Sostegno alle azioni di informazione sulla politica agricola comune (IMCAP) IMCAP-2024-INFOME

31 Ottobre 2023
Titolo Sostegno alle azioni di informazione sulla politica agricola comune (IMCAP)

IMCAP-2024-INFOME

 

Support for information measures relating to the common agricultural policy (IMCAP)

IMCAP-2024-INFOME

 

Ente finanziatore Commissione europea

Programma

Misure di informazione per la politica agricola comune (IMCAP)

 

Settore di riferimento Agricoltura
Obiettivi ed impatto attesi L’obiettivo generale del bando è quello di informare i cittadini, agricoltori e non, e di promuovere l’informazione sulla Politica agricola comune (PAC), compresi i Piani strategici nazionali della PAC (cioè la politica e i suoi benefici per i cittadini dell’UE).

Le proposte presentate devono fornire misure di informazione coerenti, obiettive e complete, che raggiungano un numero significativo di cittadini dell’UE e forniscano loro un quadro generale fattuale, accurato e ben documentato dei benefici della PAC per i cittadini, l’agricoltura dell’UE e l’ambiente.

I punti chiave e la messaggistica devono essere pienamente coerenti con l’articolo 46 del regolamento (UE) 2021/2116.

Le misure di informazione e comunicazione su larga scala dovrebbero concentrarsi sulla lotta alle percezioni errate e alla disinformazione sull’agricoltura europea e sulla PAC, utilizzando fatti e dati concreti per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza del sostegno dell’UE all’agricoltura e allo sviluppo rurale attraverso la PAC.

I progetti devono spiegare chiaramente come contribuiranno a sensibilizzare l’opinione pubblica e a migliorare la percezione della PAC tra i cittadini.

Ambito di applicazione:

La PAC svolge un ruolo fondamentale nel sostenere il settore agricolo e le aree rurali dell’UE. Essa mira a garantire un’agricoltura sostenibile dal punto di vista economico, sociale e ambientale. Nell’ambito del Green Deal europeo, la Commissione ha adottato una strategia “Farm to fork”, una strategia per la biodiversità e un piano d’azione per il biologico, che affrontano tutti temi rilevanti per l’agricoltura e le aree rurali.

La strategia Farm to fork consentirà la transizione verso un sistema alimentare dell’UE più sostenibile che salvaguardi la sicurezza alimentare, riduca l’impronta ambientale e climatica del sistema alimentare dell’UE e ne rafforzi la resilienza, proteggendo la salute dei cittadini e garantendo il sostentamento degli operatori economici.

La strategia per la biodiversità, per quanto riguarda l’agricoltura, promuove l’adozione di pratiche agro-ecologiche e cerca di aumentare i terreni agricoli dedicati all’agricoltura biologica. Producendo alimenti di alta qualità a basso impatto ambientale, l’agricoltura biologica svolgerà un ruolo essenziale nello sviluppo di un sistema alimentare sostenibile per l’UE. Il Piano d’azione per lo sviluppo della produzione biologica mira a incrementare la produzione e il consumo di prodotti biologici, a raggiungere il 25% della superficie agricola destinata all’agricoltura biologica entro il 2030 e ad aumentare in modo significativo l’acquacoltura biologica.

La PAC è uno strumento importante per gestire la transizione verso sistemi di produzione alimentare sostenibili e per rafforzare gli sforzi degli agricoltori europei nel contribuire agli obiettivi climatici dell’UE e alla protezione dell’ambiente, oltre che per raggiungere gli obiettivi fissati nel Green Deal europeo.

Attività che possono essere finanziate:

Questo invito si rivolge a misure di informazione e comunicazione rivolte al grande pubblico per informare i cittadini sulla PAC (compresi i piani strategici nazionali della PAC).

Le azioni di informazione devono comprendere una o più attività che raggiungano un numero significativo di cittadini, come ad esempio:

·       produzione e distribuzione/diffusione di materiale cartaceo, multimediale o audiovisivo

·       attività di sensibilizzazione sul web e sui social media che raggiungano un numero significativo di cittadini

·       eventi mediatici

·       conferenze, seminari, workshop che raggiungono un numero significativo di cittadini

·       studi su questioni relative alla PAC (se necessari per sostenere l’attuazione delle misure di informazione).

Le seguenti attività NON sono ammissibili:

·       misure richieste dalla legge

·       assemblee generali o statutarie

·       altre attività in cui le misure di comunicazione e informazione non sono la componente principale.

Nel caso di precedenti campagne cofinanziate, i progetti devono descrivere il loro impatto passato e spiegare in modo chiaro e dettagliato la novità delle attività proposte per questo bando.

Impatto previsto:

I destinatari dei temi sono il pubblico in generale (in particolare i giovani delle aree urbane) e/o gli agricoltori e altri soggetti attivi nelle aree rurali e nel settore agricolo.

Più precisamente:

·       Per i giovani delle aree urbane, i ragazzi delle scuole, gli insegnanti e gli studenti universitari: occorre utilizzare nuovi approcci per coinvolgere i giovani e sensibilizzarli alla nuova PAC e al contributo che essa offre in molti settori, come la sfida del cambiamento climatico, l’alimentazione, il mangiare sano e di qualità come scelta di vita, anche in relazione al programma UE per le scuole per il latte, la frutta e la verdura e all’invito di Tartu.

