Testare e dimostrare soluzioni trasformative che aumentino la resilienza climatica del settore agricolo e/o forestale.

15 Marzo 2023
Titolo Testing and demonstrating transformative solutions increasing climate resilience of the agriculture and/or forestry sector.

Testare e dimostrare soluzioni trasformative che aumentino la resilienza climatica del settore agricolo e/o forestale.

TOPIC ID: HORIZON-MISS-2023-CLIMA-01-01

Ente finanziatore Commissione europea

Programma Horizon Europe

Settore di riferimento Ambiente
Obiettivi ed impatto attesi Questo tema si riferisce agli obiettivi della Missione di mobilitare almeno 150 regioni nella sperimentazione delle soluzioni localmente più necessarie per costruire la resilienza climatica e di fornire almeno 75 dimostrazioni approfondite di trasformazioni sistemiche verso la resilienza climatica.

 

La proposta deve sviluppare e testare almeno una soluzione innovativa, che combini innovazione tecnologica, sociale e aziendale, e che porti a un aumento della capacità di resilienza e di adattamento ai cambiamenti climatici nelle regioni e nelle comunità coinvolte del settore agricolo e delle relative catene del valore. Le bio based solution e il ripristino dei terreni coltivati e dei pascoli dovrebbero essere considerati prioritari e al centro dello sviluppo, quando possibile.

 

La soluzione proposta dovrebbe affrontare almeno alcuni dei seguenti aspetti:

 

·      Migliorare la resilienza del settore agricolo e/o forestale, migliorare la capacità del settore di resistere a periodi di siccità e siccità estrema, proteggendo al contempo i flussi ecologici, preservare la biodiversità all’interno e intorno ai canali dei bacini idrografici, preservare la connettività longitudinale dei corsi d’acqua, rallentare la caduta del livello della falda freatica e invertire la perdita di biodiversità. Ciò dovrebbe includere, ad esempio, l’esplorazione del valore della rotazione delle colture e di altri mezzi per migliorare la qualità del suolo, il miglioramento della struttura del suolo attraverso approcci circolari, la creazione e il mantenimento di elementi paesaggistici (come le siepi che riducono l’erosione eolica), il silvo-pascolo innovativo, la gestione delle risorse genetiche in una prospettiva agro-ecologica e altri approcci agro-ecologici nei terreni agricoli, in particolare in relazione alla siccità e al multi-uso e alla gestione dell’acqua;

·      Sfruttare l’agroecologia come approccio per migliorare la resilienza climatica del sistema agricolo, la sua funzionalità e sostenibilità, apportando soluzioni sostenibili e benefici multipli, come rese più stabili da colture alimentari adattate, efficienza idrica, miglioramento dei mezzi di sussistenza degli agricoltori grazie alla generazione di reddito, aumento della biodiversità, miglioramento della qualità dell’acqua e dell’efficienza dell’uso dell’acqua, stato ecologico delle acque, miglioramento della struttura e della salute del suolo, riduzione dell’erosione e/o un livello più elevato di sequestro del carbonio.

·      Esplorare l’integrazione degli approcci agricoli intelligenti disponibili (e il miglioramento degli stessi sulla base di dati aggiornati) e l’uso di tecnologie come l’intelligenza artificiale, il telerilevamento e l’Internet degli oggetti (IoT) per migliorare la resilienza al clima attraverso la modifica e il miglioramento dei processi di protezione dei nutrienti e delle colture, come la fertilizzazione, il controllo dei parassiti e l’irrigazione, per garantire una resa sufficiente delle colture sia in termini di qualità che di quantità, riducendo al contempo le emissioni, il consumo di acqua e preservando la biodiversità.

·      Sviluppo di ecosistemi più naturali, che generino benefici combinati per la mitigazione del clima, la riduzione delle inondazioni e dell’erosione del suolo (aumentando le infrastrutture verdi, la piantumazione di alberi o l’incremento delle superfici verdi permeabili) e il mantenimento o il ripristino di fiumi, torbiere, zone umide e golene naturali.

·      Dimostrare ulteriormente e aumentare la consapevolezza del valore del mantenimento e del ripristino dei sistemi naturali esistenti, della conservazione dei paesaggi culturali e dei sistemi socio-ecologici in quanto forniscono un ricco spettro di servizi climatici rispetto ad altre soluzioni antropogeniche, compresa l’integrazione di considerazioni sul patrimonio culturale come eredità del passato, da vivere nel presente e da trasmettere alle generazioni future. In linea con il Piano di attuazione della Missione e con la nuova Strategia di adattamento al clima dell’UE, l’implementazione di soluzioni basate sulla natura con adeguati standard sociali e ambientali su scala più ampia aumenterebbe la resilienza climatica. Le infrastrutture blu-verdi (in contrapposizione a quelle grigie) rappresentano soluzioni multifunzionali e “senza rimpianti”, che forniscono contemporaneamente benefici ambientali, sociali ed economici e contribuiscono a costruire la resilienza climatica, la cui adozione può essere facilitata da una migliore quantificazione e comunicazione dei loro benefici. È stato riconosciuto il ruolo essenziale delle soluzioni basate sulla natura (NBS) per il mantenimento di acque, oceani e suoli sani, nonché il loro potenziale di riduzione dei costi, di fornitura di servizi resistenti al clima e di miglioramento della conformità ai requisiti della Direttiva quadro sulle acque per un buono stato ecologico, se dovessero svolgere un ruolo maggiore nella gestione del territorio e nella pianificazione delle infrastrutture. Anche la prossima legge sul ripristino della natura avrà un ruolo importante nel richiedere agli Stati membri di pianificare attività di ripristino in una serie di ecosistemi.

