Talenti ERA (AREA DELLA RICERCA EUROPEA)

29 Febbraio 2024
TITOLO Talenti ERA (AREA DELLA RICERCA EUROPEA)

HORIZON-WIDERA-2024-TALENTS-03-01

 

ERA Talents

HORIZON-WIDERA-2024-TALENTS-03-01

 

 

 

 

 

ENTE FINANZIATORE Commissione europea

Programma

Programma quadro Horizon Europe (HORIZON)

 

SETTORE DI RIFERIMENTO Istruzione
OBIETTIVI ED IMPATTO L’azione ERA Talents mira a stimolare l’interoperabilità delle carriere e l’occupabilità dei talenti della ricerca e dell’innovazione in tutti i settori, con un centro di gravità nei Paesi in via di sviluppo.

I progetti devono contribuire ai seguenti risultati:

·         Rafforzamento della base di capitale umano dei Paesi in via di allargamento nella R&I, con ricercatori, innovatori e altri talenti della R&I più intraprendenti e meglio formati;

·         Una circolazione dei talenti più equilibrata, sia geografica che intersettoriale;

·         Potenziamento della capacità di R&I e della capacità di supporto alla R&I, nonché contributo all’aumento dell’eccellenza dell’organizzazione che svolge attività di ricerca nei Paesi in via di espansione;

·         Una collaborazione più strutturata e d’impatto tra università e imprese;

·         Aumento delle capacità e delle competenze di ricerca, imprenditoriali e di altro tipo trasferibili;

·         Miglioramento dell’occupabilità e delle prospettive di carriera sostenibile di talenti diversi in ambito accademico, industriale e non solo.

Ambito di applicazione:

La circolazione intersettoriale dei talenti e la collaborazione tra università e imprese per il trasferimento delle conoscenze richiedono sforzi sistematici e strutturati. Attraverso ERA4You, uno dei risultati dell’Agenda politica del SER, la Commissione europea intende sostenere e incentivare tali trasformazioni, verso una circolazione più equilibrata dei talenti, sia a livello di università che di imprese.[1]la Commissione europea intende sostenere e incentivare tali trasformazioni, verso una circolazione più equilibrata dei talenti, sia a livello transnazionale che intersettoriale. In questo ambito, ERA Talents mira a sostenere la formazione e la mobilità di ricercatori, innovatori e altri talenti della ricerca e dell’innovazione in tutti i settori, con particolare attenzione ai Paesi in via di sviluppo.

Complementare alle cattedre ERA, ai poli di eccellenza, alle borse di studio ERA e agli scambi di personale MSCA, il programma ERA Talents promuove la collaborazione innovativa intersettoriale nella ricerca e nell’innovazione attraverso lo scambio intersettoriale di personale, con particolare attenzione all’allargamento dei Paesi. Le borse di studio assegnate nell’ambito di questo tema devono collaborare tra loro e partecipare a esercizi di apprendimento reciproco.

Mobilità intersettoriale. Le azioni sono invitate a sviluppare attività volte a realizzare uno o più dei seguenti obiettivi della Commissione europea in materia di mobilità intersettoriale. La Commissione europea intende selezionare un portafoglio di azioni complementari, ove possibile.

·         Rafforzare la cooperazione tra università e non università e rafforzare gli ecosistemi dell’innovazione, concentrandosi sulla creazione di legami tra pubblico e privato, sull’incentivazione del coinvolgimento del settore privato, sulle attività per il trasferimento del know-how dei ricercatori alle imprese o ai settori pubblico e sociale, nonché sulle attività che favoriscono un più stretto coinvolgimento del personale del settore imprenditoriale nella formazione del personale accademico. Includere gli innovatori sociali, coerentemente con il titolo di questo punto e con il resto della descrizione del bando.

