Sostegno alle attività RSI

31 Luglio 2023
Titolo
Bando SWIch – Sostegno alle attività RSI e alla valorizzazione economica dell’innovazione
Ente finanziatore PIEMONTE
Obiettivi ed impatto attesi Il bando si pone il duplice obiettivo di sostenere, attraverso l’erogazione di contributi alla spesa nei termini previsti dal bando stesso:

1.    lo sviluppo e/o l’avanzamento di risultati scientifici e tecnologici di rilievo negli ambiti di ricerca individuati nella Strategia Regionale di Specializzazione Intelligente 2021 -2027 della Regione Piemonte;

2.     nel caso di progetti ad uno stadio più avanzato, la relativa validazione e incorporazione nei processi produttivi/nell’offerta delle imprese in corrispondenza di un dimostrabile vantaggio competitivo e di concrete opportunità di business a livello singolo o di filiera.

Per conseguire i suddetti obiettivi la Misura è articolata nelle seguenti due Linee di intervento, caratterizzate da target e categorie progettuali ammissibili differenti:

·         Linea 1 – Supporto alle attività di ricerca industriale e sviluppo sperimentale;

·         Linea 2 – Supporto alle attività di ricerca industriale, sviluppo sperimentale e innovazione in fase avanzata configuranti un piano definito di valorizzazione industriale/commerciale dei risultati.

Le due Linee di intervento a loro volta si articolano in due ulteriori tipologie di intervento in base a: tipologia di beneficiario ammesso, all’ampiezza del partenariato, alla dimensione dell’investimento, al livello di complessità delle sfide/degli obiettivi alla base della proposta e della maturità tecnologica di partenza e di arrivo, come di seguito illustrato.

 

Criteri di eleggibilità In funzione delle due linee di intervento e annesse categorie progettuali sono beneficiari ammissibili:

·         MPMI (anche innovative);

·         Startup innovative (ad esclusione della Linea di intervento 2b);

·         Grandi Imprese, solo in collaborazione con MPMI. Le sole small-mid caps possono partecipare anche in forma singola sulla categoria 1.a della Linea 1;

·         organismi di ricerca (esclusivamente in collaborazione con le imprese), con requisiti diversi ed entro soglie differenti a seconda delle categorie progettuali applicate (Linea 1: partecipazione in qualità di partner esclusivamente con ruolo istituzionale, entro il limite massimo del 30% del costo totale ammissibile di progetto. Linea 2: partecipazione in qualità di partner con ruolo economico o istituzionale, in questo caso entro il limite massimo del 20% del costo totale ammissibile di progetto);

·         end user piemontesi, solo in forma collaborativa.

Tutti i predetti soggetti dovranno avere sede operativa/produttiva in Piemonte; sarà possibile prevedere l’eventuale partecipazione di soggetti non aventi sede operativa/produttiva in Piemonte, nel limite massimo del 15% rispetto al costo totale di progetto ammissibile ed esclusivamente nel caso in cui la partecipazione sia essenziale per la buona riuscita del progetto in relazione alle particolari competenze e know-how non altrimenti reperibili.

La partecipazione della componente PMI deve risultare pari almeno al 30% del costo complessivo ammissibile della proposta progettuale calcolato sulla quota ammessa dei partner industriali (escludendo quindi la quota riferita agli ODR e/o altri enti non classificabili come impresa).

Con riferimento agli Atenei la partecipazione di più dipartimenti sarà ricondotta al singolo Ateneo di appartenenza.

 

Contributo finanziario

 

Sulla Linea 1 risultano ammissibili le seguenti due categorie progettuali:

– Categoria progettuale 1.a – “Small-mid challenges”, che prevede una dotazione di € 9.600.000 e un contributo massimo concedibile per progetto di € 1.0000.000, per progetti:

·         con un taglio di investimento medio – basso in corrispondenza di sfide od obiettivi /complessità circoscritti, ossia maggiore di € 500.000 nel caso di progettualità in collaborazione, o maggiore di € 300.000 nel caso di progetti presentati in forma singola;

·         presentati da imprese in forma collaborativa o in forma singola e da eventuali organismi di ricerca ed end user (questi ultimi esclusivamente in forma collaborativa) nell’ambito di partenariati numericamente circoscritti (tra 2 e 5 partner);

·          di minore o maggiore prossimità al mercato, nell’ambito di un ampio range di TRL (3-6) in funzione dello specifico progetto;

·         con una durata fino a 24 mesi.

