R&S per la prossima generazione di strumentazione scientifica, strumenti, metodi, soluzioni per l’aggiornamento del RI

31 Dicembre 2023
Titolo R&S per la prossima generazione di strumentazione scientifica, strumenti, metodi, soluzioni per l’aggiornamento del RI

HORIZON-INFRA-2024-TECH-01-01

 

R&D for the next generation of scientific instrumentation, tools, methods, solutions for RI upgrade

HORIZON-INFRA-2024-TECH-01-01

Ente finanziatore Commissione europea

Programma quadro Horizon Europe

 

Settore di riferimento Ricerca e innovazione
Obiettivi ed impatto attesi I risultati del progetto dovrebbero contribuire a diversi dei seguenti risultati attesi:

·         il rafforzamento della competitività scientifica delle infrastrutture di ricerca europee;

·         capacità rafforzate del RI di affrontare le sfide della ricerca e le priorità politiche dell’UE;

·         basi per lo sviluppo di aziende innovative;

·         una maggiore collaborazione delle infrastrutture di ricerca con le università, le organizzazioni di ricerca e l’industria;

·         aumento del livello tecnologico delle industrie attraverso il co-sviluppo di tecnologie avanzate per le infrastrutture di ricerca e la creazione di nuovi mercati potenziali;

·         integrazione delle infrastrutture di ricerca nei sistemi di innovazione locali, regionali e globali e promozione della cultura imprenditoriale.

Ambito di applicazione:

L’obiettivo di questo tema è fornire strumentazione scientifica, strumenti, metodi e soluzioni innovative che facciano progredire lo stato dell’arte delle RI nell’UE e nei Paesi associati e che mostrino un potenziale di trasformazione nel funzionamento delle RI. I relativi sviluppi, che sono alla base della fornitura di servizi migliori e avanzati, dovrebbero portare le infrastrutture di ricerca a supportare nuove aree di ricerca e/o una più ampia comunità di utenti, compresi gli utenti industriali.

Le tecnologie all’avanguardia rafforzeranno anche il potenziale delle RI nel contribuire ad affrontare gli obiettivi politici e le sfide socio-economiche dell’UE.

Le proposte devono garantire la complementarità con le azioni finanziate nell’ambito del precedente bando 2022 (tema HORIZON-INFRA-2022-TECH-01-01 nel programma di lavoro 2021-2022), mirando a strumentazioni, strumenti, metodi e soluzioni diverse.

Le proposte devono riguardare i seguenti aspetti, se pertinenti:

·         Ricerca e sviluppo di nuova strumentazione scientifica, strumenti e metodi per le infrastrutture di ricerca, tenendo in debita considerazione l’efficienza delle risorse (ad esempio il consumo energetico) e l’impatto ambientale (compreso quello climatico). Ciò potrebbe includere anche lo sviluppo di nuovi metodi più sostenibili ed efficienti per la raccolta dei dati e/o per l’accesso, anche a distanza e digitali, nonché la digitalizzazione della strumentazione, dei servizi e dei risultati;

·         la validazione e la prototipazione della loro tecnologia;

·         formazione del personale del RI per il funzionamento e l’uso di queste nuove soluzioni. Se necessario, sviluppare le competenze per la convalida tecnica secondo gli standard industriali;

·         il potenziale innovativo per lo sfruttamento industriale delle soluzioni e/o per i benefici della società, compresa la facilitazione della prova di concetto per l’uso da parte delle PMI.

I consorzi dovrebbero essere costruiti attorno a un nucleo principale di almeno 3 infrastrutture di ricerca di livello mondiale, che siano infrastrutture ESFRI, consorzi di infrastrutture di ricerca europee (ERIC) e/o altre infrastrutture di ricerca di livello mondiale che siano organizzazioni intergovernative di interesse europeo, e possono includere un insieme più ampio di RI. Dovrebbero essere coinvolti anche altri partner tecnologici, tra cui l’industria e le PMI, promuovendo così l’innovazione e la condivisione delle conoscenze attraverso il co-sviluppo di nuove soluzioni tecniche per le infrastrutture di ricerca.

Le proposte possono includere attività di subappalto PCP come descritto nella parte H degli allegati generali del programma di lavoro. Questa opzione incoraggia l’uso degli appalti pubblici per lo sviluppo competitivo di nuove soluzioni specifiche, aprendo al contempo opportunità di mercato per l’industria e i ricercatori attivi nell’UE e nei Paesi associati. Stabilendo il processo di appalto in fasi consecutive, l’attività PCP può sostenere lo sviluppo di progetti, prototipi e test di soluzioni concorrenti. Ciò garantisce che i rischi di investimento non impediscano di affrontare specifiche questioni scientifiche e tecnologiche e consente di affrontare un problema da diverse angolazioni e di testare diverse soluzioni.

In questo tema l’integrazione della dimensione di genere (analisi del sesso e del genere) nei contenuti della ricerca e dell’innovazione non è un requisito obbligatorio.

 

Criteri di eleggibilità Qualsiasi soggetto giuridico, indipendentemente dal suo luogo di stabilimento, compresi i soggetti giuridici di Paesi terzi non associati o di organizzazioni internazionali (comprese le organizzazioni internazionali di ricerca europee), è ammesso a partecipare (indipendentemente dal fatto che sia ammissibile o meno al finanziamento), a condizione che siano state soddisfatte le condizioni stabilite dal regolamento Horizon Europe5 e qualsiasi altra condizione stabilita nel tema specifico del bando. Per “soggetto giuridico” si intende qualsiasi persona fisica o giuridica costituita e riconosciuta come tale ai sensi del diritto nazionale, del diritto dell’UE o del diritto internazionale, dotata di personalità giuridica e che può, agendo in nome proprio, esercitare diritti ed essere soggetta a obblighi, oppure un soggetto privo di personalità giuridica. I beneficiari e gli enti affiliati devono registrarsi nel Registro dei partecipanti prima di presentare la domanda, per ottenere un codice di identificazione del partecipante (PIC) ed essere convalidati dal Servizio centrale di convalida prima di firmare la convenzione di sovvenzione. Per la convalida, durante la fase di preparazione della sovvenzione verrà chiesto loro di caricare i documenti necessari che dimostrino il loro status giuridico e la loro origine. Un PIC convalidato non è un prerequisito per presentare una domanda.
Contributo finanziario

 

Contributo UE previsto per progetto

La Commissione ritiene che un contributo dell’UE compreso tra 5 e 10 milioni di euro consentirebbe di affrontare adeguatamente questi risultati. Tuttavia, ciò non preclude la presentazione e la selezione di una proposta che richieda importi diversi.

Bilancio indicativo

Il budget totale indicativo per il tema è di 63,50 milioni di euro.

Tipo di azioni di ricerca e innovazione

Scadenza

 

 

12 marzo 2024 17:00:00 ora di Bruxelles

Ulteriori informazioni wp-3-ricerca-infrastrutture_orizzonte-2023-2024_it.pdf (europa.eu)

 

Servizio offerto da Tiziana Beghin, deputato al Parlamento europeo, membro non iscritto.

Disclaimer: Le opinioni espresse sono di responsabilità esclusiva dell’autore o degli autori e non riflettono necessariamente la posizione ufficiale del Parlamento europeo

Hai bisogno di qualche informazione?

https://www.tizianabeghin.it/wp-content/uploads/2022/02/logo-320x145.png
© Copyright 2022 - Tiziana Beghin
Contatti
Parlamento europeo • Rue Wiertz 60, 1047 Bruxelles