Rilevamento CBRN-E in architetture di piccole dimensioni

15 Aprile 2024
TITOLO Capacità di rilevamento CBRN-E in architetture di piccole dimensioni

HORIZON-CL3-2024-FCT-01-07

 

 

CBRN-E detection capacities in small architecture

HORIZON-CL3-2024-FCT-01-07

 

 

ENTE FINANZIATORE COMMISSIONE EUROPEA

Programma quadro Horizon Europe (HORIZON)

SETTORE DI RIFERIMENTO La giustizia
OBIETTIVI ED IMPATTO I risultati dei progetti devono contribuire a tutti i seguenti risultati:

  • Miglioramento delle valutazioni di vulnerabilità da parte delle forze dell’ordine e dei gestori locali degli spazi pubblici attraverso l’individuazione di minacce chimiche, biologiche, radiologiche, nucleari ed esplosive (CBRN-E) negli spazi pubblici e nel flusso dei trasporti pubblici, al fine di fornire una più ampia consapevolezza della situazione agli operatori del settore;
  • Miglioramento delle capacità di pianificazione degli operatori della sicurezza e dei responsabili politici grazie all’accesso a nuovi dati e all’identificazione di potenziali vulnerabilità connesse alla progettazione/ristrutturazione e al miglioramento di diversi spazi pubblici;
  • Vengono fornite raccomandazioni per migliorare ulteriormente l’approccio alla sicurezza e alla progettazione degli spazi pubblici e dei sistemi di trasporto di massa;
  • Migliorare la formazione delle autorità di polizia in collaborazione con diversi attori pubblici e privati (ad esempio, autorità di gestione delle crisi e di protezione civile, vigili del fuoco, agenzie di regolamentazione, servizi sanitari di emergenza, gestori della sicurezza, organizzazioni di sicurezza private, gruppi della società civile, ecc.
  • Migliori capacità di modellazione per gli operatori della sicurezza e i responsabili delle politiche, grazie all’identificazione di potenziali nuove vulnerabilità e dei dati disponibili, e un migliore supporto alla pianificazione delle rispettive risorse e attività.

Ambito di applicazione:

Spazi pubblici come piazze, impianti sportivi, quartieri commerciali, luoghi di culto e sistemi di trasporto di massa sono stati l’obiettivo di attacchi terroristici che hanno causato perdite significative di vite umane e insicurezza sociale. I mezzi per compiere tali attacchi vanno da scenari sofisticati e ben pianificati, con diversi attentatori coordinati che utilizzano esplosivi e armi da fuoco, ad attacchi a basso costo e a bassa tecnologia che utilizzano prodotti comuni. Oggi specifici arredi urbani come panchine, pensiline degli autobus, fioriere, ecc. hanno già una doppia funzione di controllo dell’accesso alle aree protette, che risponde ad alcuni degli attacchi a basso costo. Il prossimo passo logico sembra quello di espandere ulteriormente le loro funzioni e di adottarne di nuove per rispondere meglio alle minacce terroristiche, come quelle CBRN-E. La proposta vincente dovrà basarsi sui risultati e sulle scoperte pubblicamente disponibili di precedenti progetti nazionali o finanziati dall’UE, nonché cercare di sfruttare le potenziali sinergie con le proposte finanziate nell’ambito di HORIZON-CL3-2024-BM-01-05: Rilevamento e tracciamento di merci illegali e trafficate.

Negli ultimi anni, in alcune azioni pilota, alcuni arredi urbani, tra cui cestini e pensiline degli autobus, sono diventati intelligenti in quanto dotati di sensori ambientali, moduli wireless o microcontrollori, diventando parte dell’infrastruttura IoT e uno dei componenti delle future smart city. Le proposte devono concentrarsi sullo sfruttamento e sull’integrazione dei sensori esistenti all’interno delle piccole architetture degli spazi pubblici. I sensori tradizionali e le piattaforme di sorveglianza come il riconoscimento automatico delle targhe (ANPR), le telecamere o i sistemi di analisi delle immagini non rientrano nell’ambito di questo tema, a meno che non si consideri la loro integrazione con nuovi sensori e non si dimostri il valore aggiunto dei sistemi in rete. Le proposte devono presentare sfide e opportunità rilevanti per le future applicazioni delle capacità di rilevamento CBRN-E in architetture di piccole dimensioni, comprese le prospettive di scalabilità, elaborazione in tempo reale e cooperazione dei sistemi in rete.

