Università europee – Sviluppo di una profonda cooperazione istituzionale transnazionale

15 Ottobre 2023
Titolo Università europee – Sviluppo di una profonda cooperazione istituzionale transnazionale

ERASMUS-EDU-2024-EUR-UNIV-1

 

European Universities – Development of deep institutional transnational cooperation

ERASMUS-EDU-2024-EUR-UNIV-1

 

Ente finanziatore Commissione europea

Programma Erasmus Plus

Settore di riferimento Istruzione e formazione
Obiettivi ed impatto attesi L’iniziativa Università europee è fondamentale per realizzare l’ambiziosa visione di uno Spazio europeo dell’istruzione innovativo, competitivo a livello globale e attraente entro il 2025, in piena sinergia con lo Spazio europeo della ricerca e lo Spazio europeo dell’istruzione superiore, trasformando la cooperazione istituzionale tra gli istituti di istruzione superiore e portandola al livello successivo. Il progetto mobilita tutte e quattro le missioni degli istituti di istruzione superiore: istruzione, ricerca e innovazione e servizio alla società. Verranno testati diversi modelli innovativi e strutturali per l’attuazione e il raggiungimento di una cooperazione sistemica, strutturale e sostenibile, nel pieno rispetto della diversità del paesaggio dell’istruzione superiore. Serviranno da ispirazione per il più ampio settore dell’istruzione superiore.

 

In “Università europee”, il termine “università” va inteso nel senso più ampio del termine, includendo tutti i tipi di istituti di istruzione superiore. Cosa sono le Università europee? Le Università europee sono alleanze transnazionali altamente ambiziose di istituti di istruzione superiore che sviluppano una cooperazione istituzionale strutturale e strategica a lungo termine, basata su valori comuni e principi concordati, con l’obiettivo di raggiungere la sostenibilità della loro cooperazione. L’iniziativa delle Università europee risponde a una visione a lungo termine che ha il potenziale per trasformare la cooperazione istituzionale tra gli istituti di istruzione superiore e portarla a un livello superiore. In questo contesto, l’iniziativa “Università europee” raggiungerà gli obiettivi sopra descritti attuando gradualmente i seguenti obiettivi specifici:

 

❖ Sviluppare e attuare una strategia congiunta integrata a lungo termine5 per l’istruzione con, ove possibile, collegamenti con la ricerca e l’innovazione e con il servizio alla società, che sia in grado di rispondere alla transizione digitale e verde e alle principali sfide socioeconomiche, pur rimanendo impegnata nell’eccellenza:

→ Sulla base di una visione comune e di valori condivisi, per perseguire un alto livello di cooperazione istituzionale sistemica, strutturale e sostenibile a tutti i livelli delle istituzioni coinvolte, in tutte le loro missioni e nelle diverse aree di attività, facendo leva sui loro punti di forza complementari.

→ Sostenuto dalla progettazione e dall’implementazione di strutture di gestione e governance congiunte pertinenti ed efficienti6 . Gli studenti e il personale a tutti i livelli delle organizzazioni partecipanti sono autorizzati ad assumere un ruolo attivo nelle strutture di governance dell’alleanza, dove si riflette la diversità dei corpi studenteschi e del personale.

→ Costruire su un pool condiviso di risorse (finanziarie, umane, digitali e fisiche, intellettuali e amministrative, infrastrutture, dati e servizi) per garantire capacità e competenze comuni, raggiungere la massa critica e facilitare l’accesso a un’istruzione inclusiva e di alta qualità. Se opportuno, sperimentare o implementare pienamente uno status giuridico comune per l’alleanza, per facilitare la messa in comune di risorse e attività per raggiungere livelli di eccellenza più elevati, agendo con una personalità giuridica.