– Categoria progettuale 1. b – “Big-challenges strategiche”, che prevede una dotazione di € 25.800.000 e un contributo massimo concedibile per progetto di € 5.0000.000, per progetti:

·         con un taglio di investimento medio – alto , in corrispondenza di sfide od obiettivi di complessità elevata/di respiro strategico e con potenziali ricadute rilevanti per il territorio, ossia di importo maggiore di € 1.500.000;

·         presentati da imprese ed eventuali organismi di ricerca ed end user esclusivamente in forma collaborativa nell’ambito di partenariati estesi (con un numero di partner comunque non superiore a 10);

·         di minore o maggiore prossimità al mercato, nell’ambito di un ampio range di TRL (3-6) in funzione dello specifico progetto;

·         con una durata fino a 30 mesi.

Sulla Linea 2 risultano ammissibili le seguenti due categorie progettuali:

– Categoria 2.a – Supporto alle attività avanzate di ricerca industriale e sviluppo sperimentale, ingegnerizzazione/industrializzazione, validazione e valorizzazione economica dell’innovazione in forma collaborativa, funzionali alla costruzione e/o al rafforzamento di FILIERE, che prevede una dotazione di € 15.000.000 e un contributo massimo concedibile per progetto di € 3.000.000, per progetti:

·         presentati da imprese ed eventuali organismi di ricerca ed end user esclusivamente in forma collaborativa nell’ambito di partenariati numericamente più o meno estesi (comunque non superiori a 10 partner);

·         con taglio di investimento superiore a € 500.000 nel caso di raggruppamenti di sole PMI e superiore a € 1.000.000 nel caso di raggruppamenti che coinvolgano Grandi Imprese;

·         relativi a tecnologie/soluzioni/prodotti/processi/servizi che, in ingresso, abbiano già conseguito un TRL almeno pari a 5 e che producano documentata evidenza circa l’effettivo possesso di un solido presupposto di R&D in grado di dimostrare la già acquisita validazione dei fondamentali della soluzione (es. un dimostratore tecnologico, un prototipo, un software, etc.);

·         con un piano di valorizzazione a valle definito e che preveda uno sfruttamento e valorizzazione dei risultati che coinvolga tutti i partner del progetto di RSI;

·         con una durata fino a 30 mesi.

– Categoria 2.b – Supporto alle attività avanzate di ricerca industriale e sviluppo sperimentale, ingegnerizzazione/industrializzazione, validazione e valorizzazione economica dell’innovazione funzionali a un piano di valorizzazione dei risultati in forma SINGOLA, che prevede una dotazione di € 9.600.000 e un contributo massimo concedibile per progetto di € 2.000.000, per progetti:

·          presentati una singola PMI e con l’eventuale collaborazione degli organismi di ricerca con solo ruolo istituzionale;

·         con un taglio di investimento a partire da € 300.000;

·         relativi a tecnologie/soluzioni/prodotti/processi/servizi che, in ingresso, abbiano già conseguito un TRL almeno pari a 5 e che producano documentata evidenza circa l’effettivo possesso di un solido presupposto di R&S in grado di dimostrare la già acquisita validazione dei fondamentali della soluzione (es. un dimostratore tecnologico, un prototipo, un software, etc., vedi Categoria 2.a);

·         con una durata fino a 24 mesi.

 

Scadenza

 

31/01/2024 – 12:00
Ulteriori informazioni Bando Swich_0.pdf (regione.piemonte.it)

Servizio offerto da Tiziana Beghin, deputato al Parlamento europeo, membro non iscritto.

Disclaimer: Le opinioni espresse sono di responsabilità esclusiva dell’autore o degli autori e non riflettono necessariamente la posizione ufficiale del Parlamento europeo.

Hai bisogno di qualche informazione?

https://www.tizianabeghin.it/wp-content/uploads/2022/02/logo-320x145.png
© Copyright 2022 - Tiziana Beghin
Contatti
Parlamento europeo • Rue Wiertz 60, 1047 Bruxelles