·       Per gli stakeholder: gli stakeholder dovrebbero essere più consapevoli del contributo che la PAC fornisce a sostegno della sostenibilità sociale, ambientale ed economica dell’agricoltura.

I progetti devono utilizzare indicatori di impatto oggettivi e misurabili per gli obiettivi e le attività proposte, che saranno valutati con una metodologia di valutazione dell’impatto. Tali indicatori devono comprendere, tra l’altro

·       la base di partenza (cioè una descrizione degli attuali livelli di consapevolezza e percezione della PAC tra i destinatari). Questa potrebbe essere basata sui dati speciali dell’Eurobarometro 520 o su altre fonti di dati oggettivi e credibili che definiscono i livelli di consapevolezza e percezione della PAC in un particolare pubblico target.

·       il numero totale di contatti previsti durante le attività di comunicazione e informazione, e

·       l’aumento mirato del numero totale di contatti che riconoscono e/o hanno un’opinione più positiva della PAC a seguito delle attività di informazione e comunicazione (rispetto alla situazione di partenza).

 

Criteri di eleggibilità Per essere ammissibili, i richiedenti (beneficiari ed enti affiliati) devono:

– essere persone giuridiche (enti pubblici o privati);

– essere stabilito in uno dei paesi ammissibili, ossia:

– Stati membri dell’UE (compresi i Paesi e territori d’oltremare (PTOM)). I beneficiari e gli enti affiliati devono iscriversi al Registro dei Partecipanti – prima di presentare la proposta – e dovranno essere convalidati dal Servizio Centrale di Convalida (REA Validation).

Per la convalida, sarà richiesto loro di caricare documenti che dimostrino lo status giuridico e l’origine. Altre entità possono partecipare in altri ruoli del consorzio, come partner associati, subappaltatori, terze parti che forniscono contributi in natura, ecc.

I candidati devono possedere il know-how, le qualifiche e le risorse necessarie per attuare con successo i progetti e contribuire con la loro quota (compresa una sufficiente esperienza in progetti di dimensioni e natura comparabili). Questa capacità sarà valutata insieme al criterio di assegnazione “Qualità”, sulla base della competenza e dell’esperienza dei richiedenti e dei loro team di progetto, comprese le risorse operative (umane, tecniche e di altro tipo) o, eccezionalmente, le misure proposte per ottenerle entro l’inizio dell’attuazione del progetto.

 

 

Composizione del consorzio

Sono ammesse solo le domande di singoli richiedenti (singoli beneficiari; se necessario, sono ammessi anche soggetti affiliati e altri partecipanti).

Durata I progetti devono avere una durata massima di 12 mesi.

Contributo finanziario

 

Il budget disponibile per il bando è stimato a 4 000 000 di euro.

Bilancio del progetto I bilanci dei progetti (importo massimo della sovvenzione) dovrebbero essere compresi tra 125 000 e 500 000 euro per progetto. Ciò non preclude tuttavia la presentazione/selezione di proposte che richiedano importi diversi. La sovvenzione assegnata può essere inferiore all’importo richiesto.

 

I parametri della sovvenzione (importo massimo della sovvenzione, tasso di finanziamento, costi totali ammissibili, ecc.

 

La sovvenzione sarà una sovvenzione mista a costi effettivi basata sul budget (costi effettivi, con elementi di costo unitario e forfettario). Ciò significa che rimborserà SOLO alcuni tipi di costi (costi ammissibili) e i costi effettivamente sostenuti per il progetto (NON i costi preventivati).

I costi saranno rimborsati al tasso di finanziamento fissato nella Convenzione di sovvenzione (60%). Le sovvenzioni NON possono produrre un profitto (cioè un’eccedenza delle entrate + sovvenzione UE rispetto ai costi). Le organizzazioni a scopo di lucro devono dichiarare le loro entrate e, se c’è un profitto, lo dedurremo dall’importo finale della sovvenzione.

 

I candidati devono disporre di risorse stabili e sufficienti per attuare con successo i progetti e contribuire con la loro quota. Le organizzazioni che partecipano a più progetti devono avere una capacità sufficiente per realizzarli tutti. La verifica della capacità finanziaria sarà effettuata sulla base dei documenti che vi sarà richiesto di caricare nel Registro dei partecipanti durante la preparazione della sovvenzione (ad esempio, conto economico e bilancio, piano aziendale, relazione di revisione contabile prodotta da un revisore esterno approvato, che certifichi i conti dell’ultimo esercizio finanziario chiuso, ecc). L’analisi si baserà su indicatori finanziari neutri, ma terrà conto anche di altri aspetti, come la dipendenza dai finanziamenti dell’UE e il deficit e le entrate degli anni precedenti.

 

Scadenza

 

09 gennaio 2024 17:00:00 ora di Bruxelles
Ulteriori informazioni Finanziamenti e gare d’appalto (europa.eu)

Servizio offerto da Tiziana Beghin, deputato al Parlamento europeo, membro non iscritto.
disclaimer:
Le opinioni espresse sono di responsabilità esclusiva dell’autore o degli autori e non riflettono necessariamente la posizione ufficiale del Parlamento europeo.

 

 

Hai bisogno di qualche informazione?

https://www.tizianabeghin.it/wp-content/uploads/2022/02/logo-320x145.png
© Copyright 2022 - Tiziana Beghin
Contatti
Parlamento europeo • Rue Wiertz 60, 1047 Bruxelles