 

❖ Istituire un “campus” interuniversitario europeo per l’istruzione superiore in cui:

→ Studenti, dottorandi e personale beneficiano di opportunità di mobilità senza soluzione di continuità (fisica, mobilità mista o apprendimento virtuale) per studiare, formarsi, insegnare, fare ricerca, lavorare o condividere servizi in una qualsiasi delle istituzioni partner. La mobilità integrata a tutti i livelli, compresi i livelli di laurea, master e dottorato, è una caratteristica standard. Almeno il 50% degli studenti dell’alleanza dovrebbe beneficiare di tale mobilità, sia essa fisica, virtuale o mista.

 

❖ I nuovi programmi di studio congiunti, flessibili e innovativi sono erogati, se del caso, nei tre cicli (laurea, master e dottorato), sulla base di approcci interdisciplinari e intersettoriali, integrando approcci di apprendimento incentrati sullo studente e pedagogie innovative, compreso l’uso delle più recenti tecnologie digitali e l’approccio STEAM7. Mentre i contenuti sono personalizzati, la cooperazione è globale, in particolare per sviluppare le competenze verdi e digitali di cui la società ha bisogno. Gli studenti a tutti i livelli hanno la possibilità di personalizzare i propri curricula flessibili, scegliendo dove e cosa studiare, entro i confini di programmi di studio pedagogicamente validi e logicamente strutturati tra i diversi istituti di istruzione superiore e gli altri membri dell’alleanza, ponendo una solida base per esplorare la fattibilità di una possibile laurea congiunta a tutti i livelli, basata su criteri europei co-creati, da erogare a tutti i livelli, basata su criteri europei co-creati, da erogare a livello nazionale, regionale o istituzionale, in conformità con i quadri nazionali delle qualifiche.

 

Altre opportunità di apprendimento flessibile e percorsi di apprendimento alternativi sono offerti ai discenti in tutte le fasi della vita, in tutte le discipline e in tutti i settori, compresi piccoli volumi di apprendimento che portano a micro-credenziali.

→ Vengono fornite esperienze pratiche e lavorative e tirocini con il supporto di mentori esterni per promuovere la mentalità imprenditoriale e l’impegno civico, nonché per promuovere il trasferimento di conoscenze con gli ecosistemi circostanti; l’occupabilità e il flusso di talenti con altri settori sono amplificati.

→ Il corpo studentesco, accademico e di ricerca riflette meglio la diversità sociale, economica e culturale della popolazione globale, compresi gli studenti a tempo indeterminato, gli studenti part-time e quelli non tradizionali. Sono garantiti l’accesso, la partecipazione e il completamento dei gruppi sottorappresentati e svantaggiati. Il cambiamento istituzionale è promosso, ad esempio, attraverso lo sviluppo di piani di inclusione e parità di genere a livello istituzionale, integrati da azioni a livello di alleanza.

→ I diversi percorsi di carriera sono premiati e valorizzati, mentre le carriere accademiche, di insegnamento e di ricerca sono rafforzate; la parità di stima tra insegnamento e ricerca è assicurata quando si tratta di valutare la carriera accademica.

→ Le università europee sono tenute a lavorare per l’open science, l’open education e le pratiche di open data.

→ Vengono implementate tutte le altre attività creative e innovative che sono fondamentali per raggiungere la strategia congiunta a lungo termine.

 

Costruire gruppi europei di creazione di conoscenza (“approccio basato sulle sfide”) composti da studenti e accademici, eventualmente insieme a ricercatori, imprenditori, aziende, attori locali e regionali e attori della società civile – a seconda della strategia e della visione generale dell’alleanza – che lavorino insieme per affrontare le sfide sociali e altre sfide di loro scelta con un approccio interdisciplinare:

→ Approcci basati su sfide che combinano istruzione, insegnamento e apprendimento condivisi, innovazione pedagogica, ricerca e innovazione e che consentono alle parti coinvolte di lavorare congiuntamente e in modo trasversale alle discipline attraverso l’indagine e l’invenzione, rafforzando così l’eccellenza nell’istruzione e nella ricerca e l’impegno con i cittadini.