 

 

Poiché gli impatti climatici, le capacità di adattamento e di riduzione del rischio di catastrofi differiscono notevolmente da una regione all’altra, lo sviluppo e l’innovazione proposti dovrebbero rispondere alle esigenze specifiche individuate su scala regionale e locale (sia nell’interfaccia rurale e urbano-rurale che, eventualmente, nel contesto urbano) con risposte e misure su misura, riconoscendo pienamente la governance basata sul luogo, le caratteristiche socio-economiche e identitarie e altri dati basati sul luogo.

 

In linea con l’obiettivo della Missione di costruire una resilienza climatica sistemica, la proposta deve affrontare i molteplici rischi identificati localmente, progettare e implementare una soluzione sistemica per ridurre le vulnerabilità identificate del settore agricolo e/o forestale ai cambiamenti climatici e per mitigarne i potenziali impatti negativi.

 

Nell’ambito dell’approccio della Missione, sono altamente incoraggiate le collaborazioni per sviluppare e testare soluzioni efficaci tra regioni/autorità locali/comunità che affrontano sfide simili. A tal fine, le proposte devono includere almeno 4 dimostrazioni che si svolgano in regioni/autorità locali/comunità diverse, che devono collaborare nell’affrontare le sfide comuni del cambiamento climatico individuate e nel testare le soluzioni più adatte. Queste almeno 4 dimostrazioni devono essere situate in almeno 3 diversi Stati membri dell’UE e/o paesi associati a Horizon Europe. Il coinvolgimento nella proposta di regioni ammissibili ai fondi di coesione per condurre almeno una delle dimostrazioni proposte sarà considerato un elemento positivo.

 

Le proposte devono identificare chiaramente l’area biogeografica per la quale la soluzione proposta è rilevante e sulla quale si concentra la proposta. Inoltre, la proposta deve esplorare la possibilità di riapplicazione ad altre regioni, a partire da quelle situate nelle stesse aree biogeografiche.

 

Per sostenere un ampio impatto, le soluzioni proposte dovrebbero essere ampiamente riapplicabili. A tal fine, è fortemente incoraggiata l’identificazione e l’inclusione di almeno tre regioni/autorità locali/comunità “replicanti”, interessate a riapplicare le lezioni apprese (totalmente, parzialmente o con i necessari aggiustamenti) nei loro territori; ciò potrebbe assumere la forma dell’inclusione nel consorzio di uno o più partner che forniscano supporto per gli scambi tecnici e l’assorbimento delle conoscenze nelle regioni “replicanti”.

 

 

 

I risultati dei progetti dovrebbero contribuire a tutti i seguenti risultati attesi:

 

·      Le regioni e le comunità hanno intrapreso azioni che hanno trasformato in progetti tangibili le loro roadmap progettate con l’obiettivo di promuovere un approccio sistemico alla resilienza climatica nei confronti dei diversi e molteplici rischi identificati localmente come rilevanti, con particolare enfasi sullo sviluppo di soluzioni basate sulla natura, sulle sinergie tra biodiversità e mitigazione del clima e sul ripristino degli ecosistemi.

·      Le regioni e le comunità hanno assunto la leadership e sono state coinvolte nello sviluppo e nella sperimentazione di soluzioni in grado di trasformare i settori agricolo e forestale, rendendoli più resilienti ai cambiamenti climatici previsti, compiendo al contempo progressi nella trasformazione sostenibile richiesta dall’attuazione del Green Deal europeo.

·      Le soluzioni contribuiscono all’attuazione a livello locale della Politica Agricola Comune e dei relativi Piani Strategici Nazionali, e sono in linea con le misure previste per la gestione della siccità e con i piani di gestione dei bacini fluviali, ove esistenti.

·      Le soluzioni sviluppate sono vicine alla natura, sono almeno neutrali o sostengono la biodiversità, migliorano o almeno non danneggiano la qualità e la disponibilità dell’acqua (ritenzione nel paesaggio), rendendo il settore agricolo/forestale e la natura in generale più resilienti ai cambiamenti climatici e sostenendo l’attuazione della Strategia dell’UE sulla biodiversità per il 2030.

