Valutazione delle emissioni di inquinanti atmosferici derivanti da carburanti

29 Febbraio 2024
TITOLO HORIZON-CL5-2024-D5-01-18: Valutazione delle emissioni di inquinanti atmosferici derivanti da carburanti a basso contenuto di carbonio nei settori dei trasporti pesanti, dell’aviazione e del mare

 

 

HORIZON-CL5-2024-D5-01-18: Assessment of air pollutant emissions from low-carbon fuels in the heavy-duty, aviation, and maritime sectors

ENTE FINANZIATORE Commissione europea

Programma Horizon Europe

 

SETTORE DI RIFERIMENTO Ambiente
OBIETTIVI ED IMPATTO Per sostenere il Piano d’Azione Inquinamento Zero[1]I risultati del progetto dovrebbero contribuire a tutti i seguenti risultati attesi:

·         Le emissioni di inquinanti atmosferici dei veicoli pesanti a combustione (compresi i macchinari mobili non stradali come escavatori, bulldozer, mietitrebbie, ecc.), degli aeromobili e delle navi che utilizzano combustibili alternativi, con un’ampia copertura dei gruppi propulsori e delle tecnologie di trattamento dei gas di scarico esistenti (almeno in forma di prototipi avanzati), sono misurate e caratterizzate in base a scenari di utilizzo reali.

·         Vengono identificati e quantificati gli inquinanti emergenti derivanti dall’uso di nuovi carburanti a basse emissioni di carbonio.

·         Alla luce delle recenti linee guida dell’OMS, vengono misurate anche le concentrazioni di emissioni di particelle ultrafini fino ad almeno 10 nm e vengono caratterizzati i composti chimici presenti su tali particelle (in particolare composti cancerogeni come aldeidi, IPA e NPAH).

·         Vengono prodotte proiezioni dell’esposizione all’inquinamento atmosferico basate su traiettorie tecnologiche plausibili, fino all’anno 2050.

·         Vengono proposti pacchetti tecnologici per mitigare le forme di inquinamento emergenti e le proiezioni vengono aggiornate di conseguenza.

·         Vengono forniti dati scientifici affidabili per guidare le future scelte politiche e tecnologiche secondo il principio “non nuocere in modo significativo”.

·         Principi guida per una progettazione, un funzionamento e una manutenzione ottimizzati, per ridurre al minimo le emissioni, per progettisti e operatori.

Ambito di applicazione:

I combustibili a basso o nullo contenuto di carbonio proposti per l’uso nel prossimo decennio possono essere coperti, ma la priorità è sui combustibili che sono già stati dimostrati in applicazioni reali o che si prevede guadagneranno quote di mercato secondo le proiezioni fatte nel contesto del pacchetto “Fit for 55”.

Una speciazione completa delle emissioni inquinanti deve essere eseguita in diverse condizioni di lavoro che si incontrano nell’uso reale. Pertanto, gli inquinanti che si prevede di quantificare dovrebbero andare oltre l’elenco di quelli attualmente regolamentati.

Poiché l’accesso alle navi e agli aerei per i test non è semplice e le proposte non devono finanziare alcun lavoro di sviluppo di combustibili o motori, è prevista la cooperazione con i progetti esistenti in cui tali combustibili vengono testati.

Uno studio sulle possibili azioni di mitigazione dovrebbe concentrarsi su tutti i nuovi inquinanti che hanno un’alta tossicità, un alto potenziale di riscaldamento globale o entrambi.

Occorre inoltre considerare e quantificare il potenziale delle emissioni a monte e della formazione di inquinanti secondari nell’atmosfera derivanti dalle nuove emissioni. Dovrebbero essere identificati e valutati eventuali compromessi tra gli effetti dei gas serra nei prossimi 20 anni, la salute e altri impatti ambientali.

I progetti devono valutare gli impatti sulla salute umana, in particolare quelli di eventuali inquinanti emergenti.

In considerazione di quanto sopra, le proposte dovranno affrontare tutti gli aspetti e le questioni sopra citate per raggiungere i risultati attesi

Condizioni specifiche dell’argomento:

Si prevede che le attività raggiungano il TRL 5-6 entro la fine del progetto – si veda l’Allegato generale B.

 

CRITERI DI ELEGGIBILITÀ

 

 

 

Qualsiasi soggetto giuridico, indipendentemente dal suo luogo di stabilimento, compresi i soggetti giuridici di Paesi terzi non associati o di organizzazioni internazionali (comprese le organizzazioni internazionali di ricerca europee) può partecipare (indipendentemente dal fatto che sia idoneo o meno al finanziamento), a condizione che siano state soddisfatte le condizioni stabilite dal regolamento Horizon Europe e qualsiasi altra condizione stabilita nel tema specifico del bando. Per “soggetto giuridico” si intende qualsiasi persona fisica o giuridica costituita e riconosciuta come tale ai sensi del diritto nazionale, del diritto dell’UE o del diritto internazionale, dotata di personalità giuridica e che può, agendo in nome proprio, esercitare diritti ed essere soggetta a obblighi, oppure un soggetto privo di personalità giuridica.

I beneficiari e gli enti affiliati devono registrarsi nel Registro dei Partecipanti prima di presentare la domanda, per ottenere un codice di identificazione del partecipante (PIC) ed essere convalidati dal Servizio Centrale di Convalida prima di firmare la convenzione di sovvenzione. Per la convalida, durante la fase di preparazione della sovvenzione, verrà chiesto loro di caricare i documenti necessari che dimostrino il loro status giuridico e la loro origine. Un PIC convalidato non è un prerequisito per presentare una domanda.

 

 

 

Se i progetti utilizzano dati e servizi di osservazione della terra, posizionamento, navigazione e/o tempistica correlati basati su satelliti, i beneficiari devono utilizzare Copernicus e/o Galileo/EGNOS (possono essere utilizzati anche altri dati e servizi).

CONTRIBUTO FINANZIARIO

 

 

Contributo UE previsto per progetto La Commissione stima che un contributo UE di circa 3,50 milioni di euro consentirebbe di affrontare adeguatamente questi risultati. Tuttavia, ciò non preclude la presentazione e la selezione di una proposta che richieda importi diversi. Budget indicativo Il budget totale indicativo per il tema è di 7,00 milioni di euro. Tipo di azione Azioni di ricerca e innovazione
SCADENZA

 

18 aprile 2024 17:00:00 ora di Bruxelles
ULTERIORI INFORMAZIONI wp-8-clima-energia-e-mobilità_orizzonte-2023-2024_it.pdf (europa.eu)

Servizio offerto da Tiziana Beghin, deputato al Parlamento europeo, membro non iscritto.

Disclaimer: Le opinioni espresse sono di responsabilità esclusiva dell’autore o degli autori e non riflettono necessariamente la posizione ufficiale del Parlamento europeo

Hai bisogno di qualche informazione?

https://www.tizianabeghin.it/wp-content/uploads/2022/02/logo-320x145.png
© Copyright 2022 - Tiziana Beghin
Contatti
Parlamento europeo • Rue Wiertz 60, 1047 Bruxelles