il contributo UE previsto dipende dal numero di mesi-persona richiesti.

Il contributo dell’UE per le reti dottorali MSCA assumerà la forma di contributi unitari, come stabilito nella decisione dell’11 marzo 2021 che autorizza l’uso di contributi forfettari e contributi unitari per le azioni Marie Skłodowska-Curie nell’ambito del programma Horizon Europe.

Si applicano le seguenti categorie di budget

 

Scadenza

 

28 Novembre 2023 17:00:00 Brussels time
Ulteriori informazioni wp-2-msca-actions_horizon-2023-2024_en.pdf (europa.eu)

Servizio offerto da Tiziana Beghin, deputato al Parlamento europeo, membro non iscritto.
disclaimer:
Le opinioni espresse sono di responsabilità esclusiva dell’autore o degli autori e non riflettono necessariamente la posizione ufficiale del Parlamento europeo.

 

 

Hai bisogno di qualche informazione?

https://www.tizianabeghin.it/wp-content/uploads/2022/02/logo-320x145.png
© Copyright 2022 - Tiziana Beghin
Contatti
Parlamento europeo • Rue Wiertz 60, 1047 Bruxelles