Università europee – Comunità di pratica

15 Ottobre 2023
Titolo Università europee – Comunità di pratica

ERASMUS-EDU-2024-EUR-UNIV-2

 

European Universities – Community of practice

ERASMUS-EDU-2024-EUR-UNIV-2

 

Ente finanziatore Commissione europea

Programma Erasmus Plus

 

Settore di riferimento Istruzione e formazione
Obiettivi ed impatto attesi L’obiettivo di una comunità di pratica (CoP) per le alleanze universitarie europee è quello di creare un ambiente collaborativo e di supporto in cui le alleanze universitarie europee possano riunirsi per condividere buone pratiche ed esperienze all’interno della comunità delle alleanze universitarie europee, nonché a beneficio del più ampio settore dell’istruzione superiore. Più concretamente, la Comunità di pratica intende sostenere una più stretta cooperazione tra le alleanze, facilitando l’apprendimento, la collaborazione e la diffusione dei risultati tra le alleanze di università europee e al di fuori di esse, al fine di raggiungere obiettivi comuni e migliorare le conoscenze, le competenze e l’efficacia delle alleanze, a beneficio del più ampio settore dell’istruzione superiore. Gli obiettivi specifici sono:

– Sostenere una più stretta cooperazione tra le alleanze:

Condivisione delle conoscenze e apprendimento: Facilitare lo scambio di conoscenze, buone pratiche ed esperienze tra le alleanze di università europee, promuovendo l’apprendimento continuo e il miglioramento all’interno della comunità.

Sviluppo delle competenze: Fornire alle alleanze l’opportunità di migliorare le proprie competenze in aree correlate al focus delle Università europee, favorendo la crescita professionale.

Networking e collaborazione: Stabilire connessioni e promuovere la collaborazione tra alleanze con interessi simili, incoraggiando sinergie, hub, ecc.

➢ Innovazione e problem solving: Promuovere la creatività e l’innovazione incoraggiando i membri ad affrontare collettivamente le sfide comuni, a proporre soluzioni, coinvolgendo la Commissione e gli Stati membri, se necessario, e a esplorare nuovi approcci, sulla base dell’esperienza delle alleanze tra università europee.

– Promuovere e sostenere la diffusione dei risultati non solo tra le alleanze, ma anche nel più ampio settore dell’istruzione superiore e migliorare la trasferibilità dei risultati e la loro adozione da parte degli utenti finali interessati.

➢ Gestione della conoscenza: costruire conoscenze, risorse e competenze condivise che possano essere accessibili e utilizzate dalle alleanze di università europee e dal più ampio settore dell’istruzione superiore per portare la cooperazione transnazionale nell’istruzione superiore in Europa a un livello superiore.

I candidati possono presentare una proposta finalizzata alla creazione di una comunità di pratica per le alleanze universitarie europee, che contribuirà a creare sinergie e a condividere le migliori pratiche ed esperienze all’interno della comunità, a beneficio anche del più ampio settore dell’istruzione superiore. Questa azione: a) garantirà una più stretta collaborazione tra l’alleanza delle università europee, esistente e futura, e altri modelli di cooperazione istituzionalizzati di lunga data.

b) promuovere e sostenere la diffusione dei risultati tra le alleanze e nel più ampio settore dell’istruzione superiore, nonché migliorare la trasferibilità e l’adozione dei risultati da parte degli utenti finali interessati.

Criteri di eleggibilità  

 

 

Per essere ammissibili, i richiedenti (beneficiari ed enti affiliati) devono:

– Essere persone giuridiche (enti pubblici o privati).

– Essere stabiliti in uno dei paesi ammissibili, vale a dire:

– Stati membri dell’UE (compresi i Paesi e territori d’oltremare (PTOM)).

– Paesi non UE: paesi terzi associati al programma Erasmus+ (compresi i paesi SEE), paesi che hanno in corso negoziati per un accordo di associazione al programma Erasmus+ e in cui tale accordo entra in vigore prima della firma della sovvenzione (elenco dei paesi partecipanti) e .

– Paesi non UE: Balcani occidentali Paesi terzi non associati al programma .

I candidati (potenziali beneficiari) devono essere:

– Istituti di istruzione superiore in possesso di una Carta Erasmus per l’istruzione superiore (ECHE) valida e qualsiasi entità ad essi affiliata.

– Qualsiasi altra organizzazione composta dai suddetti istituti di istruzione superiore

– specificamente istituiti allo scopo di attuare una profonda cooperazione istituzionale transnazionale, comprese le attività educative congiunte

 

I beneficiari e gli enti affiliati devono iscriversi al Registro dei Partecipanti – prima di presentare la proposta – e dovranno essere convalidati dal Servizio Centrale di Convalida (REA Validation).

Per la convalida, sarà richiesto loro di caricare documenti che dimostrino lo status giuridico e l’origine. Altre entità possono partecipare in altri ruoli del consorzio, come partner associati, subappaltatori, terze parti che forniscono contributi in natura, ecc.

 

I partner associati NON ricevono finanziamenti UE nell’ambito di questa sovvenzione, ma il loro coinvolgimento e il loro ruolo nelle diverse attività devono essere chiaramente descritti nella proposta. I partner associati possono essere:

– Qualsiasi istituto di istruzione superiore con sede in uno Stato membro dell’UE o in un Paese terzo associato al programma in possesso di una Carta Erasmus ECHE valida per l’istruzione superiore.