Le proposte finanziate nell’ambito di questo tema devono impegnarsi con l’Europol Innovation Lab durante la durata del progetto, compresa la convalida dei risultati, con l’obiettivo di facilitare la futura adozione delle innovazioni per la comunità delle forze dell’ordine.

In questo argomento l’integrazione della dimensione di genere (analisi del sesso e del genere) nei contenuti della ricerca e dell’innovazione dovrebbe essere affrontata solo se rilevante in relazione agli obiettivi dello sforzo di ricerca.

Condizioni specifiche dell’argomento:

Si prevede che le attività raggiungano il TRL 6-8 entro la fine del progetto – si veda l’Allegato generale B.

 

CRITERI DI ELEGGIBILITÀ

 

 

Qualsiasi soggetto giuridico, indipendentemente dal suo luogo di stabilimento, compresi i soggetti giuridici di Paesi terzi non associati o di organizzazioni internazionali (comprese le organizzazioni internazionali di ricerca europee) può partecipare (indipendentemente dal fatto che sia idoneo o meno al finanziamento), a condizione che siano state soddisfatte le condizioni stabilite dal regolamento Horizon Europe e qualsiasi altra condizione stabilita nel tema specifico del bando. Per “soggetto giuridico” si intende qualsiasi persona fisica o giuridica costituita e riconosciuta come tale ai sensi del diritto nazionale, del diritto dell’UE o del diritto internazionale, dotata di personalità giuridica e che può, agendo in nome proprio, esercitare diritti ed essere soggetta a obblighi, oppure un soggetto privo di personalità giuridica.

. I beneficiari e gli enti affiliati devono registrarsi nel Registro dei Partecipanti prima di presentare la domanda, per ottenere un codice di identificazione del partecipante (PIC) ed essere convalidati dal Servizio Centrale di Convalida prima di firmare la convenzione di sovvenzione. Per la convalida, durante la fase di preparazione della sovvenzione, verrà chiesto loro di caricare i documenti necessari che dimostrino il loro status giuridico e la loro origine. Un PIC convalidato non è un prerequisito per presentare una domanda.

 

Questo tema richiede il coinvolgimento attivo, in qualità di beneficiari, di almeno 2 autorità di polizia e 2 comuni urbani di almeno 3 diversi Stati membri dell’UE o Paesi associati. Per questi partecipanti, i richiedenti devono compilare la tabella “Informazioni sugli operatori della sicurezza” nel modulo di domanda con tutte le informazioni richieste, seguendo il modello fornito nello strumento informatico di presentazione.

CONTRIBUTO FINANZIARIO

 

 

Contributo UE previsto per progetto

La Commissione ritiene che un contributo dell’UE di circa 6 milioni di euro consentirebbe di affrontare adeguatamente questi risultati. Tuttavia, ciò non preclude la presentazione e la selezione di una proposta che richieda importi diversi.

 

 

Il budget indicativo totale per il tema è di 6,00 milioni di euro.

Tipo di azione Azioni di innovazione

SCADENZA

 

20 novembre 2024 17:00:00 ora di Bruxelles
ULTERIORI INFORMAZIONI wp-6-civil-security-for-society_horizon-2023-2024_en.pdf (europa.eu)

Servizio offerto da Tiziana Beghin, deputato al Parlamento europeo, membro non iscritto.

Disclaimer: Le opinioni espresse sono di responsabilità esclusiva dell’autore o degli autori e non riflettono necessariamente la posizione ufficiale del Parlamento europeo

Hai bisogno di qualche informazione?

https://www.tizianabeghin.it/wp-content/uploads/2022/02/logo-320x145.png
© Copyright 2022 - Tiziana Beghin
Contatti
Parlamento europeo • Rue Wiertz 60, 1047 Bruxelles