Schema di apprendimento e sostegno reciproco

30 Aprile 2024
TITOLO Schema di apprendimento e sostegno reciproco per i programmi di innovazione nazionali e regionali

HORIZON-EIE-2024-CONNECT-02-02

 

Mutual learning and support scheme for national and regional innovation programmes

HORIZON-EIE-2024-CONNECT-02-02

 

 

ENTE FINANZIATORE Commissione europea

Programma Horizon Europa

SETTORE DI RIFERIMENTO  

POLITICHE REGIONALI E COOPERAZIONE TERRITORIALE

OBIETTIVI ED IMPATTO I risultati dei progetti devono contribuire ad almeno quattro (4) dei seguenti risultati attesi:

  • Riduzione della frammentazione degli ecosistemi dell’innovazione e dei programmi nazionali/regionali di sostegno alle start-up;
  • Aumento della cooperazione, dell’apprendimento e dello scambio di conoscenze tra le autorità e le agenzie pubbliche di sostegno all’innovazione nazionali e regionali, al fine di garantire che i loro programmi di finanziamento dell’innovazione rispondano ai requisiti della certificazione Plug-in per la fase 2 dell’acceleratore del Consiglio europeo per l’innovazione (EIC);
  • Miglioramento dei programmi di finanziamento dell’innovazione nazionali e regionali in corso e/o creazione di nuovi programmi i cui criteri siano idonei a superare la certificazione per lo schema Plug-in;
  • L’uso, i requisiti e l’accesso allo schema Plug-in sono ben comunicati alle parti interessate dell’ecosistema dell’innovazione, in particolare alle start-up e alle piccole e medie imprese (PMI);
  • Un approccio più omogeneo, equo e allineato nella valutazione dei progetti nell’ambito dei regimi di sostegno nazionali e regionali;
  • Cooperazione rafforzata tra le autorità e le agenzie pubbliche nazionali e regionali e le PMI e le start-up, in particolare tra i paesi “leader” o “forti” dell’innovazione e quelli “moderati” o “emergenti”;
  • Pipeline stabile di progetti di alta qualità per l’acceleratore EIC Fase 2.

Ambito di applicazione:

Destinatari: agenzie per l’innovazione nazionali o regionali o organizzazioni simili, autorità nazionali e regionali responsabili della gestione dei programmi di innovazione, punti di contatto EIC Plug-in.

Le start-up e le PMI sono la principale fonte di innovazione nell’Unione europea (UE) e a livello globale. Tuttavia, la frammentazione degli ecosistemi dell’innovazione e la mancanza di collegamenti tra le agenzie pubbliche nazionali e regionali e i programmi di sostegno all’innovazione sembrano essere uno dei principali ostacoli per garantire un sostegno sufficiente alle imprese start-up e scale-up più promettenti dell’UE.

Sulla base dei risultati di diverse azioni INNOSUP sull’apprendimento tra pari delle agenzie per l’innovazione, nonché dell’azione pilota di Horizon 2020 nell’ambito del programma di lavoro pilota EIC potenziato “Apprendimento reciproco e strumenti e risorse comuni per schemi nazionali/regionali a sostegno di progetti di innovazione di start-up e PMI”, questa azione mira a riunire le autorità e le agenzie pubbliche per l’innovazione per aumentare il dialogo e il networking verso la progettazione e l’attuazione di programmi di finanziamento dell’innovazione regionali e nazionali in linea con i requisiti della certificazione Plug-in per la fase 2 dell’acceleratore EIC. In linea con le precedenti attività di sostegno all’apprendimento tra pari delle agenzie per l’innovazione, l’uso della metodologia “Twinning+” è fortemente incoraggiato nel contesto del “Twinning”.] è fortemente incoraggiato nel contesto di questa azione. Il progetto fornirà un documento sulle opzioni di progettazione che riassume i principali risultati al fine di guidare qualsiasi agenzia di innovazione nella traduzione e nell’attuazione concreta delle buone pratiche identificate.

Lo schema pilota Plug-in è una novità nell’ambito di Horizon Europe ed è un processo specifico applicabile solo all’acceleratore EIC. Si applica alle proposte che derivano da programmi nazionali o regionali esistenti e le sue modalità specifiche sono delineate nel Programma di lavoro EIC 2022, allegato 5.

Nell’ambito dello schema “Plug-in”, i candidati non si candidano direttamente ai bandi dell’acceleratore EIC. Viene invece effettuata una revisione del progetto per valutare il potenziale di innovazione o di diffusione sul mercato di un progetto esistente a livello nazionale o regionale, per decidere se il progetto è adatto a ricevere un sostegno nell’ambito dell’acceleratore EIC.