→ Apprendimento e formazione innovativi che sviluppino le conoscenze e dotino gli studenti, i discenti permanenti e i ricercatori di pensiero critico, capacità imprenditoriali, creative e trasversali, nonché di uno spirito innovativo rilevante per un mercato del lavoro in rapida evoluzione e per i profondi cambiamenti dei mercati, delle tecnologie e della società indotti dalla transizione strutturale, anche attraverso il trasferimento dei risultati della ricerca nell’istruzione, ad esempio nell’insegnamento, nella riqualificazione, attraverso tirocini di studenti in gruppi di ricerca.

→ Soluzioni innovative adattabili alle diverse regioni d’Europa.

 

 

I candidati possono presentare una proposta che mira a creare alleanze che vadano oltre la cooperazione bilaterale e multilaterale esistente, attraverso un approccio graduale verso una cooperazione transnazionale istituzionalizzata più profonda e il graduale raggiungimento dell’ambiziosa visione a lungo termine per le università europee. Questa azione sperimenterà diversi modelli innovativi e strutturali per l’attuazione e il raggiungimento della visione a lungo termine che ha il potenziale di trasformare la cooperazione istituzionale tra gli istituti di istruzione superiore e portarla a un livello superiore. Gli istituti avranno la possibilità di associare partner accademici e non accademici provenienti dal mondo del lavoro e di crescere in una fase successiva. Gli istituti di istruzione superiore implementeranno gradualmente le attività necessarie per realizzare la loro visione a lungo termine, iniziando ad aumentare il loro livello di integrazione. Per raggiungere questo obiettivo, concorderanno una dichiarazione di missione comune9 approvata dagli organi decisionali competenti10 a livello istituzionale di ciascun membro dell’alleanza. Questa dichiarazione di missione comporterà una strategia congiunta completa che delineerà la visione a lungo termine per promuovere un impatto sistemico, strutturale e sostenibile a tutti i livelli delle istituzioni (ad esempio, governance, accademici, personale professionale/di supporto e studenti) e in tutte le diverse aree di attività (forte attenzione all’istruzione con collegamenti, ove possibile, alla ricerca e all’innovazione e al servizio alla società), andando oltre il periodo di finanziamento UE dell’alleanza e basandosi sui loro punti di forza complementari. Poiché questa azione segue un approccio dal basso verso l’alto, ogni alleanza avrà la flessibilità di definire, attraverso un approccio graduale, il proprio piano di lavoro congiunto di attività più rilevante per raggiungere i propri obiettivi strategici e che consentirà loro di realizzare la visione a lungo termine delle università europee descritta sopra. Questo piano di lavoro comune dovrebbe essere supportato dalla progettazione di strutture di gestione e governance comuni, pertinenti ed efficienti.

Criteri di eleggibilità Per essere ammissibili, i richiedenti (beneficiari ed enti affiliati) devono:

– Essere persone giuridiche (enti pubblici o privati).

– Essere stabiliti in uno dei paesi ammissibili, vale a dire:

– Stati membri dell’UE (compresi i Paesi e territori d’oltremare (PTOM)).

– Paesi non UE: paesi terzi associati al Programma Erasmus+ (compresi i paesi SEE), paesi che hanno in corso negoziati per un accordo di associazione al Programma Erasmus+ e in cui tale accordo entra in vigore prima della firma della sovvenzione (elenco dei paesi partecipanti) e .

– Paesi non UE: Balcani occidentali Paesi terzi non associati al programma .

I candidati (potenziali beneficiari) devono essere:

– Istituti di istruzione superiore in possesso di una Carta Erasmus per l’istruzione superiore (ECHE) valida e qualsiasi entità ad essi affiliata.

– Qualsiasi altra organizzazione composta dai suddetti istituti di istruzione superiore

– specificamente istituiti allo scopo di attuare una profonda cooperazione istituzionale transnazionale, comprese le attività educative congiunte

 

I beneficiari e gli enti affiliati devono iscriversi al Registro dei Partecipanti – prima di presentare la proposta – e dovranno essere convalidati dal Servizio Centrale di Convalida (REA Validation).