·         Migliorare la formazione e l’apprendimento permanente per i ricercatori, gli innovatori e altri talenti della ricerca e dell’innovazione, caratterizzati da opportunità di aggiornamento e sviluppo di competenze interdisciplinari. In particolare, (i) la formazione per competenze specifiche richieste dall’industria o da altri settori non accademici in aree tematiche specifiche, come Missioni e partenariati, l’ecologizzazione della società, per migliorare l’occupabilità e l’interoperabilità, e (ii) la formazione per costruire capacità di supporto alla R&I (“altri talenti della ricerca e dell’innovazione”), come intermediari della conoscenza, amministratori di dati, gestori della ricerca, operatori di infrastrutture di ricerca, responsabili della valorizzazione della conoscenza, ecc;

·         Rafforzare l’imprenditorialità dei ricercatori, concentrandosi sullo sviluppo di competenze imprenditoriali (ad esempio, economia aziendale, creazione di imprese, valorizzazione delle conoscenze, diritti di proprietà intellettuale e altri quadri giuridici pertinenti) per i ricercatori e formazione e sostegno alla commercializzazione o ad altre forme di valorizzazione per i ricercatori, attraverso attività preparatorie all’imprenditorialità e sostegno alla creazione di start-up di ricercatori.

Organizzazioni partecipanti. Le azioni ERA Talents devono coinvolgere organizzazioni del settore accademico e non accademico. I partner del consorzio contribuiscono direttamente all’attuazione di una metodologia di formazione e mobilità congiunta distaccando e/o ospitando i membri del personale ammissibili. L’approccio collaborativo di ERA Talents deve sfruttare le competenze complementari delle organizzazioni partecipanti e creare sinergie tra di esse.

Personale distaccato. Viene fornito un sostegno alla mobilità intersettoriale del personale di R&I che porta alla valorizzazione delle conoscenze e a una maggiore occupabilità tra le organizzazioni partecipanti. I costi che i beneficiari devono sostenere devono essere principalmente legati al personale distaccato sotto forma di stipendi, formazione, viaggi e pacchetti di soggiorno. La metodologia di formazione e mobilità congiunta presentata dal consorzio richiedente deve includere un approccio per identificare un pubblico eterogeneo di talenti della ricerca e dell’innovazione che si impegnano nell’azione, delineata nella domanda. I talenti ERA devono avere un periodo di distacco all’interno di una (o più) delle organizzazioni partecipanti. I membri del personale sostenuti devono essere attivamente impegnati o legati ad attività di R&I o di supporto alla R&I per almeno 6 mesi (equivalenti a tempo pieno) presso l’istituzione di provenienza prima del primo periodo di distacco.

Le proposte devono fornire una stima del numero di “talenti del SER” a cui l’azione offrirà un’opportunità di mobilità. I distacchi sono aperti a ricercatori, innovatori e altri talenti della ricerca e dell’innovazione, come il personale amministrativo, manageriale e tecnico che sostiene le attività di R&I nelle loro organizzazioni, in qualsiasi fase della carriera. Per gli innovatori e gli altri talenti della R&I, l’accento dovrebbe essere posto sul personale all’inizio della carriera (ad esempio, broker della conoscenza iniziale, manager della ricerca, operatori di infrastrutture, ecc.) Il consorzio deve dimostrare i chiari vantaggi della metodologia di distacco proposta per i Paesi in fase di allargamento, ad esempio assegnando almeno il 70% del budget a partecipanti provenienti da Paesi in fase di allargamento.

Ritorno e reintegrazione. Per ogni distacco transfrontaliero da un Paese Widening deve essere prevista una fase di rientro obbligatoria, preferibilmente almeno pari alla durata del distacco. Il sostegno, esclusi gli stipendi, per tale fase di rientro è consentito per un massimo di 12 mesi dopo il primo distacco, entro la durata della sovvenzione. La fase di rientro non è obbligatoria per la mobilità all’interno dello stesso Paese o per il distacco da un Paese non Widening a un Paese Widening.