·      Sono state sviluppate, testate e avvicinate al mercato soluzioni che rendono i modelli di business agricoli e/o forestali più resilienti agli effetti a lungo termine del cambiamento climatico.

·      Le potenziali perdite economiche, sociali e ambientali causate da eventi meteorologici estremi per i settori agricolo, forestale e altri settori correlati vengono ridotte, rendendoli più resilienti grazie a una migliore preparazione.

·      Vengono sperimentate misure di accompagnamento per le condizioni abilitanti, che potrebbero incrementare i risultati, come gli strumenti di sostegno per i servizi ambientali, l’uso del monitoraggio digitale, l’accesso ai dati e alle conoscenze pertinenti, l’agevolazione dei finanziamenti e la mobilitazione delle risorse.

·      L’agricoltura e le altre attività connesse, in particolare quelle che riguardano il nesso cibo-acqua, sono meglio preparate ad affrontare i cambiamenti climatici, anche attraverso programmi di formazione, aggiornamento e riqualificazione mirati all’adattamento climatico.

·      Le soluzioni disponibili o emergenti per la resilienza al clima, particolarmente rilevanti per le piccole aziende agricole, le aziende biologiche o in fase di conversione o qualsiasi tipo di azienda agricola che cerca un’alternativa all’agricoltura intensiva, sono rese note e disponibili alle regioni e alle comunità, contribuendo all’attuazione della strategia Farm to Fork.

Criteri di eleggibilità Per essere ammissibili, i richiedenti (beneficiari ed enti affiliati) devono:

-essere soggetti giuridici (enti pubblici o privati) avere sede in uno dei Paesi ammissibili, ovvero Stati membri dell’UE (compresi i Paesi e territori d’oltremare (PTOM)) Paesi non UE:

– Paesi SEE elencati e Paesi associati o Paesi che hanno in corso negoziati per un accordo di associazione e in cui l’accordo entra in vigore prima della firma della sovvenzione (elenco dei Paesi partecipanti)

– Paesi in via di adesione,

I beneficiari e gli enti affiliati devono iscriversi al Registro dei partecipanti – prima di presentare la proposta – e dovranno essere convalidati dal Servizio centrale di convalida (REA Validation). Per la convalida, sarà loro richiesto di caricare documenti che dimostrino lo status giuridico e l’origine.

 

Si applicano le seguenti eccezioni:

Oltre alle condizioni di ammissibilità standard, le proposte devono includere attività dimostrative da svolgere in 4 diverse regioni/autorità locali/comunità situate in 3 diversi Stati membri/Paesi associati, coinvolgendo e includendo nel consorzio partner di questi tre Paesi.

Si prevede che le attività di livello di preparazione tecnologica raggiungano un TRL da 6 a 8 entro la fine del progetto – si veda l’Allegato generale B

 

Procedura La procedura è descritta nell’Allegato generale F.

Si applicano le seguenti eccezioni: I seal of excellence  saranno assegnati alle domande che superano tutte le soglie di valutazione stabilite nel presente programma di lavoro, ma che non possono essere finanziate a causa della mancanza di budget disponibile per l’invito.

 

Procedura di valutazione e aggiudicazione

Le proposte che raggiungono le soglie per ciascun criterio di valutazione saranno classificate in base al punteggio complessivo. In seguito alla graduatoria generale, saranno selezionate per prime le proposte più votate per ciascuna area biogeografica, fino a quando il budget lo consentirà.

Nel caso in cui il budget fosse sufficiente, verranno selezionate le seconde proposte classificate per ogni area biogeografica, dopo la classifica generale, e così via, fino a quando il budget sarà disponibile. L’area biogeografica di riferimento di ogni proposta deve essere specificata nella sezione delle parole chiave libere della proposta.

Contributo finanziario

 

Contributo UE previsto per progetto La Commissione ritiene che un contributo UE compreso tra 8 e 10 milioni di euro consentirebbe di affrontare adeguatamente questi risultati. Tuttavia, ciò non preclude la presentazione e la selezione di una proposta che richieda importi diversi. Budget indicativo Il budget totale indicativo per il tema è di 30,00 milioni di euro. Tipo di azione Azioni di innovazione
Scadenza

 

20 Settembre 2023 17:00:00 CET
Ulteriori informazioni wp-12-missions_horizon-2023-2024_en.pdf (europa.eu)

pag. 12

Servizio offerto da Tiziana Beghin, deputato al Parlamento europeo, membro non iscritto.
disclaimer:
Le opinioni espresse sono di responsabilità esclusiva dell’autore o degli autori e non riflettono necessariamente la posizione ufficiale del Parlamento europeo.

Hai bisogno di qualche informazione?

https://www.tizianabeghin.it/wp-content/uploads/2022/02/logo-320x145.png
© Copyright 2022 - Tiziana Beghin
Contatti
Parlamento europeo • Rue Wiertz 60, 1047 Bruxelles