Per la convalida, sarà richiesto loro di caricare documenti che dimostrino lo status giuridico e l’origine. Altre entità possono partecipare in altri ruoli del consorzio, come partner associati, subappaltatori, terze parti che forniscono contributi in natura, ecc.

 

I partner associati NON ricevono finanziamenti UE nell’ambito di questa sovvenzione, ma il loro coinvolgimento e il loro ruolo nelle diverse attività devono essere chiaramente descritti nella proposta. I partner associati possono essere:

– Qualsiasi istituto di istruzione superiore con sede in uno Stato membro dell’UE o in un Paese terzo associato al programma in possesso di una Carta Erasmus ECHE valida per l’istruzione superiore.

– Qualsiasi organizzazione pubblica/privata di uno Stato membro dell’UE, di un Paese terzo associato al programma o dei Balcani occidentali non associato al programma, attiva nel campo dell’istruzione e della formazione, della ricerca e dell’innovazione o nel mondo del lavoro.

– Qualsiasi istituto di istruzione superiore con sede in un Paese terzo non associato al programma che fa parte dello Spazio europeo dell’istruzione superiore (Processo di Bologna) o nei Balcani occidentali non associato al programma.

 

 

Composizione del consorzio

Le proposte devono essere presentate da un consorzio di almeno 3 candidati (beneficiari non enti affiliati), che rispettino le seguenti condizioni:

– Minimo 3 istituti di istruzione superiore ammissibili da 3 diversi Paesi ammissibili.

– Un istituto di istruzione superiore può partecipare come partner a pieno titolo a una sola alleanza tra università europee finanziata dal programma Erasmus+ allo stesso tempo.

– Un istituto di istruzione superiore può partecipare come partner a pieno titolo a una sola candidatura delle Università europee; può partecipare ad altre candidature solo come partner associato.

 

La durata dei progetti è di norma di 48 mesi (sono possibili proroghe, se debitamente giustificate e attraverso un emendamento).

Contributo finanziario

 

Bilancio totale Sviluppo di una profonda cooperazione istituzionale transnazionale 187,7 milioni di euro

 

Le sovvenzioni massime dell’UE si basano sul numero di partner. Tuttavia, è del tutto discrezionale per ogni alleanza distribuire nella proposta il budget totale tra i partner. La sovvenzione concessa può essere inferiore all’importo richiesto. La sovvenzione sarà una somma forfettaria. Ciò significa che rimborserà un importo fisso, basato su una somma forfettaria o su un finanziamento non legato ai costi. L’importo sarà fissato dall’autorità concedente sulla base del budget stimato del progetto e di un tasso di finanziamento dell’80%.

 

Numero totale di IIS che sono partner a pieno titolo e il loro budget massimo

 

 

ü  9 o più budget 14,40 MEUR

ü  8 bilancio 8,64 milioni di euro

ü  7 bilancio 7,56 milioni di euro

ü  6 bilancio 6,48 milioni di euro

ü  5 bilancio 5,40 milioni di euro

ü  4 bilancio 4,32 milioni di euro

ü  3 bilancio 3,24 milioni di euro

Scadenza

 

06 febbraio 2024 17:00:00 ora di Bruxelles
Ulteriori informazioni call-fiche_erasmus-edu-2024-eur-univ_en.pdf (europa.eu)

 

Servizio offerto da Tiziana Beghin, deputato al Parlamento europeo, membro non iscritto.

Disclaimer: Le opinioni espresse sono di responsabilità esclusiva dell’autore o degli autori e non riflettono necessariamente la posizione ufficiale del Parlamento europeo.

Hai bisogno di qualche informazione?

https://www.tizianabeghin.it/wp-content/uploads/2022/02/logo-320x145.png
© Copyright 2022 - Tiziana Beghin
Contatti
Parlamento europeo • Rue Wiertz 60, 1047 Bruxelles