I primi risultati pilota di una mappatura dei programmi nazionali e regionali effettuata dalla Commissione europea in stretta collaborazione con gli Stati membri hanno mostrato che, sebbene 31 dei 52 programmi presentati siano stati certificati, diversi programmi non hanno superato la certificazione e alcuni Stati membri non hanno presentato alcun programma alla revisione. Questa azione mira ad aiutare gli Stati membri e i Paesi associati a migliorare o creare programmi di finanziamento nazionali e regionali che potrebbero qualificarsi per la certificazione nell’ambito dello schema Plug-in dell’acceleratore EIC. Sono particolarmente incoraggiate le candidature di agenzie regionali e nazionali di Paesi e regioni innovatori “moderati” ed “emergenti”.

Le proposte devono includere attività specifiche che consentano ai richiedenti di:

  • Migliorare la qualità del sostegno fornito a livello nazionale e regionale alle start-up e alle PMI innovative più promettenti;
  • Migliorare o istituire programmi di finanziamento nazionali e regionali che potrebbero qualificarsi per la certificazione nell’ambito dello schema Plug-in dell’acceleratore EIC;
  • Condividere le migliori pratiche in termini di progettazione, funzionamento, operatività e monitoraggio di tali programmi;
  • Ampliare l’accesso alle informazioni e comunicare ai candidati (start-up e PMI) le opportunità di accedere ai programmi di finanziamento nazionali e regionali e avere la possibilità di essere selezionati nell’ambito dello schema Plug-in per candidarsi alla fase 2 dell’acceleratore EIC.

 

CRITERI DI ELEGGIBILITÀ

 

 

Qualsiasi soggetto giuridico, indipendentemente dal suo luogo di stabilimento, compresi i soggetti giuridici di Paesi terzi non associati o di organizzazioni internazionali (comprese le organizzazioni internazionali di ricerca europee ) è ammesso a partecipare (indipendentemente dal fatto che sia ammissibile o meno al finanziamento), a condizione che siano state soddisfatte le condizioni stabilite dal regolamento Horizon Europe e qualsiasi altra condizione stabilita nel tema specifico del bando. Per “soggetto giuridico” si intende qualsiasi persona fisica o giuridica costituita e riconosciuta come tale ai sensi del diritto nazionale, del diritto dell’UE o del diritto internazionale, dotata di personalità giuridica e che può, agendo in nome proprio, esercitare diritti ed essere soggetta a obblighi, oppure un soggetto privo di personalità giuridica. I beneficiari e gli enti affiliati devono registrarsi nel Registro dei Partecipanti prima di presentare la domanda, per ottenere un codice di identificazione dei partecipanti (PIC) ed essere convalidati dal Servizio Centrale di Convalida prima di firmare la convenzione di sovvenzione. Per la convalida, durante la fase di preparazione della sovvenzione, verrà chiesto loro di caricare i documenti necessari che dimostrino il loro status giuridico e la loro origine. Un PIC convalidato non è un prerequisito per presentare una domanda.

 

Questa azione richiede la partecipazione di almeno tre (3) soggetti giuridici indipendenti, stabiliti in tre (3) diversi Stati membri o Paesi associati a Orizzonte Europa, di cui almeno uno (1) stabilito in una regione innovatrice “moderata” o “emergente” e almeno uno (1) in una regione innovatrice “forte” o “leader dell’innovazione”.

CONTRIBUTO FINANZIARIO

 

 

Contributo UE previsto per progetto La Commissione stima che un contributo UE di circa 0,10 milioni di euro consentirebbe di affrontare adeguatamente questi risultati. Tuttavia, ciò non preclude la presentazione e la selezione di una proposta che richieda importi diversi. Budget indicativo Il budget totale indicativo per il tema è di 1,00 milioni di euro. Tipo di azione Azioni di coordinamento e sostegno
SCADENZA

 

19 settembre 2024 17:00:00 ora di Bruxelles
ULTERIORI INFORMAZIONI wp-10-european-innovation-ecosystems_horizon-2023-2024_en.pdf (europa.eu)

Servizio offerto da Tiziana Beghin, deputato al Parlamento europeo, membro non iscritto.

Disclaimer: Le opinioni espresse sono di responsabilità esclusiva dell’autore o degli autori e non riflettono necessariamente la posizione ufficiale del Parlamento europeo

Hai bisogno di qualche informazione?

https://www.tizianabeghin.it/wp-content/uploads/2022/02/logo-320x145.png
© Copyright 2022 - Tiziana Beghin
Contatti
Parlamento europeo • Rue Wiertz 60, 1047 Bruxelles