– Qualsiasi organizzazione pubblica/privata di uno Stato membro dell’UE, di un Paese terzo associato al programma o dei Balcani occidentali non associato al programma, attiva nel campo dell’istruzione e della formazione, della ricerca e dell’innovazione o nel mondo del lavoro.

– Qualsiasi istituto di istruzione superiore con sede in un Paese terzo non associato al programma che fa parte dello Spazio europeo dell’istruzione superiore (Processo di Bologna) o nei Balcani occidentali non associato al programma.

 

 

Composizione del consorzio

 

Per essere ammissibili, i richiedenti (beneficiari ed enti affiliati) devono:

– Essere persone giuridiche (enti pubblici o privati).

– Essere stabiliti in uno dei paesi ammissibili, vale a dire:

– Stati membri dell’UE (compresi i Paesi e territori d’oltremare (PTOM)).

– Paesi non UE: paesi terzi associati al Programma Erasmus+ (compresi i paesi SEE), paesi che hanno in corso negoziati per un accordo di associazione al Programma Erasmus+ e in cui tale accordo entra in vigore prima della firma della sovvenzione (elenco dei paesi partecipanti) e .

– Paesi non UE: Balcani occidentali Paesi terzi non associati al programma .

I candidati (potenziali beneficiari) devono essere:

– Istituti di istruzione superiore in possesso di una Carta Erasmus per l’istruzione superiore (ECHE) valida e qualsiasi entità ad essi affiliata.

– Qualsiasi altra organizzazione composta dai suddetti istituti di istruzione superiore

– specificamente istituiti con lo scopo di attuare una profonda cooperazione istituzionale transnazionale, comprese le attività educative congiunte

 

I beneficiari e gli enti affiliati devono iscriversi al Registro dei Partecipanti – prima di presentare la proposta – e dovranno essere convalidati dal Servizio Centrale di Convalida (REA Validation).

Per la convalida, sarà richiesto loro di caricare documenti che dimostrino lo status giuridico e l’origine. Altre entità possono partecipare in altri ruoli del consorzio, come partner associati, subappaltatori, terze parti che forniscono contributi in natura, ecc.

 

I partner associati NON ricevono finanziamenti UE nell’ambito di questa sovvenzione, ma il loro coinvolgimento e il loro ruolo nelle diverse attività devono essere chiaramente descritti nella proposta. I partner associati possono essere:

– Qualsiasi istituto di istruzione superiore con sede in uno Stato membro dell’UE o in un Paese terzo associato al programma in possesso di una Carta Erasmus ECHE valida per l’istruzione superiore.

– Qualsiasi organizzazione pubblica/privata di uno Stato membro dell’UE, di un Paese terzo associato al programma o dei Balcani occidentali non associato al programma, attiva nel campo dell’istruzione e della formazione, della ricerca e dell’innovazione o nel mondo del lavoro.

– Qualsiasi istituto di istruzione superiore con sede in un Paese terzo non associato al programma che fa parte dello Spazio europeo dell’istruzione superiore (Processo di Bologna) o nei Balcani occidentali non associato al programma.

 

 

Composizione del consorzio

 

Le proposte devono essere presentate da un consorzio di almeno 3 candidati (beneficiari non enti affiliati), che soddisfino le seguenti condizioni: – minimo 3 istituti di istruzione superiore ammissibili da 3 diversi Paesi ammissibili.

 

I progetti devono di norma durare 48 mesi (sono possibili proroghe, se debitamente giustificate e attraverso un emendamento).

Le proposte devono essere presentate da un consorzio di almeno 3 candidati (i progetti devono di norma avere una durata di 48 mesi (sono possibili proroghe, se debitamente giustificate e attraverso un emendamento).

 

 

Contributo finanziario

 

 

 

Bilancio totale Comunità di pratica 1,5 milioni di euro

Numero totale stimato di progetti UE indicativo

Sovvenzione 1 1,50 milioni di euro La sovvenzione concessa può essere inferiore all’importo richiesto.

La sovvenzione sarà di tipo forfettario25 . Ciò significa che rimborserà un importo fisso, basato su una somma forfettaria o su un finanziamento non legato ai costi. L’importo sarà fissato dall’autorità concedente sulla base del budget stimato del progetto e di un tasso di finanziamento dell’80%.

Scadenza

 

06 febbraio 2024 17:00:00 ora di Bruxelles
Ulteriori informazioni call-fiche_erasmus-edu-2024-eur-univ_en.pdf (europa.eu)

 

Servizio offerto da Tiziana Beghin, deputato al Parlamento europeo, membro non iscritto.

Disclaimer: Le opinioni espresse sono di responsabilità esclusiva dell’autore o degli autori e non riflettono necessariamente la posizione ufficiale del Parlamento europeo.

Hai bisogno di qualche informazione?

https://www.tizianabeghin.it/wp-content/uploads/2022/02/logo-320x145.png
© Copyright 2022 - Tiziana Beghin
Contatti
Parlamento europeo • Rue Wiertz 60, 1047 Bruxelles