Rafforzamento delle carriere e della collaborazione. Per i membri del personale partecipanti, il progetto dovrebbe offrire nuove prospettive di acquisizione di competenze e di sviluppo della carriera. Le organizzazioni partecipanti devono garantire che il personale distaccato (talenti del SER) sia adeguatamente assistito. Sarà data preferenza alle azioni che propongono meccanismi di distacco che offrono prospettive di carriera migliori e più sostenibili ai talenti SER (ad esempio, con una posizione di follow-up presso l’organizzazione di invio dopo la durata del distacco), massimizzando così l’impatto dell’azione per la condivisione delle conoscenze e la collaborazione a lungo termine. Un’attenzione specifica dovrebbe essere rivolta agli obiettivi di parità di genere, in linea con gli impegni assunti dalle organizzazioni attraverso i loro piani di parità di genere e in linea con gli obiettivi del SER, per quanto appropriato.

Gli scambi dovrebbero avvenire principalmente tra enti del settore accademico e non accademico (o viceversa) di diversi Stati membri dell’UE e Paesi associati a Horizon Europe. Sono possibili anche scambi tra gli stessi Paesi, a condizione che servano allo scopo specifico di mantenere o rafforzare gli ecosistemi regionali dell’innovazione.

Le sovvenzioni devono avere una durata prevista fino a 4 anni.

 

CRITERI DI ELEGGIBILITÀ

 

 

Organizzazioni partecipanti:

Le domande devono essere presentate da un consorzio che comprenda almeno tre soggetti giuridici indipendenti con sede in tre diversi Stati membri dell’UE o Paesi associati, di cui almeno due con sede in un diverso Paese allargato.

La partecipazione come coordinatori al bando è limitata alle persone giuridiche con sede nei Paesi Widening, come definito nel regolamento di Horizon Europe.

 

Le organizzazioni partecipanti devono includere partecipanti provenienti dal settore accademico e non accademico e possono includere organizzazioni ombrello o associazioni nazionali/regionali. Distacchi: I distacchi devono essere effettuati tra settori diversi (da quello accademico a quello non accademico o viceversa) e devono tutti includere una dimensione di ampliamento.

 

I distacchi e le fasi di ritorno oltre la durata del progetto non possono essere finanziati. I distacchi possono avvenire solo tra soggetti giuridici indipendenti l’uno dall’altro.

I distacchi devono avere una durata compresa tra i 3 e i 24 mesi per lo stesso membro del personale (indipendentemente dal numero di organizzazioni presso cui il personale è distaccato). Il distacco di un membro del personale può essere suddiviso in più soggiorni presso uno o più beneficiari.

CONTRIBUTO FINANZIARIO

 

 

Contributo UE previsto per La Commissione stima che un contributo UE compreso tra 1 e 3 milioni di euro consentirebbe di affrontare adeguatamente questi risultati.

Tuttavia, ciò non preclude la presentazione e la selezione di una proposta che richieda importi diversi.

Bilancio indicativo Il bilancio indicativo totale per il tema è di 40,00 milioni di euro. Tipo di azione Azioni di coordinamento e sostegno

 

I costi ammissibili assumeranno la forma di un importo forfettario come definito nella decisione del 7 luglio 2021 che autorizza l’uso di contributi forfettari nell’ambito del programma Horizon Europe.

SCADENZA

 

26 settembre 2024 17:00:00 ora di Bruxelles
ULTERIORI INFORMAZIONI wp-11-widening-participation-and-strengthening-the-european-research-area_horizon-2023-2024_en.pdf (europa.eu)

Servizio offerto da Tiziana Beghin, deputato al Parlamento europeo, membro non iscritto.

Disclaimer: Le opinioni espresse sono di responsabilità esclusiva dell’autore o degli autori e non riflettono necessariamente la posizione ufficiale del Parlamento europeo

Hai bisogno di qualche informazione?

https://www.tizianabeghin.it/wp-content/uploads/2022/02/logo-320x145.png
© Copyright 2022 - Tiziana Beghin
Contatti
Parlamento europeo • Rue Wiertz 60, 1047 Bruxelles